Le accuse di spionaggio mettono a dura prova le relazioni tra Marocco e Francia

[ad_1]

Aggiornamento Marocco

Anche prima che il Marocco potesse provare a intercettare le telefonate del presidente francese Emmanuel Macron, il regno nordafricano era messo a dura prova dalle potenze europee.

Rabat permette agli immigrati di entrare in Spagna perché è infastidito da Madrid. Aveva controversie con la Germania sulla sua posizione sul territorio conteso del Sahara occidentale.

Ora, le accuse rese pubbliche la scorsa settimana sull’uso da parte del governo del malware Pegasus creato dal gruppo dell’Ufficio nazionale di statistica israeliano hanno ulteriormente esacerbato le tensioni. Queste affermazioni fanno parte di un sondaggio condotto dall’organizzazione no-profit Forbidden Stories e da 17 media partner.

Il francese “Le Monde” ha detto che il Marocco potrebbe Cellulare mirato Parte di un’operazione di spionaggio informatico di Macron e 15 ministri francesi, l’operazione potrebbe includere anche il targeting di 6.000 telefoni appartenenti a funzionari, politici e altri algerini. L’Algeria è un paese vicino e un forte nemico del Marocco.

L’ex potenza coloniale francese considera Rabat uno stretto alleato nella lotta contro il jihadismo e il principale partner commerciale del Marocco.

Riccardo Fabiani, direttore Nord Africa dell’International Crisis Group, ha affermato che la tempistica della rivelazione è stata “particolarmente distruttiva per il Marocco, che sta attraversando due grandi crisi diplomatiche con Spagna e Germania. Non può aprire un terzo fronte con la Francia”.

All’inizio di quest’anno, quando Madrid ha ospitato le cure mediche, le relazioni tra Marocco e Spagna sono diventate tese. Brahim GaliIl leader del Fronte Polisario, un’organizzazione con sede in Algeria, ha chiesto l’indipendenza del territorio conteso del Sahara occidentale.maggio, uno Migliaia di immigrati si sono riversati dentro Ceuta, l’enclave spagnola dal Marocco al Nord Africa, è stata attribuita all’insoddisfazione di Rabat per la visita di Gali e l’allentamento dei controlli alle frontiere.

Anche il regno che controlla la maggior parte del Sahara occidentale ha litigato con la Germania. A maggio, dopo che la Germania ha dichiarato che non avrebbe cambiato posizione sul Sahara occidentale, ha richiamato il suo ambasciatore a maggio, anche se gli Stati Uniti hanno riconosciuto la sovranità marocchina come parte di essa sotto la guida di Donald Trump. Una transazione Le relazioni tra Rabat e Israele sono normalizzate. Il piano referendario delle Nazioni Unite per determinare lo status del Sahara occidentale è stato sospeso per decenni.

“Si può dire che la posizione del Marocco in Europa non è mai stata così bassa”, ha affermato la North African Risk Consulting Company con sede negli Stati Uniti. Il potenziale spionaggio “ha rispettato la politica estera sempre più radicale… del Marocco”, ha aggiunto.

Fabiani di Crisis Group ritiene che il cambio di posizione di Washington “renda il Marocco più rigido sulla questione del Sahara Occidentale” e lo incoraggia a cercare di ottenere un riconoscimento più ampio del proprio controllo sul territorio.

La Francia ha avviato un’indagine sulle accuse di spionaggio. Dopo che Macron ha incontrato gli alti funzionari della sicurezza giovedì, l’Eliseo ha dichiarato: “Il presidente prende questo problema molto sul serio e sta monitorando da vicino i progressi delle indagini”. queste accuse sono vere.

Per quanto riguarda il Marocco, nega fermamente di aver intrapreso tali azioni o di aver acquistato software per penetrare i telefoni cellulari.

L’ambasciatore marocchino a Parigi, Chakib Benmoussa, ha dichiarato a Le Journal du Dimanche che coloro che hanno lanciato accuse così dure contro il suo Paese devono ora fornire prove. “In questa storia, il Marocco è la vittima”, ha detto. “Questo è un tentativo di destabilizzare”.

I media francesi hanno citato Olivier Baratelli, un avvocato francese che rappresenta il Marocco, secondo cui il paese perseguirà Taboo Stories e Amnesty International per diffamazione a Parigi. Le organizzazioni per i diritti umani hanno fornito ricerche tecniche per le indagini dei media. In precedenza, aveva affermato che c’erano prove che il Marocco avesse usato Pegasus per infiltrarsi nei telefoni di giornalisti locali e attivisti per i diritti umani.

Rabat ha affermato che Amnesty International non ha fornito alcuna prova che il Marocco fosse coinvolto in attività di spionaggio contro i giornalisti.

La Francia è il più importante partner commerciale e di investimento del Marocco e uno strenuo sostenitore dei suoi interessi nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite nel Sahara occidentale.

“Il Marocco ha sempre voluto conoscere le nostre vere opinioni sulla politica sahariana, non solo quello che abbiamo detto loro”, ha detto un ex diplomatico francese. “Sono anche molto preoccupati per le opinioni dei giocatori francesi sulla questione del Sahara”.

Fabiani ha affermato che sebbene la Francia sostenga fermamente la posizione del Marocco sulla questione del Sahara occidentale, Parigi “a volte non è d’accordo con la sua posizione dura sulla questione”. Ha detto che se “i marocchini potrebbero voler prestare molta attenzione ai francesi”, non è sorprendente.

Ha aggiunto che la Francia è anche uno stretto partner dell’Algeria, il principale sponsor del Polisario, che ha esacerbato la sfiducia.

Gli osservatori hanno affermato che anche se le accuse di spionaggio imbarazzano il Marocco e mettono a disagio la Francia, i due Paesi sperano comunque di contenere le conseguenze per la cooperazione in materia di sicurezza.

L’ex diplomatico francese ha affermato che i servizi segreti marocchini sono “molto vigili e molto efficaci”. Ha detto: “Hanno aiutato molto la Francia nelle indagini sugli attacchi terroristici risalenti all’attacco di Madrid del 2005 e sulla minaccia dell’islamismo in Europa”.

Ha detto: “Penso che se il ciclo di notizie continua, allora entrambi i paesi saranno felici di lasciar perdere”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *