L’educazione sessuale innesca scontri culturali online in Etiopia

[ad_1]

Seyoum Antonios, chirurgo famoso etiope e attivista cristiano, ha trasmesso un messaggio al suo vasto pubblico online: smettetela di introdurre “un’educazione sessuale completa” nelle scuole, o affronterete l’ira di Dio.

In un video pubblicato l’anno scorso e visto più di 160.000 volte su YouTube, il medico ha affermato che esiste un “Agenda che appare su di noi, chiamata educazione sessuale olistica, volta a diffondere l’omosessualità e l’aborto sul pianeta”.

Ha aggiunto che l’organizzazione sta cercando di includerlo nel curriculum scolastico etiope, “per insegnare ai nostri figli che l’omosessualità è naturale quando sono piccoli e che non c’è problema con l’aborto. Dobbiamo piangere davanti a Dio e lasciare che questo finisca”.

In un paese cristiano con quasi i due terzi della popolazione – il censimento più recente è stato nel 2007, i membri ortodossi, evangelici e pentecostali dell’Etiopia rappresentavano il 63% dei 114 milioni di abitanti – gli analisti ritengono che queste informazioni stiano facendo uso di Molte persone opporsi all’educazione sessuale completa (CSE). Seyoum ha accumulato più di 1 milione di visualizzazioni video La piattaforma dal 2018, secondo Si intende, Una società di data science specializzata in ricerca etica e governance dei dati.

“Dobbiamo stare molto attenti nel fornire educazione sessuale ai bambini”, ha affermato il capo dell’organizzazione locale, che l’organizzazione promuove un’educazione sessuale completa in modo discreto in Oromia e Amhara. “Ci sono alcuni gruppi informali che cercano di bloccare tali attività attraverso i social media, in particolare [on] YouTube”, ha aggiunto la persona.

Ricercatori, enti di beneficenza e organizzazioni internazionali affermano che questa discussione online supporta il lobbismo politico e tiene il CSE lontano dal curriculum. Molte persone si preoccupano dell’impatto sul secondo paese più popoloso dell’Africa, dove l’età media è di 19,5 anni.

Siyane Aniley, ricercatrice di educazione sessuale presso il Center for Comparative Education and Policy Research dell’Università di Addis Abeba, ha dichiarato: “Per i giovani che hanno davvero bisogno di un’educazione sessuale completa, c’è un grande malinteso sul sesso”. donne Le mutilazioni genitali, la promozione dell’aborto sicuro e l’uso del preservativo sono di grande aiuto».

L’organizzazione più nota in Etiopia che si oppone a questo insegnamento è Interrompi CSE, Piani congiunti con gruppi, tra cui Family Watch Internazionale, Un’organizzazione cristiana conservatrice in Arizona, con Seyoum a capo dell’Africa.Stop CSE sta promuovendo Petizione per proteggere i bambini in Etiopia, “Assicurati che nessun insegnamento o materiale sia fornito ai bambini nella nostra scuola, inclusa la controversa educazione sessuale completa”.

attività Fare riferimento a “L’obiettivo finale di CSE è quello di cambiare le norme di sesso e genere nella società, motivo per cui CSE può essere più accuratamente definito ‘aborto, promiscuità ed educazione ai diritti LGBT'”. Afferma che il CSE è “molto esplicito e promuove la promiscuità e il comportamento sessuale ad alto rischio”.

I sostenitori del CSE negano questo e affermano che si occupa della prevenzione della gravidanza precoce, delle infezioni trasmesse sessualmente, del consenso e della violenza fornendo ai giovani competenze e conoscenze per aiutarli a costruire relazioni sane.

Secondo l’ultima indagine demografica e sanitaria dell’Etiopia nel 2016, il 58% delle donne di età compresa tra 25 e 49 anni si è sposata prima dei 18 anni e la metà ha partorito prima dei 20 anni.

Saba Kidanemariam, direttore etiope di Ipas, un’organizzazione internazionale per la salute e i diritti riproduttivi delle donne, ha dichiarato: “Se non forniamo informazioni corrette, molte donne potrebbero effettivamente perdere la vita”.

Il co-fondatore di Family Watch Joe Harrod (Joe Harrod) ha affermato che Family Watch non ha risposto a una richiesta di commento, ma le sue attività hanno ottenuto un alto livello di partecipazione sui social media. Si intende. Ha stimato che il numero di visualizzazioni della petizione Stop CSE ha raggiunto 1,9 milioni.

Befekadu Hailu, analista dei social media di Addis Abeba, ha dichiarato: “Seyoum e altri possono avere questo tipo di potere [using social media] Poiché la norma qui è contro l’educazione sessuale basata sulla conoscenza, è considerata contro la religione e la cultura. ”

Tiruwork Amare, manager di MSI Reproductive Choices, un’organizzazione di pianificazione familiare in Etiopia, ha dichiarato: “Il tasso di gravidanze adolescenziali è molto alto, il tasso di gravidanze indesiderate è molto alto e il tasso di aborto non sicuro è molto alto… Il motivo è la mancanza di informazione o educazione sessuale, molti errori. Informazione, paura dello stigma e dell’influenza religiosa”.

Per Imran Ahmed, capo del Center for Combating Digital Hatred, un gruppo di advocacy con sede a Londra, “a causa della velocità della diffusione della disinformazione e molte persone non sono abituate”.

YouTube ha dichiarato di supportare la libertà di parola e che i due video che i critici hanno elencato Seyoum come disinformazione non hanno violato le sue linee guida. Un portavoce ha detto che rimuoverà qualsiasi contenuto “dannoso o che incita all’odio”.

Le linee guida delle Nazioni Unite sull’educazione sessuale mostrano che alcuni paesi stanno implementando un’educazione scientifica che si adatta alle loro condizioni nazionali. L’UNESCO supporta diversi governi africani nella formulazione di politiche per rafforzare l’educazione sanitaria mentre si impegna con i genitori e le comunità. Secondo alcune persone che hanno familiarità con la questione, in Etiopia, tali sforzi sono stati bloccati dall’opposizione l’anno scorso.

“Questa è la fondazione, è davvero la fondazione, non c’è dubbio”, ha detto un funzionario di un’organizzazione che ha lavorato con il Ministero dell’Istruzione etiope per sviluppare corsi che includano l’educazione sessuale.

“Le informazioni basate sulla paura stanno seminando il panico morale basato sulla disinformazione e i funzionari del governo non vogliono correre rischi”, ha detto un altro funzionario. Alti funzionari del Ministero dell’Istruzione etiope non hanno risposto alle richieste di commento.

Joanna Herat, esperta di salute e istruzione dell’UNESCO, ha affermato che l’organizzazione “ritiene che l’accesso a un’istruzione di qualità sia un diritto umano di tutte le persone e che l’educazione sessuale completa ne sia una parte fondamentale… Questi temi sono in alcuni casi. regione può essere molto sensibile e alcuni gruppi usano la disinformazione per costruire su queste paure e preoccupazioni già esistenti”.

Seyoum ha contestato ciò che i critici hanno detto: “Qualsiasi obiezione all’ortodossia del CSE [is labelled] Come “false informazioni”. Sfidiamo le agenzie delle Nazioni Unite a fermare le loro false informazioni, sostenendo che CSE preverrà magicamente la gravidanza adolescenziale, le malattie veneree, il bullismo, gli abusi sessuali, la violenza domestica, la mascolinità tossica, ecc. ”

Ha affermato che l’UNESCO e altre agenzie delle Nazioni Unite sono state scelte da paesi donatori e gruppi che sostengono i diritti all’aborto delle donne e “promuovono i diritti sessuali radicali a scapito della salute sessuale… Questo non è solo imperialismo culturale, ma anche impero sessuale. Ism .”

Per Siyane Aniley dell’Università di Addis Abeba, la situazione è semplice: “In generale, la società si lascia facilmente persuadere perché gli attivisti anti-CSE citano le scritture nella Bibbia, che è rispettata e seguita dalle persone. Quindi, si sono immediatamente collegati. La società etiope è più probabilità di fidarsi di persone come il dottor Seyoum che dell’UNESCO.”

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *