L’aumento dei prezzi e i fallimenti bancari aggravano la sofferenza a Kabul

[ad_1]

Kabul: Una settimana dopo la cattura fulminea di Kabul da parte dei talebani, ogni giorno sempre più persone nella capitale afghana si trovano a dover affrontare la disoccupazione, le banche sono ancora chiuse e i prezzi del cibo sono in aumento.

Dopo il crollo del governo appoggiato dall’Occidente, migliaia di persone si sono affollate davanti all’ingresso dell’aeroporto per competere per i posti sui voli in partenza da Kabul: questa è l’immagine più vivida del tumulto della città.

Ma nel tempo, le preoccupazioni quotidiane per il cibo e l’affitto si sono aggiunte all’incertezza di un Paese la cui fragile economia è crollata a causa della scomparsa del sostegno internazionale.

“Sono totalmente perso. Non so cosa dovrei considerare prima, la mia sicurezza e sopravvivenza, o per sfamare i miei figli e la mia famiglia”, ha detto un ex agente di polizia, ora nascosto in clandestinità. Ha perso il suo precedente stipendio mensile di $ 260. Per mantenere la moglie e i quattro figli.

Come molti impiegati statali di basso livello, spesso non hanno ricevuto i loro stipendi per molto tempo e lui non li ha nemmeno ricevuti negli ultimi due mesi.

“Vivo in un appartamento in affitto e non ho pagato il proprietario negli ultimi tre mesi”, ha detto.

Nel giro di una settimana, ha detto che ha cercato di vendere diversi anelli e un paio di orecchini appartenenti a sua moglie, ma come molte attività commerciali, il mercato dell’oro era chiuso e non riusciva a trovare un acquirente.

“Sono impotente e non so cosa fare.”

Anche prima che i talebani spazzassero la città domenica scorsa, la situazione era peggiorata: gli insorti si sono mossi rapidamente in varie province e città, facendo precipitare la valuta locale dell’Afghanistan contro il dollaro USA e facendo salire i prezzi dei generi alimentari di base.

I prezzi degli alimenti di base come farina, olio e riso sono aumentati dal 10% al 20% in pochi giorni e, poiché le banche sono ancora chiuse, molte persone non possono utilizzare i propri risparmi. Con la chiusura della sede della Western Union, le rimesse dall’estero si sono prosciugate.

“È tutto a causa della situazione del dollaro USA. Alcuni negozi di alimentari sono aperti, ma il mercato è vuoto”, ha detto un ex dipendente del governo, che ora si nasconde per paura della vendetta dei talebani.

Sebbene il traffico verso il vicino Pakistan attraverso il confine terrestre principale sia ripreso, le gravi siccità in tutto il Paese hanno esacerbato le difficoltà affrontate da molte persone e hanno costretto migliaia di persone a recarsi nelle città per cercare di sopravvivere in tende e rifugi temporanei.

Domenica, l’organizzazione umanitaria internazionale ha affermato che la sospensione dei voli commerciali per l’Afghanistan ha impedito di ottenere medicinali e altri materiali di aiuto.

Ora, le difficoltà si stanno allargando sempre di più alle città, colpendo le classi medie e basse il cui tenore di vita è migliorato nei 20 anni dall’ultima volta che i talebani hanno preso il potere.

“Tutto è finito. Non è caduto solo il governo, ma ci sono migliaia di persone come me le cui vite dipendono da uno stipendio mensile di circa 15.000 afgani (200 dollari)”, ha detto un impiegato del governo che ha chiesto di non essere nominato. Dire.

“Siamo già pesantemente indebitati perché il governo non ha pagato i nostri stipendi negli ultimi due mesi”, ha detto. “La mia anziana madre è malata, ha bisogno di medicine, ei miei figli e la mia famiglia hanno bisogno di cibo. Dio ci aiuti”.

Per saperne di più

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *