L’industria dell’istruzione cinese reprime gli investitori stranieri

[ad_1]

La riforma globale della Cina del suo settore dell’istruzione privata da 100 miliardi di dollari escluderà gli investitori stranieri dalla maggior parte delle aree del settore e potrebbe cancellare BlackRock, Baillie Gifford, Tencent, Sequoia Capital e SoftBank Vision Fund e altri investimenti multimiliardari del gruppo.

Regolamento Bandirà l’azienda Insegnare materie scolastiche per guadagnare profitti, raccogliere fondi o quotare nelle borse globali e impedirà loro di accettare investimenti stranieri.

Questa mossa potrebbe danneggiare fondamentalmente il settore in forte espansione negli ultimi anni, portando alla sopravvalutazione dei tre principali gruppi quotati negli Stati Uniti, Good Future Education, New Oriental Education e Gaotu Technology.

Questi cambiamenti sono gli sforzi del Partito Comunista Cinese per rendere la crescita dei figli e l’istruzione più accessibile e combattiva Imminente declino della popolazione Questo minaccia il futuro economico del paese.

La soppressione mostra anche che la Cina è sempre più disponibile Limitare gli investimenti esteri In sua compagnia.Regolatori cinesi Regole di modifica Pochi giorni dopo essere stata quotata a New York per 4,4 miliardi di dollari il mese scorso, ha ordinato una revisione della sicurezza dell’app Didi Chuxing e ha cercato un’offerta pubblica iniziale negli Stati Uniti.

Le autorità cinesi hanno annunciato misure contro le società educative nel fine settimana, inviando azioni di gruppi quotati precipitare Lunedì e fine mesi incertezze normative.

Il prezzo delle azioni di New Oriental Education è sceso del 60% a New York dallo scorso venerdì, quando una nota trapelata suggeriva che Pechino intendesse reprimere il settore.È sceso del 37% a Hong Kong lunedì. Il valore di mercato di Future Education, quotata a New York, è crollato da 59 miliardi di dollari a febbraio a meno di 4 miliardi di dollari. Gaotu Techedu, precedentemente noto come GSX, è sceso dal suo valore di mercato di 38 miliardi di dollari a gennaio a 900 milioni di dollari.

Gli analisti di Goldman Sachs prevedono che le dimensioni del mercato del tutoraggio cinese si ridurranno del 76% a 24 miliardi di dollari.

Il sell-off si è diffuso al di là del settore delle tecnologie educative.Partecipa alla piattaforma di distribuzione cinese Meituan Quando Pechino ha annunciato nuove normative per il settore delle consegne di cibo, il prezzo delle azioni è sceso del 13,8%, la peggiore performance di un giorno mai registrata.

JPMorgan Chase ha dichiarato: “Non è ancora chiaro fino a che punto queste società dovrebbero essere riorganizzate con il nuovo sistema. A nostro avviso, questo rende quasi impossibile investire in questi titoli”.

Le misure di regolamentazione avranno anche un impatto più ampio sull’economia. Il dipartimento di consulenza a scopo di lucro impiega centinaia di migliaia di insegnanti e personale. Durante la pandemia di coronavirus, gli investimenti nell’apprendimento online sono aumentati e il settore è un importante inserzionista per le grandi aziende Internet come Baidu e Tencent.

Negli ultimi mesi, aziende educative come Yuanfudao, VIPKID e Gaotu supportate da Tencent hanno avviato licenziamenti su piccola scala. I dipendenti hanno detto lunedì che si aspettano di più.

L’ultima mossa potrebbe aumentare ulteriormente il rischio degli investitori Entità a tasso variabile, Consentire agli investitori stranieri di possedere veicoli offshore per società cinesi quotate all’estero. I nuovi regolamenti vietano alle società di formazione a scopo di lucro di utilizzare questa struttura.

“La situazione è pessima”, ha affermato l’amministratore delegato di una grande società di private equity di Hong Kong che fa affari con società cinesi di tecnologia educativa. “L’industria ha bisogno da tre a sei mesi per adeguarsi, ma poi dovremo valutare se svalutare l’investimento o cancellare completamente parte dell’investimento. Ogni società di private equity deve condurre questa necessaria rivalutazione”.

I bambini lasciano la scuola a Shenzhen, Cina

Le autorità cinesi stanno cercando di ridurre il costo dell’educazione dei figli, allentando la politica di pianificazione familiare per invertire il rallentamento della crescita della popolazione © Reuters

A novembre dello scorso anno, investitori stranieri come BlackRock detenevano il 5% delle azioni quando New Oriental era quotata a Hong Kong, ma hanno scoperto che era loro proibito investire in società educative cinesi che trattavano materie di insegnamento scolastico.

Tuttavia, se le aziende si spostano in altre aree dell’istruzione, possono ancora mantenere le azioni. Questa regola vale per il doposcuola, ma non include l’istruzione degli adulti o la formazione tecnica professionale.

BlackRock è anche il terzo maggiore azionista di un buon futuro quotato negli Stati Uniti, secondo solo a Bailey Gifford, L’investitore con sede in Gran Bretagna ha fatto una grande scommessa sull’industria tecnologica cinese. Bailie Gifford possiederà quasi il 9% delle azioni statunitensi in futuro dopo aver aumentato la sua partecipazione a marzo.

Allo stesso tempo, gli investitori includono Fondo Vision SoftBank, Tiger Global e Sequoia China hanno investito molti soldi in applicazioni di apprendimento private come Doyebang e Yuanfudao, ma potrebbero non essere in grado di incassare il loro investimento elencando la società.

BlackRock, SoftBank, Tencent, Tiger Global, Baillie Gifford e Sequoia non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento.

Good Future, New Oriental e Gaotu hanno risposto rapidamente ai regolamenti durante il fine settimana, promettendo di rispettare il Partito Comunista.

New Oriental ha affermato che “adempirà alle sue responsabilità sociali e servirà lo sviluppo del paese”, ma ha aggiunto che la sua attività di tutoraggio extrascolastico sarebbe “significativamente influenzata negativamente”.

Un dirigente della tecnologia educativa ha detto: “Cosa dovremmo fare? Non possiamo battere il Partito Comunista”.

Il Ministero della Pubblica Istruzione della Cina ha dichiarato nel emanare le regole dettagliate: “Negli ultimi anni, molti fondi sono stati riversati nel campo dell’istruzione e della formazione… La pubblicità è ovunque, bombarda l’intera società… Distrugge la normalità ambiente educativo».

Vietando alle aziende di tutoraggio di utilizzare l’ampia struttura VIE, questo dà capitale internazionale Entra nell’area riservata Per l’economia cinese, questa regola costituisce un importante precedente per gli investitori. VIE opera in una zona grigia legale e non è stata formalmente riconosciuta dai regolatori cinesi. Gli analisti prevedono che i VIE in tutti i settori dovranno affrontare una supervisione più rigorosa.

Gaotu, New Oriental, Good Future Education e molte start-up private utilizzano la struttura VIE per gestire alcune delle loro attività. La nuova regola avvertiva: “Le violazioni attuali saranno ripulite e corrette”. Le autorità cinesi non hanno fissato un calendario o una procedura chiari per consentire agli investitori stranieri di ritirarsi dalle loro partecipazioni.

Ciò ha colpito la capacità dei fondi di private equity e venture capital di raccogliere fondi da investire in società tecnologiche cinesi.

“Per quanto riguarda gli investimenti globali in dollari, il sentiment nel settore tecnologico è ovviamente negativo a breve termine”, ha affermato il capo del private equity di Hong Kong.

Tuttavia, “a lungo termine, il sentimento potrebbe invertirsi entro pochi giorni”, ha aggiunto la persona, osservando che anche dopo che Ant Group ha annullato la sua offerta pubblica iniziale di 37 miliardi di dollari lo scorso anno, anche l’atteggiamento delle persone nei confronti dei gruppi tecnologici è cambiato.

Rapporto supplementare di Hudson Lockett a Hong Kong

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *