Le azioni LG Chem della Corea del Sud crollano a causa del richiamo del veicolo elettrico GM Reuters

[ad_1]

© Reuters. Foto del file: il logo LG Chem è apparso nel suo edificio per uffici a Seoul, in Corea del Sud, il 16 ottobre 2020. REUTERS/Kim Hong-Ji/File Photo//File Photo

Autore: Heekyong Yang

Le azioni di SEOUL (Reuters)-LG Chemical Co., Ltd. hanno chiuso in ribasso dell’11,1% lunedì, dopo che General Motors (NYSE:) ha dichiarato che richiamerà altri 73.000 veicoli pochi mesi dopo che Hyundai Motor Co. ha effettuato richiami simili. batteria dell’azienda coreana.

Venerdì General Motors ha ampliato il richiamo dei veicoli elettrici Bolt (EV) a causa dei suoi presunti difetti di fabbricazione della batteria che comportano un rischio di incendio, affermando che il richiamo costerà $ 1 miliardo e chiederà un risarcimento a LG.

La casa automobilistica americana ha affermato che il richiamo copre i veicoli a partire dall’anno modello 2019 e interromperà le vendite di Bolt a tempo indeterminato. LG Chem ha affermato che sta lavorando duramente per garantire un richiamo regolare.

LG Chem, che sta preparando un’offerta pubblica iniziale (IPO) per l’unità batteria LG Energy Solution (LGES), ha perso oltre $ 6 miliardi di valore di mercato, il più grande calo percentuale intraday da marzo 2020.

“Il mercato si aspetta che LGES lanci un’IPO a settembre, ma poiché GM espande il suo richiamo, l’IPO LGES potrebbe essere ritardata di un mese o due perché la società deve riflettere il costo del richiamo prima di finalizzare i documenti dell’IPO”, ha affermato Samsung. . (KS:) Cho Hyun-ryul, un analista di titoli.

GM ha inizialmente richiamato 69.000 veicoli Bolt a luglio. Il richiamo esteso è stato lanciato circa una settimana dopo lo scoppio di un incendio in un’auto elettrica Volkswagen (OTC:) ID.3 con batterie LGES.

Sei mesi fa, Hyundai Motor ha richiamato 82.000 veicoli elettrici a causa del rischio di incendio della batteria LGES, per un costo stimato di circa 1 trilione di won (851,9 milioni di dollari).

Sia General Motors che i richiami di Hyundai riguardano batterie insaccate, non batterie cilindriche fornite ai clienti LGES tra cui Tesla (NASDAQ:) Inc..

Nel febbraio di quest’anno, il Ministero dei trasporti della Corea del Sud ha dichiarato che un’indagine congiunta con LGES e Hyundai Motor ha rilevato che le batterie della fabbrica cinese di LGES erano difettose. L’indagine è in corso.

Né LGES né Hyundai hanno rivelato come intendono condividere il costo del richiamo, ma gli analisti prevedono che LGES sosterrà il 60%.

Le batterie sono una parte importante delle entrate del Gruppo LG. Da aprile a giugno, LG Chem ha ottenuto il 40% dell’utile operativo dalle batterie (comprese le batterie dei veicoli elettrici). All’inizio di questo mese, LG Electronics ha ridotto l’utile operativo del secondo trimestre di oltre un quinto per riflettere il costo del richiamo di GM.

LG Electronics, che assembla batterie LGES in moduli batteria, ha chiuso in ribasso del 4,1%, mentre l’indice di riferimento locale è aumentato dell’1%.

(1 USD = 1.172.5900 KRW)

Disclaimer: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidarsi a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *