Le riserve della Banca nazionale svizzera superano per la prima volta il trilione di franchi svizzeri

[ad_1]

Aggiornamento svizzero

La Banca nazionale svizzera ha guadagnato oltre 43 miliardi di franchi svizzeri (47 miliardi di dollari) negli ultimi sei mesi, poiché l’impennata dei prezzi delle azioni statunitensi ha spinto per la prima volta il valore delle sue riserve sopra i mille miliardi di franchi svizzeri.

Gli enormi guadagni della Banca nazionale svizzera significano che la banca ha ora più portafogli di investimento rispetto alla maggior parte dei più grandi fondi sovrani del mondo, equivalenti alle partecipazioni della China Investment Corporation e molto più grandi delle dimensioni dell’economia svizzera stessa. , La stessa economia svizzera ha registrato un prodotto interno lordo di 824 miliardi di dollari USA. Aprile.

Tuttavia, a differenza delle attività statali di altri paesi, il portafoglio di investimenti esteri in rapida crescita della Svizzera è il risultato di una politica monetaria non ortodossa, non di risorse naturali o generose provvigioni del governo.

Dal 2015 la Banca nazionale svizzera è intervenuta attivamente sul mercato finanziario e ha acquistato un gran numero di titoli denominati in valuta estera nel tentativo di frenare l’apprezzamento del franco svizzero.

Le politiche di allentamento quantitativo e i tassi di interesse ultra bassi negli Stati Uniti e nella circostante zona euro hanno esercitato una pressione continua sul franco svizzero e lo status della Svizzera come porto sicuro durante le turbolenze finanziarie ha aggravato questo problema.

Negli ultimi cinque anni, nonostante l’intervento della Banca nazionale svizzera, il tasso di cambio del franco svizzero nei confronti del dollaro USA e nei confronti dell’euro si è apprezzato rispettivamente di oltre il 6,5% e l’1,5%.

Negli ultimi anni, la Banca nazionale svizzera non è l’unica banca centrale ad espandere il proprio bilancio, ma si distingue perché investe quasi un quarto* delle sue riserve in azioni estere anziché in titoli di Stato.

Questa politica significa che la Banca nazionale svizzera è uno dei maggiori investitori stranieri in società americane come Apple, Facebook e Microsoft.

Finora, questi investimenti sono stati vantaggiosi per la Banca nazionale svizzera: sebbene il mercato obbligazionario abbia perso 11,8 miliardi di franchi svizzeri, l’aumento delle valutazioni azionarie e dei dividendi ha spinto la banca a realizzare enormi profitti nella prima metà del 2021.

A fine giugno le riserve della Banca nazionale svizzera erano valutate a 1,04 franchi svizzeri.

“La performance finanziaria della Banca nazionale svizzera dipende in gran parte dallo sviluppo dell’oro, dei cambi e dei mercati dei capitali. Pertanto, sono previste forti fluttuazioni e si possono trarre solo conclusioni provvisorie sui risultati annuali”, ha affermato la banca.

Gli enormi profitti della Banca nazionale svizzera hanno messo la banca sotto pressione in Svizzera per distribuire parte dei suoi proventi al governo svizzero.

Nel gennaio di quest’anno ha deciso di aumentare il suo limite di spesa annuale per Berna (a seconda della sua performance finanziaria) da 4 miliardi di franchi svizzeri a 6 miliardi di franchi svizzeri. Tuttavia, il governatore della banca si è opposto fermamente a una maggiore distribuzione, ritenendo che i profitti della banca siano altamente incerti.Se il mercato non è buono per la banca, sarà necessaria una grande quantità di riserve per far fronte alle enormi perdite che potrebbero verificarsi in futuro.

Hanno sottolineato che l’obiettivo della Banca nazionale svizzera non è il rendimento finanziario, ma una politica per gestire la stabilità del franco svizzero.

Poiché la Federal Reserve ora segnala di aumentare i tassi di interesse nei prossimi mesi, l’esperimento di politica monetaria della Banca nazionale svizzera sarà seguito da vicino.

L’aumento dei rendimenti delle attività negli Stati Uniti e in Europa potrebbe invertire l’apprezzamento del franco svizzero, spingendo le persone a chiedersi se la Banca nazionale svizzera dovrà vendere attività per evitare qualsiasi volatilità del franco svizzero.

La Banca nazionale svizzera si distingue anche dai suoi omologhi per la quotazione in borsa. Le sue azioni quotate alla borsa svizzera sono aumentate di quasi il 16% quest’anno, portando il valore di mercato della banca centrale a 590 miliardi di dollari.

*Questa storia è stata rivista per correggere la proporzione delle riserve assegnate dalla banca centrale alle azioni estere.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *