L’Afghanistan fa ora parte del mondo post-americano

[ad_1]

Aggiornamento Afghanistan

Questo La caduta di Kabul I talebani, 20 anni dopo essere stati espulsi, metteranno fine all’influenza degli Stati Uniti in Afghanistan, che potrebbe durare per decenni. In questo senso può essere paragonato al rovesciamento del re iraniano nel 1979, alla caduta di Saigon nel 1975 o alla rivoluzione cubana nel 1959.

Con il ritiro degli Stati Uniti, i talebani cercheranno di stabilire relazioni con una serie di altri attori tra cui Cina, Pakistan e paesi del Golfo.Il nuovo sovrano dell’Afghanistan sembra essere impaziente Riconosciuto internazionalmente, E il commercio e gli aiuti che ne derivano. Questo desiderio può persuadere i talebani ad alleviare il loro desiderio di diventare più fanatici.

Il trattamento delle donne afgane e dei nemici sconfitti dei talebani riceverà un’attenzione particolare all’estero.Alcuni portavoce dell’organizzazione hanno detto Suggerire A differenza della prima volta al potere, i talebani permetteranno alle donne di lavorare e ricevere un’istruzione. Ma molte donne afgane che attualmente partecipano alla politica e alla società civile sono profondamente scettiche.

I governi stranieri non sono l’unico pubblico internazionale che potrebbe essere interessato ai talebani. Il fatto che il violento movimento islamico sia riuscito a sconfiggere gli Stati Uniti spingerà i jihadisti di tutto il mondo che ora potrebbero rivolgersi all’Afghanistan guidato dai talebani per avere guida e ispirazione.

John Allen, ex comandante statunitense e alleato in Afghanistan, ora previsto Al-Qaeda “operava apertamente dalle montagne dell’Hindu Kush in caso di ritiro delle truppe Usa”. L’amministrazione Biden ha affermato che se ciò accadrà, reagirà. Ma il generale Allen ha sottolineato che in assenza di controllori di terra affidabili, le operazioni antiterrorismo dell’Afghanistan sono “compiti molto impegnativi”.

Anche l’Afghanistan confine Cina, Iran, Pakistan e Asia centrale sono vicini vicini dell’India. Tutti questi paesi temono che si diffonda la violenza ispirata dai talebani.

L’India dovrà affrontare ulteriori problemi in Jammu e Kashmir, la sua unica provincia a maggioranza musulmana. La Cina ha motivo di temere che gli uiguri che combattono contro la repressione di Pechino nello Xinjiang possano trovare una base in Afghanistan. L’Iran sarà felice di vedere gli Stati Uniti sconfitti, ma si preoccuperà della sorte degli hazara della minoranza sciita che sono ferocemente perseguitati dai talebani.Tutti Paesi vicini dell’Afghanistan L’UE si preparerà all’afflusso di rifugiati.

Il paese confinante nella situazione più ambigua e pericolosa è il Pakistan. Per decenni, il governo di Islamabad, in particolare il Tri-Service Intelligence Service, l’agenzia di intelligence del Pakistan, ha fornito un rifugio sicuro ai talebani. Questa politica è stata in parte negata e in parte giustificata sulla base del fatto che il Pakistan ha bisogno di “profondità strategica”, il che significa impedire che l’Afghanistan cada sotto il controllo indiano. Anche l’influenza degli islamisti intransigenti in Pakistan contribuisce a creare un ambiente tollerante per i talebani.

L’acquiescenza di Islamabad all’islamismo violento in Afghanistan è sopravvissuta persino alle atrocità avvenute in territorio pakistano, ad esempio massacro In una scuola di Peshawar nel 2014, i talebani pakistani hanno ucciso circa 150 persone, tra cui 132 bambini.

Il governo pakistano continua a sostenere di usare la “massima influenza” per cercare di costringere i talebani a negoziare. Ma la gente generalmente non ci crede. Un alto funzionario afghano si è lamentato di recente con me: “I miei incontri con i pakistani non sono mai stati cattivi. Semplicemente non mantengono mai le loro promesse”.

Tuttavia, l’acquisizione da parte dei talebani del vicino Afghanistan è pericolosa anche per il Pakistan. I jihadisti interni agiranno con coraggio a causa della vittoria. Il confine di 1,600 miglia tra i due paesi è tradizionalmente pieno di scappatoie.I talebani pakistani sembrano avere rianimazione — Rivendicata la responsabilità di 26 attacchi terroristici in Pakistan il mese scorso, tra cui Attentato suicida Ha causato la morte di 9 lavoratori cinesi. Potrebbero essere presi di mira anche funzionari laici pakistani.

Tutti i paesi confinanti con l’Afghanistan sperano ardentemente che i talebani imparino alcune lezioni dall’ultimo periodo di governo, dal 1996 al 2001, e non permettano al loro paese di diventare nuovamente una base per le organizzazioni jihadiste internazionali.

Se i talebani non tentano di esportare il fondamentalismo islamico violento, è probabile che il suo potere a Kabul sia uno sviluppo positivo per la Cina. Il credo della politica estera del governo cinese si basa sul principio di “non interferenza”, il che significa essenzialmente che finché i talebani rispettano gli “interessi fondamentali” della Cina, Pechino non prenderà alcuna posizione sul sistema politico interno dell’Afghanistan o sulle questioni relative ai diritti umani.

La Cina ha espresso la sua volontà di cooperare con i talebani attraverso un recente alto profilo. Incontro Tra il ministro degli Esteri cinese Wang Yi e il mullah Abdul Ghani Baradar dei talebani. Il significato di questo incontro risiede non solo nella sua convocazione, ma anche nella propaganda che Pechino ritiene opportuna.

Se la Cina riuscirà a stabilire un rapporto di lavoro con il governo afghano guidato dai talebani, fornirà a Pechino benefici economici: ad esempio, sarà possibile stabilire un corridoio di transito nazionale verso il porto pakistano di Gwadar, costruito dalla Cina.

Strategicamente, la Cina è anche disposta ad avere l’opportunità di fare pressione sull’India per aumentare la paura di Delhi di essere circondata. Soprattutto, Pechino accoglierà ulteriori prove dell’imminente arrivo del mondo post-americano.

gideon.rachman@ft.com

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *