Le potenze occidentali affermano che l’elezione di Lai Xi non pregiudicherà i negoziati sul nucleare iraniano

[ad_1]

Le potenze occidentali hanno promesso durante il fine settimana di portare avanti gli sforzi volti a ripristinare l’accordo nucleare iraniano, mentre le capitali si affrettavano a svelare gli effetti delle elezioni iraniane. Ibrahim Raisi, Un ecclesiastico conservatore e direttore giudiziario, è stato presidente dell’Iran.

Domenica, i negoziatori a Vienna hanno annunciato un rinvio per ripristinare l’accordo.A Bruxelles l’Ue si è dichiarata pronta a cooperare con il nuovo governo iraniano e ha insistito sul fatto che “è importante che gli intensi sforzi diplomatici continuino a far sì che l’Iran [Joint Comprehensive Plan of Action] Torna in pista. “

I funzionari statunitensi hanno insistito domenica sul fatto che l’elezione del presidente della linea dura non ha ridotto il desiderio dell’amministrazione Biden di rilanciare l’accordo nucleare iraniano.

Il consigliere per la sicurezza nazionale del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, Jack Sullivan, ha dichiarato a ABC News: “La nostra priorità ora è impedire all’Iran di acquisire armi nucleari. Crediamo che la diplomazia sia il modo migliore per raggiungere questo obiettivo, non un conflitto militare. Pertanto, negozieremo con gli iraniani in modo sobrio e fermo per vedere se possiamo raggiungere un risultato che metta il loro programma nucleare nella scatola”.

Ha aggiunto che il leader supremo dell’Iran sarà colui che alla fine deciderà se il paese tornerà all’accordo nucleare, non il presidente del paese.

Ma Naftali Bennett, Il nuovo primo ministro israeliano di destra, Chiunque sia entrato in carica la scorsa settimana ha avvertito domenica che questa è “l’ultima possibilità per le potenze mondiali di svegliarsi e capire con chi fanno affari prima di riprendere l’accordo nucleare”.

Alla sua prima riunione di gabinetto, ha aggiunto: “Queste persone sono assassini, assassini dell’Olocausto. Un regime brutale carnefice non deve possedere armi di distruzione di massa in modo che non uccida migliaia di persone. , Ma milioni di persone. “

Israele si è sempre opposto fermamente alla ripresa dell’accordo nucleare con l’Iran.Ha visto la mano dell’Iran dietro il suo principale avversario nella regione, Hamas Controlla la Striscia di GazaE Hezbollah, sciita libanese e la più grande forza politica e militare del Libano.

Raisi subentrerà all’inizio di agosto dopo aver vinto le elezioni di venerdì per sostituire Hassan Rouhani. L’Iran ha cercato di ripristinare l’accordo nucleare del 2015 e di sbarazzarsi delle sanzioni statunitensi. L’elezione ha dato agli estremisti del regime il controllo completo di tutti i settori del paese e ha portato ulteriore incertezza a un processo già complicato.

Raisi ha affermato durante la campagna che il suo governo continuerà i negoziati sul nucleare e gli analisti iraniani hanno affermato che se il presidente entrante avrà la possibilità di mantenere la sua promessa di alleviare le difficoltà economiche della repubblica, il regime deve revocare le sanzioni.

Ma un membro del regime ha detto al Financial Times che gli estremisti vogliono negoziare alle loro condizioni, non perché Teheran insiste sul fatto che il sostegno dell’Iran ai gruppi militanti in tutta la regione e l’espansione del suo programma missilistico sempre più complesso non possono essere negoziati.

Rispetto a Rouhani, che ha firmato l’accordo nucleare nel 2015 e ha cercato di migliorare le relazioni con l’Occidente, Raisi è più in linea con le idee del leader supremo Ayatollah Ali Khamenei, che ha l’ultima parola su tutte le decisioni chiave di politica estera e di sicurezza.

Oltre a risolvere lo stallo nucleare, è improbabile che l’amministrazione Lacey tenti di raffreddare i rapporti con gli Stati Uniti. L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump si è ritirato dall’accordo nel 2018 e ha reintrodotto le sanzioni all’Iran.

Da allora Teheran ha violato le restrizioni dell’accordo sull’arricchimento dell’uranio, preoccupando le capitali europee per le prospettive dell’accordo, secondo il quale l’Iran ha accettato restrizioni sul suo programma nucleare in cambio della revoca di molte sanzioni internazionali.

Esfandyar Batmanghelidj, visiting scholar presso la Commissione Europea per le Relazioni Estere, ha affermato che la vittoria elettorale non dovrebbe avere un impatto immediato sui colloqui di Vienna, aggiungendo che il rientro degli Stati Uniti nell’accordo nucleare è ancora negli interessi strategici dell’Iran .

Ma ha avvertito che questa vittoria cambierà la traiettoria della diplomazia a medio termine. “È improbabile che il governo Raisi persegua questa transazione ‘molti a molti’. La storia personale di Raisi e le possibili azioni del suo governo possono indurre molte persone in Occidente ad opporsi a negoziati più ampi sulla base di questioni relative ai diritti umani”.

Da aprile, i negoziatori dell’Iran e degli altri sei firmatari (Unione Europea, Germania, Francia, Regno Unito, Russia e Cina) stanno cercando modi per ripristinare l’accordo e aprire la strada alla ricongiungimento degli Stati Uniti.

Un portavoce del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha dichiarato: “La nostra politica iraniana è progettata per promuovere gli interessi degli Stati Uniti, indipendentemente da chi è al potere. Speriamo di costruire sui progressi significativi compiuti durante l’ultimo round di colloqui a Vienna”.

Rapporto aggiuntivo di Michael Peel a Bruxelles

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *