L’elenco dei dipendenti chiave in Inghilterra si è ampliato e possono lavorare anche se vengono pingati dall’app Covid

[ad_1]

Dinamiche economiche ed economiche britanniche

All’elenco degli idonei al lavoro sono stati aggiunti i lavoratori della difesa, i netturbini, il personale dell’ufficio delle imposte e le guardie carcerarie in Inghilterra, anche se sono “pingati” dall’applicazione Test and Trace, a patto che vengano testati quotidianamente dal Covid.

Lunedì, il governo ha ampliato il numero di punti di ispezione giornaliera a livello nazionale per ridurre la necessità di autoisolamento del personale di base, riducendo così la crescente carenza di personale.

La scorsa settimana, il governo britannico ha dichiarato che i lavoratori delle industrie alimentari come supermercati e magazzini potranno utilizzare il nuovo programma di test giornalieri indipendentemente dal loro stato di vaccinazione, per impedire loro di autoisolarsi entro i 10 giorni normalmente richiesti se esposti infettare.

Dopo le crescenti critiche dei sindacati e dell’industria, questo elenco è stato successivamente ampliato per includere altri lavoratori ritenuti essenziali, comprese le truppe di frontiera. Impatto duraturo Le persone sono costrette a smettere di lavorare.

Il Ministero della Salute e dell’Assistenza Sociale ha annunciato i cambiamenti in una dichiarazione lunedì sera, confermando che ci saranno 2.000 siti di test in Inghilterra. Il dipartimento ha affermato che i lavoratori di industrie che vanno dall’energia, ai prodotti chimici e alle telecomunicazioni alla medicina veterinaria e al servizio delle entrate e delle dogane del Regno Unito avranno accesso prioritario a 1.200 nuove strutture.

Le ultime linee guida sono dovute alla preoccupazione che un gran numero di lavoratori debba autoisolarsi dopo aver contattato NHS Test and Trace, il che influisce negativamente sul funzionamento di importanti dipartimenti come i servizi di emergenza e i trasporti.

Secondo gli ultimi dati del SSN, nella settimana terminata il 14 luglio, Quasi 620.000 persone Inghilterra e Galles devono autoisolarsi.

I leader del settore hanno avvertito che, nonostante il supporto aggiuntivo fornito dal governo, molte industrie stanno ancora lavorando per mitigare l’impatto della carenza di dipendenti.

Ad esempio, la scorsa settimana, diverse compagnie ferroviarie, tra cui la Southwest Railway Company, uno dei maggiori operatori del Regno Unito, Orari ridotti e cancellati alcuni servizi Riferimento alle assenze dei dipendenti legate al Covid.

Allo stesso tempo, durante il fine settimana, il rapporto è apparso su telegrafo, I leader sindacali hanno discusso dello sciopero e hanno incoraggiato i membri a rimanere a casa di fronte al rischio di infezione sul posto di lavoro, preoccupandosi dei problemi di sicurezza.

I ministri hanno affermato che le ultime linee guida consentiranno ai lavoratori di completare il proprio lavoro in sicurezza, contribuendo nel contempo a frenare la diffusione del virus.

Il ministro della Sanità Sajid Javid ha dichiarato: “Che si tratti di una guardia carceraria di turno, di un netturbino che tiene pulite le strade o di un lavoratore del settore energetico che tiene le luci accese, i compiti chiave sono Le persone sono lì per servirci. ”

Ha aggiunto: “Quando impareremo a convivere con il virus, continueremo a fare tutto il possibile per spezzare la catena di trasmissione e fermare la diffusione di questo virus”. la possibilità di interruzione per l’aumento dei casi, pur tutelando i dipendenti”.

Le ultime modifiche alle linee guida sono avvenute lunedì nel Regno Unito 24.950 nuovi contagi da coronavirus registrati, Segnando il sesto giorno consecutivo di calo dei casi giornalieri.

Nonostante i dati incoraggianti, Downing Street invita ancora alla cautela. “Il primo ministro ritiene che non siamo fuori dalla situazione”, ha detto un portavoce di Boris Johnson, osservando che l’impatto della revoca finale delle restrizioni il 19 luglio non si è ancora riflesso nei dati.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *