Le tendenze da falco della Fed hanno messo sotto pressione la Banca del Messico, ma non hanno visto rialzi dei tassi di interesse Reuters

[ad_1]

© Reuters. Il 28 febbraio 2019, il logo del Banco de Mexico è apparso nel suo edificio nel centro di Città del Messico, in Messico. La foto è stata scattata il 28 febbraio 2019. REUTERS/Daniel Becerril/Files

Autori: Anthony Esposito e Abraham Gonzalez

CITTÀ DEL MESSICO (Reuters) – La banca centrale del Messico dovrebbe mantenere il tasso di interesse di riferimento al 4,0% giovedì, affrontando pressioni per aumentare i tassi di interesse dopo che i funzionari della Fed hanno proposto il primo rialzo dei tassi la scorsa settimana.

La Federal Reserve ha iniziato a chiudere la porta alla sua politica monetaria guidata dalla pandemia il 16 giugno. La maggior parte dei funzionari della Banca centrale degli Stati Uniti ha spostato le sue prime aspettative di aumento dei tassi di interesse dal 2024 al 2023. Alcuni sul mercato lo hanno chiamato “falchi”. incidente ” . Alcune persone vedono addirittura aumenti dei tassi di interesse a partire dal prossimo anno.

Ciò ha portato nei prossimi giorni il peso messicano a deprezzarsi di circa il 5% rispetto al dollaro USA, cosa che secondo gli esperti il ​​consiglio di amministrazione della banca terrà in considerazione nella riunione di politica monetaria di giovedì.

“Non cambieranno i tassi di interesse (giovedì), ma prima della fine di quest’anno, la Banca del Messico dovrà normalizzare parzialmente i tassi di interesse, ovvero aumentare moderatamente i tassi di interesse”, ha affermato l’analista indipendente Joel Wilgen, amministratore delegato . Economista messicano per Citibanamex e BNP Paribas (OTC:).

“Esistono ancora pressioni inflazionistiche, le aspettative a breve termine continuano a essere inquinate e le aspettative a medio termine sono ancora superiori all’obiettivo della banca centrale”, ha affermato Virgen.

La maggior parte degli osservatori di mercato si aspetta che Banxico alzi i tassi di interesse nei prossimi mesi per frenare le pressioni inflazionistiche, anche se c’è poco consenso su quando ciò accadrà.

L’ultima indagine di Banxico sugli analisti prevede che il tasso di interesse chiave rimarrà al livello attuale entro la fine del 2021 e aumenterà di 50 punti base al 4,50% entro la fine del 2022.

Alcuni ritengono che i cambiamenti nel consiglio di amministrazione di Banxico dal 2018 lo abbiano reso accomodante, rendendolo meno incline a muoversi rapidamente.

Nikhil Sanghani, economista dei mercati emergenti per investimenti di capitale, ha dichiarato: “Riteniamo che i rischi principali e sottovalutati dell’inflazione giocheranno un ruolo nel medio termine, perché Banxico potrebbe essere troppo lento per agire per contenere l’elevata inflazione ostinata”.

“Poiché la funzione di risposta di Banxico diventa più moderata, sembra esserci una soglia elevata per aumentare i tassi di interesse”.

Durante l’ultima riunione di politica monetaria di Banxico, tenutasi il 13 maggio, il suo consiglio di amministrazione di cinque membri ha deciso all’unanimità di mantenere la stabilità dei tassi di interesse di riferimento, riflettendo le crescenti preoccupazioni sul percorso dell’inflazione.

Questo segna la seconda decisione consecutiva di Banxico di mantenere stabili i tassi di interesse.

I verbali della riunione di maggio mostrano che la maggior parte dei membri del consiglio ritiene che il bilancio del rischio di inflazione sia sbilanciato verso l’alto, anche se si prevede che le pressioni inflazionistiche saranno temporanee.

Il sondaggio di Zhou Yitou mostra che il tasso di inflazione annuale nella prima metà di giugno potrebbe rallentare al 5,84% dopo aver raggiunto il 5,89% a maggio. Entrambi i dati hanno superato la fascia obiettivo del 3% fissata dalla banca centrale, oscillando di un punto percentuale.

Dal 2019, la banca ha ridotto i tassi di interesse di 425 punti base perché l’economia si era contratta ancor prima che scoppiasse la pandemia di COVID-19.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidarsi a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *