L’ex consulente giapponese afferma che Harvard non è sotto pressione a causa di Toshiba Reuters

[ad_1]

2/2

© Reuters. Foto del file: il logo di Toshiba è stato visto nello stabilimento dell’azienda a Kawasaki, in Giappone, il 13 febbraio 2017. REUTERS/Issei Kato

2/2

(Correggere la formulazione di “non eletto” al paragrafo 23 in “non eletto”)

Autori: Ross Kerber e Makiko Yamazaki

BOSTON/TOKYO (Reuters)-Un ex consigliere del governo giapponese ha dichiarato di non aver fatto pressioni sul fondo di dotazione dell’Università di Harvard per influenzare il suo voto alla controversa assemblea degli azionisti di Toshiba (OTC:) Corp lo scorso anno. Il fondo dovrebbe “chiarire i fatti”.

Hiromichi Mizuno, che solo di recente ha prestato servizio come consulente del Ministero dell’Economia, del Commercio e dell’Industria, è stato incaricato dagli azionisti di indagare questo mese e identificato come una figura importante nella gestione in collusione con il Ministero dell’Economia, del Commercio e dell’Industria per prevenire l’influenza degli azionisti stranieri.

Mizuno ha detto a Reuters che quando stava per iniziare a ricevere una borsa di studio all’università l’anno scorso, aveva volontariamente parlato con i funzionari del Ministero dell’Economia, del Commercio e dell’Industria e della Harvard Management Company.

Mizuno, membro del consiglio di amministrazione del produttore americano di auto elettriche Tesla (NASDAQ :) Inc, ha affermato di aver discusso dei potenziali rischi del voto dell’Harvard Fund (HMC) a Toshiba. Il maggiore azionista del gruppo, l’hedge fund radicale Effissimo Capital Management, sta cercando un posto nel consiglio di amministrazione.

Fonti in precedenza avevano detto a Reuters che HMC è anche un investitore di Effissimo, con sede a Singapore.

Ha detto che Mizuno ha chiarito a HMC che non rappresenta il governo giapponese.

“Non mi interessa in alcun modo che tu voti”, ha detto Mizuno, come ha detto al leader del fondo di dotazione.

Il commento di Mizuno in un’intervista con Reuters nella tarda serata di lunedì è stato il suo primo commento da quando l’indagine ha scoperto che il management aveva colluso con il Ministero dell’Economia, del Commercio e dell’Industria per prevenire l’influenza di Effissimo, HMC e altri azionisti stranieri e per fornire nuovi dettagli sulla negoziazioni.Toshiba ha rilasciato commenti pubblici. In precedenza aveva dichiarato al “Financial Times” britannico di non rappresentare il governo giapponese.

La narrativa di Mizuno ha anche fornito nuovi indizi per gli eventi di Toshiba. Gli eventi dettagliati nell’indagine hanno riacceso le preoccupazioni sulla corporate governance giapponese e il grado di apertura agli azionisti stranieri e sembrano essere in contrasto con gli sforzi a lungo termine del governo per ottenere maggiori investimenti esteri.

Un portavoce di HMC ha rifiutato di commentare questo articolo.

Un alto funzionario del Ministero dell’Economia, del Commercio e dell’Industria che aveva conoscenza diretta della questione a condizione di rimanere anonimo ha sostenuto la dichiarazione di Mizuno e ha affermato che ciò non si è riflesso nell’indagine.

Toshiba ha rifiutato di commentare.

Un’indagine indipendente ha rilevato che dopo l’astensione di HMC, che detiene oltre il 4% delle azioni, il ruolo di Mizuno ha influito sul voto dell’assemblea generale annuale degli azionisti di luglio 2020.

Non è chiaro come HMC intenda votare alla riunione.

Mizuno ha detto a Reuters di aver cercato di mantenere rapporti amichevoli con Harvard e ha chiesto al fondo di fare alcuni chiarimenti per “chiarificare i fatti”.

Mizuno è l’ex chief investment officer del fondo pensione giapponese da 1,61 trilioni di dollari. Il governo ha dichiarato a gennaio di essersi dimesso da consigliere speciale del ministero dell’Economia, del commercio e dell’industria dopo essere stato nominato inviato speciale delle Nazioni Unite.

“Molto inappropriato”

Alcune delle affermazioni di Mizuno sono in netto contrasto con l’indagine, che citava una lettera di HMC in cui si affermava che il fondo di dotazione ha ricevuto una richiesta sgradita da una persona, ovviamente Mizuno, prima dell’assemblea generale degli azionisti e “ha scoperto che lo scambio era contenuto È molto inappropriato in termini di tempo e tempo”.

Secondo il rapporto, anche se Mizuno parla come un normale cittadino, gli azionisti capiranno l’influenza del suo governo.

METI ha poteri regolatori sugli azionisti stranieri di Toshiba perché la società è considerata un asset strategico e produce attrezzature nucleari e per la difesa.

Martedì Mizuno ha detto a Reuters in un messaggio di follow-up che dopo che il fondo è diventato frustrato con la società, ha agito come canale per HMC per passare informazioni a METI e Toshiba, che è stata afflitta da problemi di contabilità e governance e prezzi delle azioni deboli.

Mizuno ha affermato che il leader del fondo di dotazione da 41 miliardi di dollari, il CEO NP “Narv” Narvekar, e il chief investment officer Rick Slocum hanno accolto con favore il suo contributo.

HMC non ha permesso di intervistare Narvekar o Slocum.

Effissimo ha nominato tre candidati al consiglio di amministrazione di Toshiba nella riunione del 31 luglio, ma sono stati tutti osteggiati dal management. Sebbene una persona abbia ricevuto il 44% dei voti, nessuno è stato eletto.

Mizuno ha detto che spera che HMC capirà le potenziali conseguenze del voto, perché le nuove regole sulla proprietà straniera in Giappone potrebbero rivedere il rapporto tra HMC ed Effissimo.

Fonti in precedenza avevano detto a Reuters che se HMC avesse votato contro gli interessi del management di Toshiba, Mizuno ha affermato che potrebbe condurre un’indagine normativa. Mizuno ha detto a Reuters che voleva aiutare HMC a evitare incidenti.

“Ho chiarito che voglio solo fornire informazioni sufficienti” per far capire al fondo la situazione in Giappone, ha detto.

(1 USD = 110.3700 Yen giapponesi)



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *