L’esplosione di una petroliera in Libano uccide 20 persone

[ad_1]

Aggiornamento Libano

Secondo i soccorritori, l’esplosione della petroliera in Libano ha ucciso almeno 20 persone e ne ha ferite decine di altre.Il Paese è stato paralizzato dalla mancanza di energia elettrica e le forze armate sono state inviate a fare irruzione nelle stazioni di servizio che si diceva accumulassero benzina.

La Croce Rossa libanese, una volontaria che fornisce la maggior parte dei servizi di ambulanza del Paese, ha dichiarato domenica mattina che almeno 79 persone sono rimaste ferite nell’esplosione nella remota regione settentrionale di Akha, al confine con la Siria.

Questo evento è il più grande disastro dopo il disastroso disastro in questo paese devastato dalla crisi. Esplosione del porto di Beirut l’anno scorso.

L’agenzia di stampa statale libanese ha affermato che la causa esatta dell’esplosione della petroliera non è ancora nota, ma è avvenuta nei pressi dello stoccaggio illegale di carburante che i residenti locali hanno scoperto nel primo pomeriggio.

L’agenzia ha aggiunto che le forze armate libanesi erano arrivate per aiutare a distribuire il carburante, ma c’è stato un “incidente timbrato” dopo che i soldati se ne sono andati.

L’area di confine libanese è nota per il suo commercio illegale con la Siria dilaniata dalla guerra, che soffre di una carenza di carburante da più di un anno. Mentre il Libano precipitava nella propria crisi petrolifera, le forze di autodifesa hanno iniziato a cercare attivamente di fermare il traffico, e allo stesso tempo hanno schierato le forze di sicurezza nazionale sabato per sequestrare e distribuire il carburante accumulato.

Il multilivello finanziario, economico e Crisi politica Ha raggiunto il suo apice negli ultimi giorni. Mercoledì, la banca centrale ha annunciato la sua decisione unilaterale di interrompere i sussidi al carburante, che ha fatto precipitare il paese in un nuovo caos.

“Questo è catastrofico”, ha detto Diana Menhem, amministratore delegato di Kulluna Irada, un gruppo di pressione che sostiene la riforma. “A peggiorare le cose, non esiste un meccanismo in atto… Ha aggiunto per aiutare le persone a far fronte alle “pressioni inflazionistiche che potrebbero essere causate dai nuovi tassi di interesse di mercato e dai prezzi del carburante”. più della metà della popolazione libanese vive in povertà, al di sotto del tasso.

La Banca della Libia ha esaurito le sue riserve rimanenti perché mantiene i finanziamenti per l’importazione di beni di prima necessità come carburante e medicinali a un tasso di interesse ufficiale di 1.500 sterline per dollaro.

Dall’inizio della crisi economica nell’ottobre 2019, le riserve valutarie di BdL sono state dimezzate a 15 miliardi di dollari USA e il prezzo delle transazioni sul mercato nero è salito a 20.000 sterline per dollaro USA, deprezzandosi di oltre il 90%, con conseguente Iper inflazione.

Mentre il governo e la banca centrale fissavano i prezzi per i prodotti di base, giovedì le stazioni di servizio in tutto il paese sono state chiuse e venerdì e sabato gli autisti si sono messi in fila mentre cercavano di riempire i serbatoi di benzina.

Grave carenza di diesel Già disabilitato Parallelo sistema elettrico privato, i libanesi fanno affidamento su una rete di generatori locali per sopperire alla carenza di energia fornita dallo stato. In alcune zone di Beirut, il servizio elettrico giornaliero è ridotto a pochi minuti.

Giovedì BdL ha difeso la sua decisione sui sussidi per il carburante, affermando di aver avvertito il governo che non sarebbe stato in grado di mantenere il tasso di cambio agevolato per un anno. La banca centrale ha affermato di aver fornito 800 milioni di dollari Usa “per coprire il costo del carburante nell’ultimo mese” e ha aggiunto che la maggior parte delle forniture acquistate “scompaiono ancora dal mercato e vengono vendute a un prezzo che supera il suo valore”, che si riferisce al contrabbando e all’accaparramento.

L’Autorità petrolifera libanese ha dichiarato sabato che BdL e il Ministero dell’Energia hanno concordato di fissare un tasso di finanziamento di 3.900 sterline per dollaro per le scorte di carburante nel paese e hanno incaricato le pompe di vendere carburante al prezzo fissato dal ministero la scorsa settimana.

Ma questo non ha alleviato immediatamente la situazione nel fine settimana. Le piccole imprese sono chiuse fino a nuovo avviso, almeno due centri commerciali a Beirut sono chiusi e ci sono lunghe file fuori dai panifici perché la gente è sempre più preoccupata che il forno si raffreddi.

L’American University Medical Center Beirut, uno dei principali ospedali privati ​​del Medio Oriente, ha chiesto urgentemente carburante, affermando che la vita dei pazienti è in pericolo.

L’ospedale ha dichiarato che “a causa della carenza di carburante, ha dovuto affrontare una “chiusura forzata” da lunedì mattina. Ciò significa che i ventilatori e altre apparecchiature mediche salvavita cesseranno di funzionare”. on La vita con un respiratore morirà immediatamente”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *