L’allenatore dell’Inghilterra denuncia gli “imperdonabili” abusi razzisti sui calciatori

[ad_1]

L’allenatore dell’Inghilterra Gareth Southgate ha condannato l’abuso razzista dei membri della squadra dopo aver perso contro l’Italia nella finale di Euro 2020 come “imperdonabile” e ha aggiunto che i suoi giocatori dovrebbero giocare per loro Orgogliosi dei risultati ottenuti.

Southgate ha tenuto un discorso lunedì e la mattina dopo che l’Inghilterra ha perso contro l’Italia ai rigori a Wembley, le speranze del paese di vincere il campionato di calcio maschile per la prima volta in 55 anni sono state deluse.

I razzisti hanno specificamente sottolineato sui social media che Marcus Rashford, Jaden Sancho e Bucayo Saka hanno pareggiato 1-1 nei 90 minuti di gioco e 30 minuti supplementari, sbagliando un rigore in una sparatoria tesa.

Southgate ha dichiarato: “È davvero imperdonabile che alcuni di loro siano stati abusati. So che molti di loro provengono dall’estero. Le persone che seguono queste cose hanno spiegato questo, ma non tutto. Questo non è ciò che rappresentiamo. .

“I giocatori hanno un’unità e uno spirito incredibili e penso che uniscano molte parti del nostro paese. Dovrebbero, e penso, essere incredibilmente orgogliosi di ciò che hanno fatto”.

Il primo ministro britannico Boris Johnson e il principe William si sono uniti a Southgate nel condannare gli abusi.

“Questa squadra inglese dovrebbe essere elogiata come un eroe, non come razzista sui social media”, ha detto Johnson. “La persona responsabile dovrebbe vergognarsi di se stessa.”

Il principe William ha detto di sentirsi “disgustoso” per il razzismo. Il club di Rashford, il Manchester United, ha acquisito Sancho dal Dortmund in Germania quest’estate, e anche l’Arsenal, che ha giocato per Saka, ha rilasciato una dichiarazione contro il razzismo.

Questi incidenti mostrano che, nonostante i ripetuti appelli all’azione da parte di noti giocatori e legislatori, inclusa la squadra inglese, le società di social media stanno ancora lavorando per combattere il razzismo e gli abusi sulle loro piattaforme.

I calciatori vengono spesso criticati sui social media dopo aver perso le partite, ma gli abusi più gravi sono di solito diretti ai calciatori neri e alle minoranze etniche. Il calcio britannico, inclusa la Premier League e i suoi club, ad aprile ha boicottato Facebook, Twitter e Instagram per attirare l’attenzione sugli abusi.

I giocatori dell’Inghilterra hanno continuato a inginocchiarsi prima della partita, che era un gesto simbolico contro il razzismo, ma alcuni tifosi hanno fischiato.

Sebbene Johnson abbia esortato i fan a non fischiare i giocatori in ginocchio, All’inizio si è tenuto lontano da questo gesto, Dicendo che “si è concentrato più sulle azioni che sui gesti”.

“Ecco perché ci inginocchiamo”, ha detto il deputato laburista David Lamy, che ha citato diversi esempi di abusi razzisti su Twitter.

Il razzismo aumenterà anche i problemi di sicurezza, la supervisione degli eventi e i problemi con le prestazioni dei fan durante il giorno.

La Federcalcio, l’organo di governo nazionale, ha affermato che sosterrà i giocatori e imporrà “la punizione più severa” ai responsabili.

“Siamo molto consapevoli che chiunque sia dietro questo comportamento disgustoso non è il benvenuto a seguire la squadra”, ha aggiunto.

Il sindaco di Londra Sadiq Khan ha affermato che i responsabili degli abusi “devono assumersi la responsabilità” e che “le società di social media devono agire immediatamente per eliminare e prevenire questo odio”.

La polizia metropolitana ha dichiarato di essere a conoscenza di “commenti offensivi e razzisti” sui social media dopo le finali e ha aggiunto che sarebbe stata condotta un’indagine.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *