L’economia si riprende e i profitti dalla miniera alla strada principale sono redditizi

[ad_1]

Aggiornamento sui profitti aziendali

Con l’impennata dei prezzi delle materie prime e i consumatori che ricominciano a spendere all’aperto, il rimbalzo economico globale provocato dal Covid-19 ha aumentato gli utili aziendali giovedì.

Le società quotate nel solo Regno Unito hanno annunciato più di $ 10 miliardi di dividendi e riacquisti di azioni, e gruppi che vanno dalla Royal Dutch Shell al birrificio Diageo hanno riportato una ripresa delle vendite e dei profitti.

Dopo lo shock economico del coronavirus, la forte domanda ha guidato l’impennata dei prezzi delle materie prime, consentendo a Shell di aumentare il dividendo del 40% dopo averlo tagliato lo scorso anno. anglo-americano Ha detto che avrebbe restituito $ 4,1 miliardi agli azionisti dopo il profitto più forte nei 104 anni di storia del minatore.

Il CEO di Anglo Mark Cutifani ha dichiarato: “Nei primi sei mesi del 2021, mentre l’economia inizia a recuperare il terreno perduto sotto lo stimolo delle misure di stimolo, la domanda e i prezzi per molti dei nostri prodotti sono forti… Le scorte sono tornate. Gli acquisti dovrebbero dirlo tu che pensiamo che non sia così buono come sembra.”

La francese TotalEnergies ha annunciato il profitto semestrale più alto degli ultimi cinque anni e ha annunciato il riacquisto di azioni proprie, mentre il produttore di acciaio ArcelorMittal ha annunciato il profitto più alto dal 2008.

Annunciato il gigante minerario Rio Tinto Record di $ 9,1 miliardi Poiché la ripresa economica della Cina ha portato a un’impennata della domanda di minerale di ferro, il suo profitto semestrale supera l’utile dell’intero anno del 2020.

Poiché la ripresa economica ha stimolato la domanda di materie prime, i consumatori di paesi come Stati Uniti, Regno Unito e diversi paesi europei hanno realizzato nuove libertà tornando a bar, ristoranti e uffici.

L’allentamento delle restrizioni di Covid-19 aiuterà a guidare la crescita dei profitti per Diageo e il più grande produttore di birra al mondo Anheuser-Busch InBev, nonché il più grande gruppo fieristico al mondo Informa e la società di disinfestazione Rentokil, la cui attività igienico-sanitaria ha beneficiato della riapertura delle attività commerciali locali.

L’amministratore delegato di Informa, Lord Stephen Carter, ha descritto la “graduale ripresa delle attività sportive” nei principali mercati dell’azienda, la Cina “è tornata effettivamente al livello che avresti riconosciuto nel 2019” e gli Stati Uniti “stanno accelerando il passo”.

Sebbene le cifre sugli utili siano lusingate rispetto alle cupe cifre della pandemia di un anno fa, i guadagni sono molto più di questo. Nestlé, il più grande produttore alimentare al mondo, ha annunciato la crescita più forte nel primo semestre degli ultimi dieci anni, grazie a un forte aumento delle vendite di prodotti alimentari, bevande e dolciumi fuori casa.

La ripresa del trasporto aereo ha dato impulso al gruppo aerospaziale e della difesa Airbus, che ha raddoppiato le sue previsioni per quest’anno a 4 miliardi di euro a causa di un rimbalzo della domanda di aeromobili.

Tuttavia, la diffusione della variante Delta del coronavirus ha gettato un’ombra sulle prospettive delle imprese e paesi come Brasile e India stanno ancora lottando per far fronte all’impatto dell’ultima ondata di virus.

“Il Covid-19 non è ancora finito”, ha avvertito il CEO di Airbus Guillaume Forry. “I livelli di vaccinazione sono molto diversi nel mondo e non possiamo escludere che ci sarà un’altra variante dopo la variante Delta, quindi pensiamo che dobbiamo essere molto cauti… In termini di recupero, questa sarà una strada accidentata”.

Nonostante abbia riportato un aumento dell’utile netto nel secondo trimestre, il gruppo di elettronica sudcoreano Samsung ha avvertito che la nuova ondata di Covid-19 sta aumentando i rischi per la sua catena di approvvigionamento, soprattutto in Vietnam.

Per le aziende orientate al consumo, anche se la domanda si riprende, l’aumento dei prezzi delle materie prime minaccia i margini di profitto.

Il CEO di Nestlé Mark Schneider ha dichiarato: “Quello che abbiamo visto quest’anno è una sorta di punto di svolta. Dopo diversi anni di bassa inflazione, ha improvvisamente accelerato molto fortemente”.

Segnalato da Neil Hume, Sylvia Pfeifer, Sam Jones, Alistair Gray e Alex Barker

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *