L’Elite Conservative Donor Club tiene un incontro segreto con Johnson e Sunak

[ad_1]

Aggiornamento sul finanziamento dei partiti politici nel Regno Unito

Un club segreto dei principali donatori del partito conservatore chiamato “Comitato consultivo” ha tenuto incontri regolari e teleconferenze con il Primo Ministro Boris Johnson e il Cancelliere dello Scacchiere Rich Sunak.

Alcuni membri del club hanno donato almeno £ 250.000 al partito, sviluppato dal copresidente del partito conservatore Ben Elliot come mezzo per collegare i principali sostenitori del partito conservatore con le loro figure di spicco.

Il club non è apparso nella letteratura del partito, ma i funzionari del partito conservatore hanno confermato che il comitato consultivo ha incontrato “occasionalmente” Johnson e Sunak per “conoscere l’ultima situazione nel panorama politico”.

Una persona che conosce le attività del comitato consultivo ha affermato che tiene riunioni mensili o teleconferenze con il presidente del Consiglio o il presidente del Consiglio. Un donatore ha affermato che alcuni membri hanno utilizzato queste discussioni per chiedere tagli alla spesa pubblica e abbassare le tasse.

I membri del comitato consultivo hanno partecipato a un incontro esclusivo il 28 giugno nella casa di Kensington di Rishi Khosla, un banchiere che ha sostenuto il Partito conservatore. Elliot è il fondatore di Quintessentially “concierge” e società di lobbying e pubbliche relazioni Hawthorn Advisors, che serve i ricchi.Ha ospitato un ricevimento a casa di Khosla dove Johnson ha comunicato con i principali donatori.

Mohamed AmersiUn uomo d’affari e donatore del partito conservatore ha dichiarato al Financial Times che il club “è come un membro cliente di Quintessential molto d’élite: bisogna pagare £ 250.000 all’anno o essere amico di Ben”. Una persona che ha familiarità con il comitato consultivo ha affermato che sebbene una donazione di £ 250.000 non garantisca l’adesione, si tratta essenzialmente di un “gruppo di donatori”.

I sostenitori di Elliott affermano che il Partito Conservatore ha da tempo un “gruppo dirigente” in cui i donatori che hanno donato £ 50.000 possono incontrarsi regolarmente con i ministri. Il funzionamento del comitato consultivo è ancora più scarno, con alcuni membri che forniscono cinque volte l’importo al partito. Il partito conservatore ben posizionato ha affermato che “non tutti” nel comitato consultivo hanno donato £ 250.000, ma alcuni lo hanno fatto.

Otto donatori del Partito Conservatore hanno emesso un assegno di £ 250.000 nel 2020 e finora tre donatori hanno fornito tale importo nel 2021. Nessuna delle persone contattate dal Financial Times rivelerà se sono membri del comitato consultivo.

Altri veterani del Partito Conservatore hanno affermato che i membri del comitato consultivo non hanno donato così tanti soldi nell’ultimo anno, ma hanno donato molti soldi in passato. Il partito ha rifiutato di discutere l’appartenenza al comitato.

I funzionari del partito conservatore hanno insistito sul fatto che il comitato consultivo esisteva prima che Johnson nominasse il partito Elliott come copresidente nel luglio 2019, ma ha rifiutato di rivelare quando è stato istituito. “Non ne ho mai sentito parlare”, ha detto un alto ministro del governo di David Cameron.

I sostenitori di Elliott affermano che i copresidenti del partito stanno “modernizzando e professionalizzando” le attività di raccolta fondi del partito, il che vale anche per i comitati consultivi che sono diventati più “strutturati”.

Un partito conservatore ben posizionato ha menzionato il “250 Club”, dicendo che era “come il whisky: provi a vedere quanto in alto puoi aumentare il prezzo”. Un portavoce del Partito Conservatore ha dichiarato che non esiste un’organizzazione chiamata “250 Club”.

Il partito conservatore ha dichiarato che le attività di raccolta fondi del partito non hanno nulla a che fare con la politica del governo. Un portavoce ha dichiarato: “Le politiche del governo non saranno mai influenzate dalle donazioni ricevute dal partito”. “Sono completamente separate”.

Il portavoce ha aggiunto: “Le donazioni al Partito conservatore sono state annunciate in modo corretto e trasparente al comitato elettorale, da loro annunciato e nel pieno rispetto della legge. La raccolta fondi è una parte legittima del processo democratico”.

Si dice che molti membri del comitato consultivo siano thatcheristi, che hanno invitato Johnson e Sunak a cambiare la loro posizione economica. Un donatore ha dichiarato: “I membri sono liberi professionisti e non sono soddisfatti della direzione economica del governo. Al telefono, spesso chiedono al governo di aumentare le tasse sulle società e dicono loro: “Dobbiamo fermare tutti questi interventi statali”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *