Le varianti del Delta asiatico aumentano, i prezzi del petrolio rimbalzano dai minimi di tre settimane Reuters

[ad_1]

© Reuters. Immagine del file: una nave cisterna di petrolio greggio è stata vista nel porto di Qingdao, nella provincia di Shandong, in Cina, il 21 aprile 2019. REUTERS/Jason Lee/Foto d’archivio

Bozogmel Sarafeddin

LONDRA (Reuters) – Martedì i prezzi del petrolio sono aumentati di oltre 1 dollaro, recuperando parte del calo del precedente giorno di negoziazione poiché la crescita della domanda in Europa e negli Stati Uniti ha superato le preoccupazioni per l’aumento dei casi di COVID nei paesi asiatici.

Alle 08:58 GMT, i prezzi del petrolio sono aumentati di 1,20 dollari USA, o 1,7%, a 70,24 dollari USA al barile, e il petrolio USA è aumentato di 1,47 centesimi, o 2,2%, a 67,95 dollari USA al barile.

Lunedì, entrambi i contratti sono diminuiti di circa il 2,5%, ma gli analisti ritengono che le battute d’arresto della pandemia non dureranno a lungo.

L’analista della banca svizzera Julius Baer Nortbert Ruecker ha dichiarato: “Questo tumulto dovrebbe essere ancora temporaneo, soprattutto perché la domanda di petrolio nel mondo occidentale è tornata o è superiore alla pandemia. E sta consumando l’offerta globale”.

Un’indagine preliminare di Reuters lunedì ha mostrato che le scorte di benzina e di altri prodotti potrebbero essere diminuite la scorsa settimana e si prevede che le scorte di benzina diminuiranno per il quarto periodo consecutivo. [EIS/S]

Secondo la stima media di sei analisti intervistati da Reuters, le scorte di greggio dovrebbero diminuire di circa 1,1 barili a partire dalla settimana del 6 agosto.

Gli analisti hanno affermato che martedì il Senato degli Stati Uniti voterà su un disegno di legge per le infrastrutture da 1 trilione di dollari che, se approvato, aumenterà l’economia e la domanda di prodotti petroliferi.

I programmi di vaccinazione di successo e i dati economici incoraggianti in Occidente sono in netto contrasto con l’aumento del tasso di infezione in Oriente.

In Australia, la polizia sta implementando le restrizioni relative al COVID per le strade e alcune città della Cina, il più grande importatore mondiale di petrolio greggio, hanno anche intensificato i test su larga scala mentre le autorità cercano di contenere l’ondata di nuovi virus.

L’analista di FXTM Lukman Otunuga ha dichiarato: “Lo sviluppo negativo che circonda COVID-19 ha indubbiamente reso nervosi gli investitori e la cautela potrebbe ancora essere il tema del gioco nei prossimi giorni”.

Gli analisti hanno affermato che i dati economici di questa settimana, in particolare l’indice dei prezzi al consumo degli Stati Uniti pubblicato mercoledì, forniranno indicazioni sulla misura in cui il virus colpirà il consumo di petrolio globale e regionale.

Disclaimer: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidarsi a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *