L’editore statunitense rilasciato afferma di essere stato torturato in Myanmar Reuters

[ad_1]


(Reuters)-Dopo essere stato deportato negli Stati Uniti dopo essere stato detenuto per più di tre mesi, ha affermato che le forze di sicurezza birmane hanno preso a pugni e picchiato un giornalista americano e lo hanno bendato per più di una settimana di interrogatorio.

Nathan Maung, 44 anni, caporedattore della piattaforma di notizie online Kamayut Media, è stato arrestato durante un raid il 9 marzo e rilasciato il 15 giugno. Proprio come le altre persone che ha incontrato in prigione.

Il portavoce del governo militare non ha risposto alla richiesta di commento di Nathan Maung sul resoconto, che è in linea con alcune delle migliaia di persone detenute da quando l’esercito ha rovesciato il leader eletto Aung San Suu Kyi il 1 febbraio.

Il governo militare ha dichiarato che i detenuti sono trattati secondo la legge.

“I primi tre o quattro giorni sono i peggiori”, ha detto Nathan Maung a Reuters in un’intervista telefonica in Virginia venerdì.

“Sono stato schiaffeggiato più volte. Non importa quello che ho detto, mi hanno semplicemente colpito. Mi hanno colpito i timpani con le mani molte volte. Mi hanno colpito gli zigomi da entrambi i lati. Mi hanno colpito le spalle. Non mi era permesso alzarmi in piedi. . Le mie gambe sono gonfie. Non riesco più a muovermi”, ha detto.

Nathan Maung è nato in Myanmar ed è fuggito negli Stati Uniti come rifugiato negli anni ’90. Ha detto di essere stato arrestato nell’ufficio di Kamayut Media e gli è stato chiesto delle sue pubblicazioni, del suo ruolo lì e di come funziona.

“Mi hanno ammanettato le mani dietro la schiena, mi hanno legato gli occhi con un panno e poi l’hanno coperto con un altro panno”, ha detto.

“Non mi hanno lasciato dormire per circa tre o quattro giorni. L’interrogatorio è stato ininterrotto. Non c’era tempo per dormire”, ha detto. Ha detto che dopo aver scoperto che era un cittadino degli Stati Uniti, i pestaggi sono diminuiti il ​​quarto giorno.

“L’ottavo giorno, è venuto un colonnello e si è tolto il panno che mi copriva”, ha detto Nathan Mun.

Alcuni “hanno subito torture peggiori”

L’ambasciata degli Stati Uniti ha affermato che dopo il suo rilascio, Nathan Maung è stato accolto da funzionari statunitensi che hanno aiutato lui e la sua famiglia.

Ha espresso profonda preoccupazione per la detenzione del giornalista americano Danny Fenster, che è stato detenuto più di un mese fa, e suo fratello ha detto che gli è stato permesso di parlare con l’ambasciata americana per la prima volta la scorsa settimana.

Nathan Maung ha detto che il colonnello ha registrato la sua testimonianza e gli ha chiesto se avesse delle dichiarazioni da fare – l’editore ha chiesto il rispetto dei suoi diritti umani e gli ha chiesto di avere un avvocato per difendere eventuali accuse.

Nathan Mun ha detto che il colonnello gli ha detto che non era stato accusato di nessun crimine e che sarebbe stato rilasciato quando la situazione si fosse calmata.

Nathan Maung ha detto che durante la sua detenzione ha incontrato altre persone abusate e ha sentito persone urlare, implorare e urlare da altri edifici.

“Alcune persone hanno subito torture più gravi di noi. Qualcuno è rimasto con me nella stessa stanza per due giorni e il suo corpo era coperto di lividi e cicatrici. Hanno messo le sue mani ammanettate sul tavolo e lo hanno picchiato. Mani”.

“L’osso non era rotto, ma era gravemente ferito e la sua pelle era strappata”.

Kamayut Media ha smesso di pubblicare dopo essere stato arrestato, ma Nathan Maung ha detto che ha intenzione di riprendere il lavoro.

Il gruppo militante dell’Associazione per l’aiuto ai prigionieri politici ha dichiarato che dal golpe circa 5.200 persone sono ancora state imprigionate dopo essere state detenute. Ha detto che le forze di sicurezza hanno ucciso almeno 881 persone da allora. Il governo militare ha contestato questa cifra.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *