Le scommesse di Las Vegas e Delta prendono vita con la rinascita dei casinò

[ad_1]

Che fosse nell’era di Elvis o nell’apogeo del meraviglioso rock negli anni ’80, Las Vegas ha sempre venduto la nostalgia senza vergogna.

Ora, la città è molto ansiosa per i giorni del 2019, il tempo prima che la pandemia di coronavirus la precipitasse nella peggiore crisi dei suoi 116 anni di storia.

Su Fremont Street, il centro storico dell’età dell’oro di Las Vegas, pensereste Malattia di coronavirus Non è mai successo. Centinaia di persone si sono affollate su un palco con musica dal vivo e una cover dei Bon Jovi è stata piuttosto buona.

Nella parte anteriore, la ventunenne Felicity Shoars ha usato un fan per rinfrescarsi con le parole “Fuck” – ha detto, il suo atteggiamento nei confronti della pandemia.

“Il divertimento vale il rischio. Siamo stati benissimo qui.”

Intorno a un bar nell’iconico Golden Nugget, c’è una simile determinazione a tornare alla normalità. Ma ci sono anche prove che gli Stati Uniti abbiano reagito in modo sbilanciato al Covid-19 e alle differenze che hanno permesso alla variante Delta di prendere piede.

Christina e Kevin Engel, 51 anni, di Baltimora, hanno festeggiato qui il loro 25° anniversario di matrimonio, anche se tecnicamente parlando, dopo aver dovuto rimandare il viaggio dell’anno scorso, ora sono loro. È il 26° anniversario. “Ci sentiamo molto a nostro agio”, ha detto Christina, e lei, suo marito e suo figlio sono stati tutti vaccinati il ​​prima possibile.

Due seggi, Sandy Nelson, 58 anni del Kentucky, ha dichiarato che l’epidemia è “un’assurdità”. “Non ho intenzione di vaccinarmi”, ha detto.

Nel mezzo di tutto questo, un barista di 28 anni ha detto che era riluttante a vaccinare, suggerendo che alcune informazioni false diffuse online. Spera che più clienti indossino maschere. “Abbiamo persone dalla Florida e abbiamo persone dal Texas”, ha detto. Ha detto: “Dì a una persona ubriaca quattro o cinque volte al giorno” di coprire già stanco, figuriamoci pericoloso.

Dal 1° giugno non è più necessario indossare maschere perché il governatore del Nevada Steve Sisolak ha posto fine ai regolamenti dello stato che impongono alle persone di indossare maschere durante le riunioni al chiuso. Ora è tornato di nuovo.

“So che sei sconvolto”, ha detto Sisolak, un democratico, in una conferenza stampa la scorsa settimana a causa dell’aumento dei casi. “Anch’io. L’ultima cosa che voglio è che i Nevada rimettano le loro maschere.”

Ha sostenuto che questo è un passo indietro, sebbene non sia ancora completamente tornato al punto di partenza. Nei giorni peggiori della pandemia, non ci sarà alcuna reintroduzione di restrizioni di capacità o altre restrizioni che farebbero crollare il numero di turisti. Ad aprile 2020, il numero di turisti è sceso da circa 3,5 milioni nello stesso mese del 2019 a soli 106.900.

Secondo i dati della Convention and Visitors Administration di Las Vegas, nell’aprile di quest’anno il numero di turisti è tornato a poco più di 2,5 milioni.

Ma la variante Delta è imminente, e potrebbe rovinare i “ruggenti anni Venti” che alcune persone prevedono Las Vegas Una volta sconfitto il Covid.

Secondo la Nevada Gaming Control Commission, da aprile a giugno, i casinò della Strip di Las Vegas hanno registrato le più alte entrate di gioco dal 2006. Sebbene i turisti internazionali rimangano più a lungo e spendano di più, non sono ancora tornati.

Il denaro investito nelle slot machine, un’opzione di gioco lontana dalla società, non è mai stato così alto come ora.

Compresi i casinò in tutto lo stato, questa casa ha stabilito un record di entrate mensili di $ 1,23 miliardi a maggio.

“Non l’avevo previsto”, ha detto Michael Lawton, un analista economico senior della Gaming Commission. “Questa è una discesa molto drastica, ma sembra una salita molto drastica, tornando alla nostra posizione originale”.

Quello che resta ancora indietro è il ritorno della clientela business, che solitamente soggiorna nel periodo basso dalla domenica al giovedì.

Fiches del casinò
I casinò di tutto il Nevada hanno stabilito un record di entrate mensili di $ 1,23 miliardi a maggio © David Becker/Getty Images

All’inizio di giugno, il ritorno di “Concrete World” ha segnato la prima major Commercio leale Dall’inizio della pandemia, non solo a Las Vegas, ma in tutto il Paese. Gli organizzatori hanno affermato che ha attirato “decine di migliaia” di ospiti ed è stato visto come un punto di svolta qui.

“Gli espositori sono molto entusiasti”, ha affermato Lori Nelson-Kraft, direttore delle comunicazioni di LVCVA. “Hanno partecipanti di alta qualità e la transazione è in fase di completamento. Ma fino a quando l’economia non si riprenderà completamente, la partecipazione diminuirà”.

Questa ripresa richiederà un ritorno alla forza lavoro. Come in molte parti degli Stati Uniti, la carenza di personale ha messo sotto pressione Las Vegas, dove dimostrare capacità spesso oscura l’arduo lavoro logistico che si svolge dietro le quinte.

In molti hotel, questo significa orari del ristorante più brevi e meno tavoli. In una città in cui è quasi impossibile camminare, dove la temperatura spesso supera i 40 gradi Celsius, le fermate dei taxi sono spesso vuote e le applicazioni di condivisione del viaggio potrebbero dover attendere 20 minuti o più, se è possibile trovare un’auto.

La Culinary Union, che rappresenta 60.000 lavoratori a Las Vegas e Reno, ha incolpato la carenza del resort, non l’impatto di ispezioni stimolanti o problemi di sicurezza, come altri hanno detto.

“Questo non è dovuto alla mancanza di lavoratori che vogliono lavorare”, ha detto Bethany Khan, capo delle comunicazioni sindacali presso la filiale locale 266. “È che l’azienda non ha richiamato i lavoratori a tornare al lavoro”.

A Las Vegas è difficile mettere in atto misure igieniche di base: è un’economia che ruota attorno al far incontrare le persone sulla base di tavoli da gioco di dadi, esibirsi o infilarsi nei locali notturni.

Anche se puoi vedere alcuni sforzi eroici, cercare di introdurre distanze rigorose e misure igieniche aggiuntive potrebbe eliminare parte dello spirito di Las Vegas. Al Westgate Resort, Barry Manilow sta per tenere uno spettacolo e agli ospiti viene detto che devono lavarsi le mani finché cantano un coro “Copacabana”.

Se la città può evitare di chiudere di nuovo, la gente del posto sarà ottimista sul suo futuro. Durante la pandemia, diversi nuovi progetti sono andati avanti senza ostacoli, tra cui l’apertura di uno stadio da 60.000 posti, ora sede della squadra di calcio dei Las Vegas Raiders che si è recentemente trasferita da Oakland.

Su Fremont Street, il lusso per soli adulti Circa Hotel ha aperto in ottobre, diventando il primo casinò appositamente costruito nella “storica” ​​Las Vegas in 40 anni. È stato un duro colpo, almeno tra coloro che possono visitare. La carta d’identità britannica del giornalista del “Financial Times” è stata la prima vista dal portiere. Prima del ritorno dei festaioli mondiali, il ruggito degli anni ’20 a Las Vegas verrà messo in pausa.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *