L’incidente di hacking telefonico globale ha esposto il lato oscuro dell’immagine di Israele come “nazione startup”

[ad_1]

La società ha dichiarato di non controllare l’uso del software da parte dei clienti, ma di rispettare le leggi israeliane sull’esportazione di tecnologia di livello militare, censurando selettivamente i clienti e interrompendo l’accesso in caso di abuso.

La perfetta combinazione di spia e tecnologia

Il dominio di Israele nella sicurezza informatica non viene dal nulla. I dipartimenti di intelligence e operazioni segrete del paese, in particolare le forze di sicurezza del Mossad, sono noti da tempo per le loro attività di spionaggio astute, audaci e spietate e sono glorificati dai ritratti di Hollywood.

Poiché l’importanza di Israele come centro di innovazione tecnologica e imprenditorialità continua ad aumentare, l’integrazione di questi due campi ha conferito a questo piccolo paese un’enorme influenza nel settore della sicurezza informatica.

Tal Pavel, capo della ricerca sulla sicurezza informatica presso l’Academic College, ha affermato che il sistema educativo ricco di risorse del paese, insieme al servizio militare obbligatorio, ha consentito a molti giovani israeliani di ricevere una formazione avanzata in sicurezza informatica e guerra informatica prima di andare all’università. Tel Aviv Giaffa. Pavel ha sottolineato che molte delle tecnologie più all’avanguardia del paese derivano da sviluppi militari.

Una delle forze d’élite delle Forze di difesa israeliane è l’Unità segreta 8200, un’agenzia di spionaggio informatico che ha addestrato alcune delle più grandi superstar tecnologiche del paese.

“Una caratteristica unica di Israele è ‘cynergy’, che combina la sinergia tra Internet e l’industria”, ha detto Pavel alla CNN, e poi ha alluso a una caratteristica che, secondo lui, potrebbe essere radicata nella psicologia israeliana.

“Ci sono alcune cose anche qui… forse c’è una lotta per la sopravvivenza. Se tutto è piacevole e non stai sempre cercando di sopravvivere (contro coloro che cercano di distruggerti), allora non devi innovare per affrontare con esso.”

Conseguenze dell’Ufficio nazionale di statistica

NSO è stata fondata nel 2009, ma è stato solo nel 2016 che la forza tecnica di NSO è stata censurata.

In quell’anno, è stato riferito che Ahmed Mansour, un attivista per i diritti umani negli Emirati Arabi Uniti, ha ricevuto un messaggio di testo sospetto con un link. Laboratorio cittadino L’Università di Toronto ha scoperto di contenere malware di NSO hackererà il suo iPhone(Nel 2018, Mansour è stato condannato a 10 anni di carcere per “danneggiare la reputazione degli Emirati Arabi Uniti” sui social media.)
Il software Pegasus sarebbe anche collegato all’omicidio dell’editorialista del Washington Post Jamal Khashoggi nel 2018 attraverso il dissidente Omar Abdulaziz. Il telefono è stato presumibilmente hackerato Attraverso il software Pegasus. Abdulaziz ha citato in giudizio NSO nel 2019, accusando la società di vendere il software a regimi autoritari in violazione del diritto internazionale. Secondo il rapporto “Guardian”, all’inizio dello scorso anno, un giudice israeliano ha respinto la richiesta dell’Ufficio nazionale di statistica di archiviare la causa, che l’Ufficio nazionale di statistica considerava priva di “sincerità”. NSO ha ripetutamente negato che il suo software venga utilizzato per monitorare Khashoggi o la sua famiglia.
recente indagine L’International Media and Human Rights Alliance ha trovato prove del software Pegasus sui telefoni cellulari 37. Queste persone, in base alla descrizione dell’uso del software da parte dell’azienda, non dovrebbero essere prese di mira dal software NSO, come giornalisti e attivisti per i diritti umani .

La CNN non ha verificato in modo indipendente i risultati di un sondaggio organizzato da Forbidden Stories chiamato Pegasus Project. In una dichiarazione alla CNN, l’Ufficio nazionale di statistica ha negato con forza i risultati dell’indagine, affermando di aver trovato molte delle affermazioni problematiche.

Pertanto, paesi come la Francia hanno annunciato indagini sull’uso di questa tecnologia, mentre Amazon ha annunciato di aver “chiuso l’infrastruttura pertinente e gli account associati a NSO utilizzando i servizi Amazon”.

punta dell’iceberg

Il consulente per la strategia e la comunicazione Israel Bachar ha affermato che NSO è solo una parte di un’enorme industria di spionaggio informatico. Ha lavorato con molti dei principali leader politici israeliani, tra cui l’ex primo ministro Benjamin Netanyahu e l’attuale vice primo ministro e ministro della Difesa Benniganz. .

“Ad essere onesti, i paesi raccolgono costantemente informazioni che si confrontano tra loro. Tutti controllano tutti. Quando si tratta di un’azienda israeliana, ci sarà molta ipocrisia”, ha detto Bachar, osservando che l’Agenzia per la sicurezza nazionale era stata precedentemente coinvolta Monitorare le notizie dei leader mondiali e dei loro cittadini. “NSO è un altro strumento, ma ci sono molti altri strumenti”.

Bachar ha affermato che oltre alle capacità pratiche, aziende come la NSO stanno anche aiutando Israele diplomaticamente perché Israele ha stabilito in silenzio e ora apertamente relazioni con ex oppositori per anni.

“Uno degli strumenti diplomatici di Israele sono le sue capacità di intelligence. Non è un segreto che Israele condivida anche informazioni sensibili con i paesi arabi perché siamo interessati a proteggerli”, ha detto Bachar.

Ma il professor Yuval Shani, capo del Dipartimento di diritto internazionale pubblico presso l’Università Ebraica di Gerusalemme, ha affermato che questa strategia sta iniziando ad avere un effetto controproducente sull’immagine di Israele.

“La logica è che Israele potrebbe essere disposto a chiudere un occhio sulle transazioni con regimi amici perché sono amichevoli con Israele ma non necessariamente amichevoli con i diritti umani”, ha detto Shani. “Penso che il recente scandalo abbia messo in imbarazzo sia l’Ufficio nazionale di statistica che Israele, almeno a breve termine, porterà a un inasprimento degli standard di controllo delle esportazioni”.

Come controllare l’incontrollabile

A differenza delle armi convenzionali, il software è solitamente intangibile e può essere facilmente venduto e trasferito a livello globale, il che rende difficile il controllo di tecnologie come il sistema Pegasus.

Shany ha affermato che NSO e tecnologie simili di livello militare sono regolate dalla struttura di controllo delle esportazioni all’interno del Ministero della Difesa israeliano. Il sistema si concentra sia sulla tecnologia che sugli obiettivi; ha aggiunto che quale entità, che sia uno stato o un non stato, sta acquistando la tecnologia, incluso il suo record sui diritti umani. Tuttavia, ha detto Shany, guardando alle accuse che circondano il software Pegasus di NSO, “i risultati non sono impressionanti, il che è molto preoccupante”.

In risposta alle recenti accuse riguardanti la tecnologia NSO, il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz ha dichiarato che stanno “esaminando” queste accuse ed è stata nominata una squadra interministeriale per indagare sul processo in corso e se la tecnologia prodotta da Israele viene utilizzata all’estero. . A Reuters.

Shany ha affermato che una soluzione rapida è che Israele firmi formalmente l’accordo di Wassenaar tra 42 paesi, che cerca di aumentare la trasparenza delle esportazioni di tecnologie militari e a duplice uso e di impedire che tali tecnologie vengano acquisite da elementi pericolosi. Shany ha affermato che Israele attualmente rispetta l’accordo ma non è un membro a pieno titolo.

Ma Karin Nahun, professoressa presso il Centro interdisciplinare di Herzliya e presidente della Israel Internet Society, ha affermato che le riforme più importanti per aiutare a controllare tali tecnologie verranno dall’interno.

“Se Israele non esporta, altri esporteranno, e se non concedi a quegli ingegneri e licenze di avvio e non fornisci una sorta di supervisione, nulla può impedire loro di trasferirsi in un altro paese e venderlo da lì”, ha detto.

Nahone ha invitato a considerare le questioni etiche e la possibilità di utilizzare tali tecnologie come parte più importante delle decisioni di esportazione. Inoltre, ha suggerito che le aziende dovrebbero imporre maggiori restrizioni all’uso del software ed esercitare una maggiore supervisione sul modo in cui i clienti utilizzano il software: l’Ufficio nazionale di statistica afferma di avere scarso controllo su questo.

La società ha dichiarato in una dichiarazione la scorsa settimana: “L’Ufficio nazionale di statistica non gestisce il sistema e non può visualizzare i dati”, e ha affermato che continuerà a indagare su “tutte le affermazioni credibili di abuso e a prendere le misure appropriate in base ai risultati di tali indagini. azione”.

“Ciò rende più complicate le responsabilità di queste aziende e di Israele, ma d’altra parte può ridurre al minimo il numero di paesi in cui viene esportato il software”, ha affermato Nahone.

Sebbene sembri che l’immagine di NSO e di Israele sia stata trascinata nel pantano a causa della loro connessione con questa sorveglianza scioccante, Bachar ha affermato che nel complesso, questa potrebbe essere una sfida per coloro che desiderano continuare a rendere Israele una tecnologia avanzata e le persone che sono i leader delle operazioni di intelligence hanno un impatto positivo.

“Penso che a volte le persone malediranno, e il risultato è benedetto, perché alla fine, quella che la gente ricorda come la migliore tecnologia è la tecnologia israeliana, NSO”, ha detto Bachar. “Questo è ciò che la gente ricorderà tra tre mesi”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *