L’Australia intensifica gli sforzi per il vaccino per fermare l’epidemia di COVID-19 Reuters

[ad_1]

© Reuters. Il 28 giugno 2021, per frenare la diffusione dell’epidemia di coronavirus (COVID-19) a Sydney, in Australia, un pedone ha attraversato un incrocio vuoto nel centro della città durante il pendolarismo mattutino. REUTERS/Loren Elliott

Di Renju Jose

SYDNEY (Reuters)-Dopo un’ondata di casi di COVID-19 a livello nazionale, l’Australia ha deciso lunedì di rendere obbligatorie le vaccinazioni per i caregiver anziani ad alto rischio e i dipendenti di hotel isolati.

Il primo ministro Scott Morrison ha incontrato i leader statali e territoriali per discutere della situazione in cui più di 20 milioni di australiani, circa l’80% della popolazione totale, sono sottoposti a qualche forma di blocco o restrizioni legate al coronavirus.

Cinque degli otto stati e territori australiani sono stati colpiti dall’epidemia di virus delta altamente contagiosa e le persone hanno generalmente accusato le perdite di quarantena degli hotel per l’aumento delle infezioni.

Morrison ha detto ai giornalisti dopo la riunione del gabinetto nazionale: “La variante Delta presenta sfide molto diverse da quelle che abbiamo affrontato in passato”.

Ha convenuto che tutto il personale della casa di cura deve essere vaccinato per la prima volta almeno prima della metà di settembre e che tutto il personale coinvolto direttamente o indirettamente nelle strutture di isolamento (compreso il trasporto) deve essere testato e vaccinato.

A causa di problemi di fornitura e preoccupazioni sulla trombosi del vaccino di AstraZeneca (NASDAQ:), la promozione del vaccino in Australia è stata lenta, il che ha portato il governo a limitarne l’uso alle persone con più di 60 anni.

Morrison ha affermato che se i giovani sono disposti a parlare con i medici, ora possono ottenere il vaccino AstraZeneca e godranno di un piano di compensazione senza colpa.

A causa dei severi controlli alle frontiere, l’Australia ha registrato solo più di 30.500 casi di COVID-19 e 910 morti. Morrison ha affermato che i controlli alle frontiere non saranno revocati fino al 2022.

“Non è saggio rinunciare a questo vantaggio ora, ed è meglio non arrendersi. Ma penso che questa sia una decisione che deve essere presa l’anno prossimo”, ha detto.

Blocchi, rigide regole di allontanamento sociale e una rapida tracciabilità dei contatti possono aiutare a frenare i primi focolai.

Sydney è la città più popolosa dell’Australia e la capitale del New South Wales (NSW).Lo scorso fine settimana è iniziato un blocco di due settimane.

Lunedì il Nuovo Galles del Sud ha riportato 18 nuovi casi locali, rispetto ai 30 di un giorno fa, portando il numero totale di infezioni nell’epidemia più recente a 130, poiché il conducente di un equipaggio di una compagnia aerea d’oltremare era in volo quasi due settimane fa. Il primo caso è stato trovato a.

Il governatore del Nuovo Galles del Sud Gladys Berejiklian ha detto ai giornalisti: “Dobbiamo essere preparati per un aumento significativo dei numeri”.

Il blocco nella città settentrionale di Darwin, originariamente previsto per martedì, è stato esteso a venerdì. Dopo che i funzionari dell’Australia occidentale hanno adottato misure simili contro la capitale dello stato di Perth, Queensland e South Australia hanno reintrodotto le maschere obbligatorie e le riunioni familiari limitate. Esistono ancora restrizioni a Melbourne, la capitale del Victoria, e Canberra, la capitale nazionale.

La polizia del New South Wales ha multato 44 persone per aver violato l’ordine di soggiorno a casa, tra cui un paio di persone nude che prendono il sole che hanno perso la strada dopo essere state spaventate da un cervo in un parco nazionale.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidarsi a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *