L’economia è una scienza?

[ad_1]

economia L’economia è generalmente considerata una scienza sociale, sebbene alcuni critici nel campo credano che l’economia non soddisfi la definizione di scienza per una serie di motivi, tra cui la mancanza di ipotesi verificabili, la mancanza di consenso e sfumature politiche intrinseche. Nonostante questi argomenti, l’economia ha una combinazione di fattori qualitativi e quantitativi comuni a tutte le scienze sociali.

Punti chiave

  • L’economia è generalmente considerata una scienza sociale, che ruota attorno al rapporto tra gli individui e la società.
  • I critici sostengono che l’economia non è una scienza a causa della mancanza di ipotesi verificabili e della capacità di raggiungere il consenso.
  • Nonostante questi argomenti, l’economia ha una combinazione di fattori qualitativi e quantitativi comuni a tutte le scienze sociali.

Capire l’economia

L’economia si occupa di come un’economia e i suoi partecipanti operano e si comportano. L’economia studia come i beni e i servizi vengono prodotti, distribuiti in tutta l’economia e consumati da individui e imprese. L’economia presta attenzione anche a come il governo e le aziende allocano le risorse per soddisfare le esigenze dei consumatori.

Uno dei punti focali dell’economia è studiare l’efficienza intorno alla produzione e allo scambio di merci, che è il risultato di incentivi e politiche volte a massimizzare l’efficienza.

L’economia è generalmente divisa in due categorie: una di esse si chiama macroeconomia, Questo è legato all’economia in generale.Un’altra categoria si chiama Microeconomia, Concentrandosi sui singoli consumatori e sulle imprese.

macroeconomia

La macroeconomia si concentra sul funzionamento dell’economia globale e del sistema di mercato. La ricerca macroeconomica influenza le condizioni finanziarie ed economiche dell’intera economia. Alcuni degli indicatori studiati nell’ambito della macroeconomia includono l’inflazione (una misura dell’aumento dei prezzi nell’economia) e il prodotto interno lordo (stima del valore di tutti i prodotti finali prodotti nell’economia).

La macroeconomia studia specificamente il tasso di crescita economica di un paese e come questa crescita influisce sulle persone nell’economia. La macroeconomia analizza come il tasso di crescita di un paese influisce sull’occupazione o sulla disoccupazione, sul tenore di vita medio e sulla redditività finanziaria di un’impresa o di un’industria.

I macroeconomisti sviluppano modelli per analizzare come i diversi settori economici si influenzano a vicenda. I modelli economici vengono utilizzati anche per prevedere la crescita e l’inflazione e per misurare l’impatto delle politiche del governo sull’economia. Ricerca e modella le politiche monetarie e fiscali per determinare come influenzano i mezzi di sussistenza delle persone che vivono nell’economia.

Microeconomia

La microeconomia studia l’impatto del comportamento e delle azioni umane e come le loro decisioni influenzano l’allocazione delle risorse nell’economia. La microeconomia si concentra su come gli individui fanno determinate scelte, specialmente quando cambiano i fattori, come l’aumento dei prezzi.

I modelli microeconomici possono includere l’analisi della domanda e dell’offerta per determinare quante risorse ci sono in un’economia e come questa domanda o offerta influenza i modelli di acquisto dei consumatori e i prezzi di queste materie prime. La microeconomia si occupa anche in parte del modo in cui i consumatori ottengono l’utilità, ovvero la massima felicità che possono ottenere dal consumo di beni o servizi.

Sia la macroeconomia che la microeconomia sono considerate scienze sociali. Le scienze sociali aiutano a spiegare come funziona la società ed è un termine generale che comprende molteplici campi di ricerca (compresa l’economia).

Scienze sociali

Scienze sociali Comprende campi come la sociologia, l’antropologia e l’archeologia, ma è diverso dalle scienze naturali come la fisica e la chimica. Le scienze sociali ruotano attorno al rapporto tra gli individui e la società, così come lo sviluppo e il funzionamento della società. A differenza della maggior parte delle scienze naturali, le scienze sociali fanno molto affidamento sull’interpretazione e sui metodi di ricerca qualitativa.

Tuttavia, le scienze sociali utilizzano anche alcuni degli strumenti quantitativi utilizzati nelle scienze naturali per mappare e comprendere le tendenze.Ad esempio, gli economisti utilizzano statistiche e teorie matematiche per verificare ipotesi e prevedere tendenze.Questo processo è chiamato EconometriaInoltre, molte scienze sociali utilizzano sondaggi e altri metodi di ricerca rigorosi per identificare le tendenze e fornire chiarezza per la pratica futura.

Nelle scienze sociali, l’economia è degna di nota per il suo uso precoce ed esteso della matematica formale nello sviluppo teorico e per l’uso di metodi statistici e applicazioni informatiche quantitative nei metodi empirici della ricerca applicata. La crescente dipendenza dai modelli matematici per studiare l’economia è iniziata nell’economia neoclassica alla fine del XIX secolo ed è ancora essenziale per l’economia teorica e l’economia applicata.

Incertezza economica

Uno dei principali argomenti contro la classificazione dell’economia come scienza è la mancanza di ipotesi verificabili. Dietro la difficoltà di formulare e testare ipotesi economiche ci sono variabili quasi infinite e solitamente invisibili che giocano un ruolo in qualsiasi tendenza economica.

Una delle sfide nel campo dell’economia è che gli economisti non possono condurre esperimenti controllati in laboratorio. D’altra parte, il campo della chimica fornisce ai chimici la capacità di testare ipotesi e valutare questi risultati. Al contrario, gli economisti analizzano più spesso i dati storici a livello nazionale o per regione geografica. È questa incapacità di testare ipotesi (e la capacità di eliminare influenze esterne che possono influenzare i risultati) in un ambiente controllato che fa pensare ad alcune persone che l’economia non dovrebbe essere considerata una scienza. Tuttavia, la stessa critica si applica a tutte le scienze sociali, e anche i rami delle scienze naturali come la fisica hanno teorie non dimostrate, ma la società accetta il ramo della fisica come scienza.

Inoltre, la frequenza delle variabili non misurabili in economia consente a teorie concorrenti e talvolta contraddittorie di coesistere senza dimostrare che un’altra teoria non è fattibile.

Sebbene l’economia utilizzi sempre più metodi scientifici e matematici per tracciare e prevedere le tendenze, modelli, teorie e risultati contrastanti spesso impediscono all’economia di raggiungere un solido consenso in molte scienze naturali. Tuttavia, queste differenze e questi conflitti sono inerenti a qualsiasi scienza sociale, che richiedono tutti un elemento esplicativo che raramente si trova nelle scienze naturali. Il campo dell’economia contiene elementi quantitativi e qualitativi comuni a tutte le scienze sociali.Finché la scienza sociale esiste come scienza, l’economia appartiene a questa categoria.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *