L’ambizioso piano climatico dell’Arabia Saudita è difficile da decollare

[ad_1]

Quest’anno, quando il principe ereditario Mohammed bin Salman ha annunciato l'”iniziativa verde” dell’Arabia Saudita, ha fatto una promessa convincente che è diventata una caratteristica del grande piano della giovane famiglia reale per modernizzare il regno.

Il principe Mohammed ha promesso che il più grande esportatore di petrolio al mondo guiderà la “prossima era verde” e ha promesso che entro il 2030, il 50% della produzione di elettricità dell’Arabia Saudita sarà fornita da energia rinnovabile e l’altro 50% sarà fornito da gas naturale. Nei prossimi decenni, Riyadh pianterà 10 miliardi di alberi in questo paese desertico.

“Come primo produttore mondiale di petrolio, siamo pienamente consapevoli delle nostre responsabilità nel portare avanti la lotta contro la crisi climatica”, ha detto il principe quando ha annunciato il piano a marzo. “E come [with] Abbiamo svolto un ruolo pionieristico nella stabilizzazione del mercato dell’energia nell’era del petrolio e del gas e agiremo per guidare la prossima era verde. “

Ma come molti dei piani ambiziosi del principe, gli scettici si chiedono se le sue parole corrisponderanno alle azioni effettive sul campo. L’Arabia Saudita brucia circa 1 milione di barili di petrolio equivalente al giorno per alimentare il proprio sistema energetico, un numero che aumenta notevolmente nella calda estate quando i sauditi si affidano all’aria condizionata per mantenersi freschi.

L’organizzazione di ricerca indipendente Climate Action Tracker ha valutato gli impegni climatici dell’Arabia Saudita come “seriamente insufficienti”, citando la mancanza di politiche o dati chiari sulle sue emissioni.

“Non è chiaro come abbiano effettivamente raggiunto questi obiettivi [climate goals], Non è affatto molto trasparente”, ha affermato Mia Moisio, analista del New Climate Institute, che aiuta a raccogliere i dati dal Climate Action Tracker. [the kingdom’s] annuncio. .. Non c’è motivo per cui sia impossibile in Arabia Saudita. Ma l’inerzia è grande. ”

L’Arabia Saudita prevede di piantare 10 miliardi di alberi nei prossimi decenni © Fayez Nureldine/AFP/Getty

Riyadh ha dichiarato nel suo piano di riduzione delle emissioni 2015 che avrebbe ridotto 130 milioni di tonnellate di emissioni di gas serra entro il 2030, ma non ha delineato come farlo.

Secondo diverse persone coinvolte nella discussione, nei negoziati con gli scienziati, i funzionari sauditi si sono opposti a parte del linguaggio nel rapporto sul clima delle Nazioni Unite di questo mese, sperando di sostituire le “emissioni di carbonio” con “emissioni di gas serra”.

Secondo l’Istituto Internazionale per lo Sviluppo Sostenibile, Riyadh ha anche chiesto che la parola “zero netto” sia cancellata da diverse parti del sommario del rapporto, ma non ha avuto successo perché era “politica-prescrittiva”.

I funzionari sauditi insistono sul fatto che il governo è impegnato ad agire, affermando che l’opposizione di Riyadh all’uso delle emissioni di carbonio in parte del rapporto delle Nazioni Unite è correlata alla loro argomentazione secondo cui per affrontare gli obiettivi climatici dell’accordo di Parigi, incluso lo zero netto, ” bisogna proprio guardare alla serra Nel gas non c’è solo anidride carbonica”.

I funzionari hanno affermato che questo regno basato sugli idrocarburi ha compiuto grandi progressi da quando ha inserito il cambiamento climatico nell’agenda nazionale nel 2015 e il principe Mohammed ha promesso di alleviare la dipendenza dell’economia dal petrolio.

“Ora siamo molto più a nostro agio, a quel tempo avevamo un grosso punto interrogativo”, ha detto al Financial Times un alto funzionario saudita. “Ma i progressi che abbiamo fatto da allora sono incredibili”.

Tre anni fa, Riyadh ha adottato una mossa politicamente sensibile, raddoppiando i prezzi della benzina e aumentando i prezzi dell’elettricità delle utility, in parte per aumentare le entrate, ma anche per migliorare l’efficienza energetica. Ha inoltre rilasciato diverse dichiarazioni sui progetti di energia rinnovabile, inclusi piani ambiziosi per creare la prima città a zero emissioni di carbonio al mondo, The Line, nel mega progetto di punta del principe Mohammed Neom, che mira ad essere alimentato dall’idrogeno.

Nel 2018, ha annunciato la costituzione di una joint venture da 200 miliardi di dollari con la giapponese SoftBank per sviluppare il più grande progetto solare del mondo. Ma pochi mesi dopo l’annuncio, il fondo di investimento pubblico presieduto dal principe è stato costretto a rilasciare un comunicato negando che il progetto fosse stato accantonato. Nei tre anni successivi non si hanno informazioni dettagliate sui suoi progressi.

PIF ha investito 40 miliardi di dollari nel Vision Fund di SoftBank e ha preso l’iniziativa di promuovere il piano di sviluppo del principe Mohammed, ma non ha risposto a una richiesta di commento.

Il CEO di SoftBank Sun Zhengyi e il principe ereditario Mohammed bin Salman a New York nel 2018

Il CEO di SoftBank Sun Zhengyi e il principe ereditario Mohammed bin Salman a New York nel 2018 © Jeenah Moon/Bloomberg

Tuttavia, si prevede che il fondo sovrintenderà al 70% dei progetti di energia rinnovabile nel piano di sviluppo 2030 dell’Arabia Saudita. Questo mese, ACWA Power, una società di servizi pubblici in cui PIF possiede il 50%, ha annunciato il regolamento finanziario del progetto solare Sudair da 3,4 miliardi di riyal (907 milioni di dollari USA), che dovrebbe generare 1,5 GW di elettricità. Il PIF ha anche investito nel fondo per il clima TPG Rise Climate da 5,4 miliardi di dollari, presieduto dall’ex segretario al Tesoro degli Stati Uniti Hank Paulson (Hank Paulson).

I funzionari sauditi hanno dichiarato che l’attuale capacità solare installata è di 300 MW e hanno aggiunto che Riyadh sta sviluppando 13 progetti, che aumenteranno a 5 GW entro il 2024.

Ma Tim Buckley, capo dell’Australia/Asia meridionale Energy Finance Research presso l’Institute of Energy Economics and Financial Analysis, ha affermato che la natura di chiusura del progetto saudita ha scoraggiato i potenziali investitori.

“Il mercato è cinico: hanno annunciato il più grande progetto solare del mondo tre o quattro anni fa, ma non hanno ottenuto nulla”, ha detto.

Tuttavia, ha aggiunto che la vasta terra desertica del regno e il clima caldo significano che ha risorse che consentono di diventare la “capitale mondiale del solare, una volta capitale mondiale del petrolio”.

Funzionari del governo hanno affermato che prevedono anche di utilizzare la cattura, l’utilizzo e lo stoccaggio del carbonio (CCUS) e la cattura diretta dell’aria (DAC) per catturare le emissioni dalla produzione di idrocarburi, molto inferiori alle emissioni generate quando il carburante viene bruciato.

Funzionari sauditi hanno affermato che la compagnia petrolifera statale Saudi Aramco e il gruppo petrolchimico Sabic stanno entrambi sviluppando progetti in quest’area.

Hawiyah Natural Gas Liquid Recovery Plant in collaborazione con Saudi Aramco

Impianto di recupero del gas naturale di Hawiyah gestito da Saudi Aramco © Maya Siddiqui/Bloomberg

“Ci rendiamo conto che dobbiamo andare oltre l’energia rinnovabile e l’elettrificazione per garantire che CCUS e DAC siano gestiti correttamente; l’idrogeno diventa un combustibile pulito che deve essere stabilito [and] Ci rendiamo conto che anche se si tratta di carburante per aerei, dobbiamo lavorare sodo sul carburante elettronico”, ha affermato un alto funzionario saudita.

Ha detto che non c’è conflitto tra l’utilizzo di tecnologie pulite degli idrocarburi e “l’utilizzo di idrocarburi e la risoluzione dei problemi climatici”.

Il regno fa ancora affidamento sul petrolio per le sue entrate e valuta estera. Affronta anche enormi impegni finanziari per finanziare un gran numero di progetti su larga scala che fanno parte del piano del principe Mohammed per raggiungere la diversificazione economica.

“il fatto è [the Saudis] Richard Black, assistente senior del dipartimento di intelligence per l’energia e il clima, ha affermato che attualmente non vi è alcun incentivo economico ad abbandonare la produzione di combustibili fossili.

Capitale del clima

Dove il cambiamento climatico incontra affari, mercati e politica. Esplora il rapporto del “Financial Times” del Regno Unito qui.

Sei curioso di conoscere l’impegno di sostenibilità ambientale del Financial Times? Scopri di più sui nostri obiettivi basati sulla scienza qui

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *