L’arma segreta delle startup automobilistiche a guida autonoma: Humans di Reuters

[ad_1]

3/3

© Reuters. Foto del file: il 17 giugno 2021, un veicolo dotato della tecnologia di guida autonoma Pony.ai parcheggiato presso l’ufficio dell’azienda a Fremont, California, USA. REUTERS/Nathan Frandino/File Photo

2/3

Autore Hyunjoo Jin

Fremont, California (Reuters)-Le startup di guida autonoma come Cruise e Pony.ai hanno iniziato a testare le loro auto senza conducente in alcune parti della California lo scorso anno e hanno aggiunto una caratteristica: un operatore umano.

Il CEO di Pony.ai, James Peng, ha detto a Reuters che, sebbene non ci sia un guidatore al volante, c’è un operatore di sicurezza sul sedile del passeggero che “ha un pulsante rosso per fermare il veicolo quando succede qualcosa”.

L’operatore verrà rimosso il prossimo anno, quando gli investitori di Pony.ai includeranno Toyota Motor (NYSE:) Corp prevede di implementare i suoi servizi di ride-hailing senza conducente in alcune aree della California. Peng ha affermato, tuttavia, che l’operatore remoto monitorerà il veicolo e fornirà indicazioni quando il veicolo incontra un problema.

Il video mostra che i dipendenti Waymo di Alphabet (NASDAQ:) Inc indossano giubbotti gialli fluorescenti e sono pronti a fornire assistenza stradale ai minivan automatizzati a Phoenix. Secondo il video, un appassionato pilota dell’azienda, Joel Johnson (Joel Johnson) Johnson ) ne è stato testimone.

Crociera https://www.reuters.com/business/autos-transportation/gms-self-driving-car-unit-cruise-access-5-bln-credit-line-2021-06-15, di proprietà di General Motors Co (NYSE:) ha iniziato a far funzionare cinque auto senza conducente a San Francisco di notte nell’ottobre 2020, con una persona sul sedile anteriore. Un portavoce di Cruise ha affermato che il caregiver “ha la possibilità di fermare il veicolo in qualsiasi momento durante il viaggio”.

“Cruise ritiene che lo sviluppo di veicoli autonomi non sia solo una corsa tecnologica, ma anche una corsa alla fiducia”, ha aggiunto il portavoce. “In considerazione di ciò, lasciamo che gli esseri umani partecipino ai test delle auto senza conducente, non solo come mezzo per uno sviluppo sicuro, ma anche per creare fiducia con il pubblico”.

Il colosso automobilistico sudcoreano Hyundai Motor Group ha investito nella start-up di operazioni a distanza Ottopia, che fornirà assistenza remota alla flotta di taxi con pilota automatico della joint venture con pilota automatico di Hyundai Motional.

Tesla ha detto all’autista: “Pronto ad agire”

Nelle auto a guida autonoma che dovrebbero essere guidate dal software, la continua esistenza degli esseri umani mette in evidenza le sfide che l’industria automobilistica a guida autonoma, che ha consumato miliardi di dollari in fondi degli investitori nell’ultimo decennio.

Le interviste hanno rivelato che, poiché gli ostacoli tecnici e normativi ai taxi robotici senza conducente free-range non sono ancora finiti, alcune società di guida autonoma stanno accettando le esigenze dei tutori umani e restringendo le loro ambizioni in modo che possano iniziare a generare reddito con investitori e startup nel prossimo futuri dirigenti della Società.

Anche Tesla (NASDAQ:) ha recentemente lanciato una nuova versione di prova del suo cosiddetto software di “guida completamente autonoma” https://www.reuters.com/technology/musks-ai-day-confronts- hard-questions- about- teslas-technology-2021-08-18 ha affermato in un messaggio ai proprietari di auto che i conducenti dovrebbero “essere pronti ad agire immediatamente, specialmente in angoli ciechi, incroci e situazioni di guida strette”. Il regolatore ha avviato un’indagine formale sul sistema di assistenza alla guida Autopilot della casa automobilistica https://www.reuters.com/business/autos-transportation/us-safety-agency-says-it-has-opened-probes-into-10-tesla -morti-incidente-da-2016-2021-06-17.

Soccorso stradale WAYMO

Waymo ha sviluppato la tecnologia di guida autonoma per più di dieci anni e ha lanciato il primo taxi robotico commerciale a Phoenix https://www.reuters.com/article/us-waymo-autonomous-phoenix/waymo-opens-driverless-robo- 2018 Taxi servizio al pubblico a Phoenix IDUSKBN26T2Y3. Ma il successore del pionieristico progetto di auto a guida autonoma di Google coinvolge ancora gli esseri umani.

Waymo ha detto a Reuters di avere quattro squadre responsabili del monitoraggio e dell’assistenza alla flotta. Le responsabilità vanno dalla risposta alle domande del motociclista alla fornitura a distanza di un “secondo paio di occhi” in situazioni difficili come la chiusura delle strade. Uno dei suoi team fornisce assistenza stradale in risposta a collisioni e altri incidenti.

Nathaniel Fairfield, ingegnere del software di Waymo, ha dichiarato in una dichiarazione a Reuters che questi team “lavorano insieme per coordinare le operazioni della nostra flotta a guida autonoma per tutto il giorno”.

Ha detto che Waymo non gestisce il veicolo tramite telecomando.

“Non usiamo acquisizione remota o” joystick “perché crediamo che il personale remoto non aumenti effettivamente la sicurezza”, ha affermato, citando potenziali problemi di connessione wireless.

Waymo ora prevede di avviare operazioni commerciali di auto a guida autonoma a San Francisco, inizialmente sotto la responsabilità dei conducenti di sicurezza. L’azienda fa affidamento su un gran numero di operatori di veicoli per intensificare i test in ambienti urbani densi e complessi.

Un ex operatore Waymo che ha partecipato al test di San Francisco quest’anno ha detto che doveva “disimpegnarsi” e intervenire circa 30 volte al giorno, compreso se l’auto non si fermava abbastanza velocemente al semaforo rosso o se il veicolo che precedeva rallentava improvvisamente giù o fermato.

“Sei cauto… A volte (pensi) ‘Oh, non avevo previsto affatto questo comportamento.’ “Questo tipo di comportamento di solito non si verifica”, ha detto l’operatore di sicurezza esperto, per motivi di riservatezza, ha chiesto l’anonimato.

Piccolo sporco segreto

I regolatori consentono anche agli esseri umani di partecipare alle auto a guida autonoma. Il Dipartimento dei veicoli a motore della California ha dichiarato in una dichiarazione alla Reuters che la legge della California “richiede la creazione di un collegamento di comunicazione bidirezionale per consentire ai produttori di monitorare continuamente la posizione/lo stato dei veicoli (senza equipaggio)”.

Altre compagnie di taxi robotici stanno utilizzando il funzionamento a distanza come un modo per far circolare i veicoli.

A Las Vegas, la startup Halo consente ai clienti di evocare un’auto senza conducente guidata da un operatore umano remoto attraverso una rete wireless veloce di quinta generazione gestita da T-Mobile US (NASDAQ:) Inc..

“Solo pochi anni fa, l’assistenza manuale remota era un piccolo sporco segreto in questo campo”, ha affermato Elliott Katz, co-fondatore della società di operazioni remote Phantom Auto. “Quasi nessuno ne parla pubblicamente perché c’è ancora l’impressione che questi veicoli saranno in grado di guidare autonomamente, andare dove devono andare e fare tutto ciò che farebbe un guidatore umano”.

Ha aggiunto: “Ora tutti sanno che non sarà così”.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *