L’azienda cinese si prepara alle conseguenze dell’indagine sui dati di Didi

[ad_1]

Aggiornamento commerciale e finanziario in Cina

Quando i regolatori cinesi hanno annunciato un’indagine sulla sicurezza dei dati di Didi Chuxing il mese scorso, il gruppo di passeggeri quotato a New York ha perso immediatamente un quinto del suo valore di mercato.

Didi, con sede a Pechino, l’intera industria tecnologica cinese e Investitori globali Ora preparati per risultati di rilevamento senza precedenti.

Né la società né la China Cyberspace Administration of China, che ha guidato le indagini, hanno detto cosa sarebbe successo. Ma gli analisti ritengono che Pechino utilizzerà l’indagine Didi per emettere un avvertimento secondo cui i gruppi tecnologici devono dare la priorità alla conformità nazionale rispetto agli investitori stranieri.

“Stanno cercando di fare un punto: non farlo. L’ultima volta che hanno brillato su Alibaba, è stata una multa record”, ha affermato Kendra Schaefer, analista tecnico presso Trivium, una società di consulenza di Pechino. $ 2,8 miliardi di multe antitrust Ad aprile, ha attaccato il gruppo di e-commerce di Jack Ma.

“L’obiettivo principale di Pechino in termini di dati è far capire alle aziende che la conformità dei dati e della sicurezza informatica è fondamentale per il suo continuo sviluppo”, ha affermato.

questo Annunciare l’indagine 2 luglio, pochi giorni dopo l’offerta pubblica iniziale di 4,4 miliardi di dollari di Didi. I funzionari hanno fino a 45 giorni lavorativi per condurre le indagini.

Da allora, la dichiarazione di Didi si è limitata a rispondere ai resoconti dei media: imminenti cambiamenti ai vertici, introduzione di terze parti per la gestione dei dati e società Forse anche privatizzato.

Didi ha descritto questi rapporti come “falsi e privi di fondamento”.

Due persone che hanno familiarità con la questione hanno dichiarato al Financial Times che, nonostante queste smentite, gli investitori in questo gruppo online sono ancora molto preoccupati per il fatto che gli sia stato chiesto di ritirarsi dalla quotazione alla Borsa di New York.

Un’altra persona che ha familiarità con le indagini si aspetta che il governo cinese prenda “Azioni d’oro“A Didi, in futuro, ciò consentirà di ottenere un controllo statale più stretto.

La persona che ha familiarità con la questione ha affermato che questo risultato è diventato più probabile dopo che un think tank affiliato al regolatore del mercato cinese ha pubblicato ad aprile un documento di lavoro che incoraggiava l’acquisto di titoli auriferi in gruppi vitali per il pubblico.

Didi ha rifiutato di rispondere alle domande.

Anche le persone strettamente legate all’IPO di Didi cercano risposte.

A New York, gli avvocati hanno intentato una class action per conto degli investitori di Didi, sostenendo che erano… Ingannato dalla società E le precedenti transazioni dei suoi dirigenti con i regolatori cinesi.

La questione se Didi abbia rivelato accuratamente la pressione che ha dovuto affrontare da parte del CAC ha anche innescato una revisione delle sue banche sottoscrittrici quotate, tra cui Goldman Sachs e Morgan Stanley.

Didi e la sua banca hanno ricevuto garanzie di “piena conformità” dai loro consulenti legali in Cina.Subito dopo che le azioni del gruppo online sono diventate pubbliche, ha detto un dirigente di una delle banche di Wall Street. Piombo il mese scorso.

Per SoftBank, il maggiore azionista di Didi 20,1% di azioni, L’indagine potrebbe essere cruciale per determinare il futuro degli investimenti del gruppo giapponese nel settore tecnologico cinese.

Il fondatore di Softbank Sun Zhengyi una volta disse che lo avrebbe fatto Tagliare gli investimenti Nelle start-up cinesi, fino a quando non sarà chiara la portata del giro di vite regolamentare di Pechino.

Si spera inoltre che l’indagine Didi fornisca indizi su quanto lontano e in profondità verranno apportate le modifiche normative.

Schaefer ha affermato che sebbene Pechino sia spesso “abbastanza lassista” nei dettagli, “alcuni dipartimenti governativi sono desiderosi di fornire indicazioni ad altre aziende in modo che possano intraprendere azioni volontarie per correggersi”.

I concorrenti di Didi Le aziende di altri settori tecnologici cinesi presteranno molta attenzione al fatto che il gruppo di passeggeri possa riprendere le normali operazioni delle sue applicazioni o se Pechino abbia bisogno di importanti riforme.

All’inizio del mese scorso, la società è stata istruita Rimuovi la sua piattaforma Dall’app store cinese e CAC ha avvertito prima di elencare che l’azienda Tecnologia di rilevamento e mappatura Può esporre luoghi sensibili, come basi militari.

Si prevede inoltre che Pechino costringerà Didi a ridurre la commissione addebitata ai conducenti sulla base delle indicazioni del ministero dei Trasporti.

Ovviamente per migliorare la propria immagine, Didi ha recentemente iniziato a trasmettere video ai passeggeri, elogiando l'”energia positiva” dell’azienda per la società attraverso schermi piatti appena installati sulle auto noleggiate a Pechino. Il quotidiano statale “Beijing Daily” ha criticato la mossa come un potenziale rischio per la sicurezza e non è stata accolta favorevolmente da conducenti e passeggeri.

L’esistenza di almeno sette agenzie statali nell’inchiesta Didi ha esacerbato l’incertezza nella supervisione finale dell’industria tecnologica da parte delle autorità di regolamentazione.

Oltre al CAC, funzionari dell’agenzia di spionaggio cinese, del Ministero delle risorse naturali e del Ministero dei trasporti, nonché funzionari fiscali e di polizia e agenzie di monitoraggio della concorrenza Atterrato presso la sede dell’azienda.

“Per noi, il punto interrogativo più grande è l’ufficio delle imposte, sembra molto irrilevante”, ha detto Schafer. “È perché hanno deciso di includere la revisione fiscale o il dipartimento delle tasse parteciperà alle future revisioni della sicurezza informatica?”

L’indagine di Didi segna la prima revisione di tale sicurezza informatica nell’ambito della riforma globale della governance dei dati in Cina, inclusa una rigorosa novità Legge sulla privacy dei dati.

Tuttavia, Sam Sachs, ricercatore senior presso il Paul Tsai China Center presso la Yale Law School, ha avvertito che i fattori scatenanti e i risultati delle indagini future potrebbero ancora essere “scatole nere”.

Ha detto che la censura è “uno strumento altamente soggettivo. Quando hanno bisogno di inviare informazioni o rivendicare il controllo della società, il governo può usarlo a loro piacimento”. “Ecco perché è così terribile.”

Rapporto aggiuntivo di Sherry Fei Ju e Christian Shepherd a Pechino

Newsletter settimanale #techAsia

Una guida importante ai miliardi di dollari che hai creato e perso nel mondo Asia Tech.Una selezione di notizie esclusive, analisi chiare, dati intelligenti e l’ultimo boom tecnologico di FT e Nikkei

Iscriviti qui con un clic

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *