L’ex presidente John Bercow si unisce al partito laburista e critica Johnson

[ad_1]

L’ex presidente della Camera dei Comuni ed ex deputato conservatore John Birkow si è unito al partito laburista, ritenendo che il partito rischi di allontanare gli elettori nel sud dell’Inghilterra.

Pochi giorni dopo che il partito conservatore ha perso i seggi di sicurezza di Chesham e Amersham a favore dei liberaldemocratici nelle elezioni suppletive, Bercow ha detto al Parlamento Osservatore Il suo ex partito era “reazionario, populista, nazionalista e talvolta xenofobo”.

L’ex oratore ha anche affermato che molti elettori tradizionali, specialmente quelli del Sud, hanno espresso “abbastanza sfiducia” nel modo in cui il governo conservatore ha gestito problemi, come Tagli agli aiuti esteri E la polemica sul settore dell’istruzione che sta recuperando fondi.

Berkow ha servito nel Partito Conservatore per 29 anni, è stato deputato di Buckingham dal 1997 al 2019 ed è stato Presidente della Camera dei Comuni dal 2009 al 2019. Quando è diventato il presidente della Camera dei rappresentanti, Bokao si è dimesso dal partito, come era prassi standard.

Nei suoi ultimi anni come presidente, Birco fece arrabbiare alcune persone nel Partito conservatore per quella che credeva fosse una posizione anti-Brexit, e il suo mandato fu afflitto da accuse di bullismo, che all’epoca negò.

In un’intervista a Sky News di domenica, Berkow ha affermato di non essere più d’accordo con il Partito conservatore e che i suoi valori sono ora “di sinistra”, aggiungendo che crede che il governo “non sia adatto a governare”.

“La realtà della questione è che nel Regno Unito l’unico strumento credibile per rimuovere il governo è l’elezione del governo del Partito laburista, che si impegna per l’uguaglianza, la giustizia sociale, l’internazionalismo e una società più giusta e tollerante. Questo è il Marchio del Partito Laburista”, ha detto.

In risposta ai suoi commenti, il procuratore generale Robert Buckland ha respinto le affermazioni di Berkow sulla xenofobia del partito, ma ha affermato che, in quanto cittadino comune, l’ex oratore ha il diritto di esprimere le sue opinioni politiche.

“Come ex oratore, anche se si è dimesso, ha un certo grado di autorità come il suo predecessore”, ha detto. “Ma penso che la sua adesione a un partito indebolirà effettivamente la sua voce in politica, non importa quanto forte voglia che diventi”.

Dopo lo shock loss Chesham e AmershamNel precedente seggio Tory nel Buckinghamshire, Buckland ha anche respinto il suggerimento che il Partito Conservatore abbia prestato troppa attenzione agli elettori nei seggi del Muro Rosso nell’Inghilterra settentrionale e abbia sacrificato gli elettori nei seggi del sud domenica.

La candidata del Partito Liberal Democratico Sarah Green ha vinto le elezioni suppletive di giovedì con una maggioranza di 8.028 voti, rovesciando una maggioranza del Partito Conservatore di circa 16.000 voti.

“Non accetto questa scelta: l’idea che gli elettori del nord e gli elettori del sud siano specie completamente diverse è francamente arrogante e sbagliata”, ha detto Buckland. “Ovviamente, abbiamo inviato un messaggio, è un messaggio forte e stiamo ascoltando con molta attenzione”.

Il leader del Partito Liberal Democratico, Sir Ed David, ha elogiato le elezioni suppletive come un “momento importante” per il partito, aggiungendo che questa vittoria ha dimostrato che il primo ministro conservatore Boris Johnson potrebbe essere sconfitto.

David ha affermato che i liberaldemocratici concentreranno le loro risorse nelle aree in cui hanno maggiori probabilità di vincere, in particolare i seggi del “muro blu” nel sud dell’Inghilterra.

“I liberaldemocratici sotto la mia guida saranno un partito di campagna. Andremo a fare una campagna per ogni voto, ma useremo le nostre risorse con saggezza”, ha aggiunto David.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *