L’economia dell’eurozona torna alla normalità pre-pandemia

[ad_1]

Secondo dati non ufficiali, i consumatori dell’Eurozona stanno affollando bar e ristoranti, prenotando vacanze e tornando a lavorare, indicando che il modello di attività economica pre-pandemia sta riemergendo.

I dati ad alta frequenza mostrano che in molti paesi l’uso del trasporto pubblico e gli spostamenti verso il posto di lavoro hanno raggiunto i livelli più alti dall’inizio dello scorso anno. Dall’inizio della pandemia, gli indicatori surrogati hanno ricevuto ampia attenzione perché forniscono una misura più tempestiva dell’attività, sebbene non siano così completi e affidabili come i dati ufficiali.

L’economista di ING Bert Colijn ha dichiarato: “Stiamo tornando presto alla normalità”, aggiungendo che la performance di una serie di indicatori dell’attività economica ha superato il livello della scorsa estate: “Ciò ha intensificato le aspettative per una rapida ripresa economica”.

Con la scomparsa del virus, la maggior parte degli Stati membri dell’UE sta riaprendo le proprie economie, rafforzando la fiducia delle famiglie.Da maggio, le infezioni da coronavirus sono diminuite rapidamente e circa la metà della popolazione dell’UE ha ricevuto almeno una dose del vaccino Covid-19, nonostante le crescenti preoccupazioni La diffusione della variante Delta più contagiosa.

Questo Rilassa le restrizioni L’economista di Capital Economics Jack Allen-Reynolds ha affermato: “rendere il pubblico più disposto a tornare alle vecchie abitudini”.

Secondo i dati di Google Mobile, a metà giugno, i viaggi di lavoro nella più grande economia della zona euro erano inferiori di circa il 10% rispetto al livello di gennaio 2020, ma molto più alti del livello di giugno dello scorso anno e il livello più alto dall’inizio della pandemia. . .

I dati di SimilarWeb, che tiene traccia del traffico web, mostrano che quando le persone tornano in ufficio, il traffico verso le conferenze web e i siti di e-commerce è diminuito drasticamente all’inizio dell’anno.

Dal 1 febbraio 2020, il grafico a linee percentuali del cambiamento di lavoro pubblicato sul sito Web dell'occupazione mostra che le opportunità di lavoro in Europa sono maggiori rispetto a prima della pandemia

Molte più persone stanno tornando al lavoro. Dati recenti sui congedi provenienti da Spagna e Germania mostrano che a maggio il numero di persone che ricevono sussidi per l’occupazione era sceso al livello più basso di quest’anno.Allo stesso tempo, il sito web ha segnalato Forte crescita delle offerte di lavoro Da aprile.

Anche più persone hanno iniziato a uscire e andare in giro. I dati di Google mostrano che in alcuni paesi della zona euro il numero di persone che si recano negli aeroporti, nelle stazioni ferroviarie e degli autobus ha raggiunto il livello più alto dall’inizio della pandemia.I dati mostrano anche che il numero di luoghi di vendita al dettaglio e di intrattenimento in molti luoghi ha raggiunto il livello livello più alto dalla scorsa estate.

Secondo i dati di OpenTable e Fable Data, che tengono traccia delle transazioni bancarie, in Germania le prenotazioni dei ristoranti e la spesa dei consumatori sono entrambe superiori rispetto a giugno 2019.

Grafico a linee dei viaggi verso aeroporti, stazioni ferroviarie e stazioni degli autobus, variazione percentuale rispetto ai livelli pre-pandemia*, media mobile di 7 giorni che mostra un aumento dell'utilizzo del trasporto pubblico

Allen-Reynolds ha affermato che alcuni consumatori hanno risparmiato molto l’anno scorso e potrebbero essere “desiderosi di spendere soldi”, il che rende i consumi delle famiglie una possibile forza trainante per la crescita economica per il resto di quest’anno.

Tuttavia, alcune aree dell’economia sono tutt’altro che normali, Inclusa la filiera.A causa di interferenze e Carenza di input L’economista di Nomura Securities Chiara Zangarelli ha affermato che “l’attività industriale potrebbe continuare a essere fiacca” fino alla seconda metà di quest’anno.

Nella maggior parte d’Europa, alcune parti dell’industria del tempo libero, come discoteche, spettacoli e teatri, rimangono chiuse. I cinema in alcuni paesi hanno riaperto, ma con capacità limitata e basso reddito.

Secondo i dati Eurocontrol, a metà giugno il traffico aereo europeo era la metà dello stesso periodo del 2019. Tuttavia, è vicino al livello più alto dall’inizio della pandemia.

Il grafico a linee della variazione percentuale nello stesso giorno del 2019, la media mobile a 7 giorni mostra che il traffico aereo europeo è ancora la metà del livello prima dell'epidemia

L’economista di HSBC Fabio Balboni ha dichiarato: “Non siamo molto ottimisti sulle prospettive di una piena ripresa del settore turistico quest’anno, soprattutto per i paesi che dipendono fortemente dai turisti stranieri”.

Ma Tomas Dvorak, economista dell’Oxford Economics Institute, ha affermato che i dati di ricerca su Internet hanno mostrato che le attività legate al turismo “sono aumentate notevolmente nelle ultime settimane, indicando una forte domanda”.

Un altro segnale incoraggiante sono i dati sulle prenotazioni di vacanze online di Transparent, che mostrano il rapido aumento delle prenotazioni di affitti a breve termine.

Un grafico a linee che mostra la variazione percentuale delle prenotazioni di affitti a breve termine rispetto alla stessa settimana del 2019. La media per 4 settimane consecutive mostra che le prenotazioni di alloggi sono in aumento

Nella maggior parte delle aree della Germania e della Francia, le prenotazioni sono molto più alte rispetto a giugno 2019, il che indica che i viaggiatori sono in vacanza nei loro paesi d’origine invece di affollarsi nel Mediterraneo. Dvorak prevede che, rispetto al livello pre-pandemia, l’industria del turismo nazionale sarà “abbastanza forte” quest’anno, ma “non forte come nel 2020”.

“Questo è un buon segno che i consumatori possono facilmente reagire all’allentamento delle restrizioni anche nel settore del turismo”, ha affermato.

Nel complesso, le aspettative degli economisti per la ripresa economica della zona euro sono in aumento.Banca centrale europea Previsioni migliorate la scorsa settimana L’economia della zona euro dovrebbe crescere di 0,6 punti percentuali al 4,6% nel 2021. Gli economisti affermano che la zona euro può riprendersi completamente dagli effetti della pandemia già in autunno.

“A giudicare dal sondaggio ottimistico sul sentiment, dai forti afflussi di ordini e dal rimbalzo dei dati sui consumatori, l’Eurozona dovrebbe tornare ai livelli del PIL pre-pandemia. [level] nel [the third quarter of] 2021”, ha affermato Holger Schmieding, capo economista di Berenberg.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *