L’azienda tecnologica cinese “autocorregge” in risposta a un potenziale oltraggio normativo Reuters

[ad_1]

© Reuters. Foto del file: alla Conferenza mondiale sull’intelligenza artificiale (WAIC) tenutasi a Shanghai, in Cina, l’8 luglio 2021, è possibile vedere il logo di Beike, una piattaforma abitativa sotto KE Holdings. REUTERS/Yilei Sun/File Photo

Di Yingzhi Yang e Brenda Goh

PECHINO (Reuters)-Alcune aziende si preoccupano del calore normativo senza precedenti nel settore tecnologico cinese e non aspettano più alcuna condanna ufficiale che possa o meno verificarsi.

Al contrario, sono desiderosi di decidere preventivamente di “correggersi da soli”, imporre restrizioni alla propria attività o addirittura andarsene.

KE Holdings, la più grande piattaforma cinese di abbinamento di acquirenti e venditori di immobili, ne è un esempio.

Due persone che hanno familiarità con la questione hanno affermato che quest’anno ha chiuso silenziosamente il servizio VIP, che prometteva di fornire ai venditori immobiliari un rapido fatturato in cambio di elenchi esclusivi e occupare una posizione di rilievo nelle sue popolari app Lianjia e Beike.

La decisione di annullare il servizio VIP non si basava su requisiti normativi, ma su KE, attualmente oggetto di indagine antitrust https://www.reuters.com/world/china/exclusive-china-launches-antitrust-probe-into-tencent -backed -property-broker-ke-2021-05-25 La persona che una volta voleva agire “in modo proattivo” e “volontariamente”, ha rifiutato di rivelare l’identità di KE, ha affermato che le sue azioni non sono ancora state divulgate.

Una delle fonti ha dichiarato: “Questo non è un grande business, ma potrebbe diventare un grande business”.

KE ha dichiarato in una dichiarazione a Reuters che qualsiasi adeguamento aziendale “rispettava le normative governative e mirava a fornire servizi migliori”.

La cosiddetta “autocorrezione” dovrebbe diventare una delle principali tendenze aziendali mentre il governo abbatte le norme normative per promuovere i valori socialisti e frenare l’espansione di quello che i critici chiamano capitalismo sconsiderato. Questo termine è sempre più utilizzato dai media ufficiali e il suo tono è simile all'”autocritica”, una pratica incoraggiata dal Partito comunista cinese.

Nuova normalità

Uno degli esempi più eclatanti è la decisione di Tencent Holdings (OTC:) Ltd questo mese di introdurre nuove restrizioni https://www.reuters.com/technology/tencent-falls-after-china-media-calls-online-games -spiritual -opium-2021-08-03 sul tempo che i bambini trascorrono sul suo videogioco più popolare “Glory of the King”. Solo poche ore dopo che il prezzo delle sue azioni è stato duramente colpito da un articolo ufficiale dei media che descrive i giochi online come “oppio mentale”.

Jeffrey Towson, conduttore del podcast Asia Technology Strategy ed ex professore di investimenti all’Università di Pechino, ha dichiarato: “Tutti stanno lavorando duramente per avere una chiara comprensione della nuova normalità e la stanno ripristinando il prima possibile”. uno si sta muovendo più velocemente. “Rompi le regole. Nessuno sta usando il proprio potere di mercato in modo troppo aggressivo. Tutti stanno adeguando la propria strategia più strettamente alle priorità del governo”, ha detto.

Sebbene i regolatori cinesi abbiano represso una serie di settori, dall’immobiliare alla criptovaluta fino al tutoraggio extrascolastico, l’industria tecnologica ha adottato alcune delle misure più dure fino ad oggi.

La quotazione su larga scala di Ant Group è stata interrotta nell’undicesima ora dell’anno scorso e, a luglio, le autorità di regolamentazione hanno ordinato al gigante della nuova quotazione Didi Global di rimuovere le sue app dagli app store cinesi.

Sono state inoltre avviate una serie di indagini antitrust e sono state comminate sanzioni pecuniarie, tra cui una sanzione antitrust record di 2,75 miliardi di dollari. Alibaba (New York Stock Exchange:) Le partecipazioni del gruppo e nuove linee guida e regolamenti sono stati emessi o sono in fase di sviluppo.

Altre società “autocorrettive” includono NetEase (NASDAQ :) Music, che ha annunciato il mese scorso che non avrebbe firmato contratti esclusivi. Questa mossa è stata fatta dopo che a Tencent è stato vietato di firmare accordi esclusivi sul copyright musicale da parte dei regolatori del mercato cinese.

Dopo che i media ufficiali hanno criticato la cultura delle celebrità, Weibo (NASDAQ :), simile a Twitter, ha anche tirato fuori un elenco online per classificare le celebrità in base alla popolarità.

“La crescita brutale, il disordine e l’avidità delle aziende tecnologiche cinesi hanno causato una serie di problemi”, ha affermato Xie Pu, fondatore del sito web tecnologico cinese Techie Crab.

“Questo tipo di ‘auto-correzione’ creerà un ambiente competitivo relativamente sano”.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *