L’Inghilterra rischia il divieto di posate, piatti e bicchieri di plastica monouso

[ad_1]

Aggiornamenti sulla gestione dei rifiuti e sul riciclaggio

Il governo ha affermato venerdì che bicchieri, piatti e posate di plastica monouso potrebbero presto essere vietati in Inghilterra nell’ambito di proposte volte ad affrontare la cultura usa e getta del paese, ridurre i rifiuti e proteggere l’ambiente.

Mentre il governo si sforza di raggiungere l’obiettivo di eliminare tutti i rifiuti di plastica “evitabili” entro il 2042, i ministri avvieranno in autunno una consultazione pubblica sul divieto di utilizzare una serie di articoli usa e getta tra cui coltelli, forchette e bicchieri di polistirolo.

“Abbiamo visto tutti i danni che la plastica provoca al nostro ambiente. Il ministro dell’Ambiente George Eustice ha affermato che abbiamo ragione a prendere misure per affrontare la plastica che viene sparsa casualmente nei parchi e negli spazi verdi e viene lavata sulla spiaggia.

Cannucce, frullatori e tamponi di plastica usa e getta sono stati vietati nel Regno Unito e i rivenditori devono addebitare l’uso di sacchetti della spesa in plastica, nonostante questo requisito Abbandonato L’anno scorso sono state effettuate consegne online per aiutare a distribuire rapidamente il cibo durante la pandemia di coronavirus.

Prodotti in plastica usa e getta, realizzati in Prodotti chimici a base di combustibili fossili, Di solito finiscono nelle discariche o sporcano le spiagge e gli oceani. Questi materiali non si decompongono come il cibo, ma possono durare per secoli, scomponendosi in pezzi sempre più piccoli. Sebbene la plastica monouso di solito possa essere riciclata, molte città e paesi non dispongono di strutture adeguate o sufficientemente grandi per raccogliere, smistare e lavorare i materiali.

Il governo ha detto venerdì che la persona media in Inghilterra usa 18 piatti di plastica usa e getta e 37 stoviglie usa e getta ogni anno. Ha aggiunto che l’elenco completo degli articoli usa e getta in fase di revisione e altri dettagli sulla consultazione saranno annunciati nelle prossime settimane.

Joe Morley, il leader della campagna dell’organizzazione ambientalista City to Sea, ha accolto con favore il piano, definendolo una “mossa necessaria”.

Ma Will McCallum, capo degli oceani di Greenpeace nel Regno Unito, ha affermato che l’approccio “a pezzi” del governo per vietare gli articoli usa e getta personali “non è una leadership”. Ha affermato che i ministri dovrebbero fissare un obiettivo giuridicamente vincolante per dimezzare la plastica monouso entro il 2025 e vietare l’esportazione di rifiuti di plastica.

I ministri prevedono inoltre di imporre una tassa sugli imballaggi in plastica dall’aprile 2022, imponendo £ 200/ton sugli imballaggi che non siano composti almeno per il 30% da materiali riciclati, questo è il primo piano annunciato nel bilancio 2018.

Allo stesso tempo, nel 2018 è stato annunciato per la prima volta anche un piano di restituzione del deposito di contenitori per bevande, volto a ridurre l’inquinamento da plastica: il prezzo di bottiglie e bevande aumenterà di un piccolo supplemento e se il cliente restituisce il contenitore per riciclaggio, il cliente può riavere i soldi. Tuttavia, una recente consultazione del governo sulla proposta ha affermato che il lancio di un tale piano è probabile “già entro la fine del 2024”.

Sarah McMonagle, responsabile degli affari esterni presso CPRE, un’organizzazione di beneficenza rurale, ha dichiarato: “La negoziazione dopo la consultazione mostra che il governo è più interessato a riparare ai margini piuttosto che a cogliere l’opportunità di risolvere il problema dei rifiuti di plastica. Dopo aver discusso del deposito piano di rimpatrio per molti anni, un sistema dovrebbe essere introdotto “entro il 2023”.

Capitale del clima

Dove il cambiamento climatico incontra affari, mercati e politica. Esplora il rapporto del “Financial Times” del Regno Unito qui.

Sei curioso di conoscere l’impegno di sostenibilità ambientale del Financial Times? Scopri di più sui nostri obiettivi basati sulla scienza qui

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *