Lionel Messi: il timido mago del calcio decolla

[ad_1]

Aggiornamento Lionel Messi

Nella sua suite al Royal Monceau Hotel di Parigi, Messi sta imparando a vivere fuori Barcellona. Nei 20 anni del FC Barcelona, ​​ha vinto sei volte il Pallone d’Oro per il miglior giocatore del mondo. Fino al 5 agosto, il 34enne argentino dovrebbe continuare la vita del padre di provincia nella tranquilla zona costiera della Catalogna. Ma poi il Barcellona, ​​in difficoltà finanziarie, ha ammesso di non potergli fornire un nuovo contratto.

Ha pianto e poi è entrato a far parte del Royal Monceau, simile al Paris Saint-Germain, di proprietà dello Stato del Qatar. Messi si è unito al piano del Qatar per “cancellare” la sua reputazione globale con lo sport. A livello personale, lui, sua moglie e i suoi tre figli possono lottare con azioni che non vogliono. Ma nell’arena, continuerà a mostrare il suo genio unico e affidabile.

Suo padre Jorge era il direttore di un’acciaieria a Rosario, in Argentina, ma dopo che il ragazzo di 13 anni ha sorpreso il Barcellona durante un allenamento di prova, la famiglia Messi ha cambiato la struttura familiare: il figlio più giovane è diventato il capofamiglia immigrato.

I genitori e i tre fratelli di Messi si sono trasferiti in Catalogna con lui e hanno tutti singhiozzato nel taxi per l’aeroporto di Rosario. Il Barcellona paga 120.000 euro all’anno alla famiglia e sovvenziona l’ormone della crescita che fa raggiungere a Messi un’altezza da adulto di 1,70 metri. A Barcellona, ​​il fratello Rodrigo ha poi ammesso: “​Non ci siamo adattati bene. Siamo uniti, ma uno fa qualcosa e gli altri non fanno niente. Quindi soffriamo tutti in modi diversi”.

Messi è cresciuto quasi al di fuori della società, una co-creazione di una famiglia e della Barcelona Football Academy. Quando era un adolescente, indossava solo abiti sportivi, cercava solo di leggere un libro, una biografia di Diego Maradona (non l’ha finita) e parlava a malapena.

L’allenatore dell’Accademia non è riuscito a convincerlo a partecipare al gioco di passaggio del Barcellona. Messi preferisce battere la squadra da solo. I suoi passi brevi aiutano la sua corsa in solitaria: poiché i suoi piedi toccano spesso il suolo, può cambiare direzione più velocemente dei suoi grandi avversari, evitandoli come un cane in un vecchio film muto che evita la polizia.

Solo verso i 21 anni, giocando nella prima squadra del Barcellona, ​​ha mostrato di aver assorbito le lezioni passeggere della sua giovinezza. Messi è diventato il calciatore ideale: un grande individualista nella tradizione argentino-brasiliana, e un grande giocatore collettivo.

Roger Federer, i suoi colleghi nel tennis, ha dichiarato: “La cosa che preferisco di Messi è probabilmente che prende la palla e può girare il suo corpo verso la porta. Quindi sai che può passare bene la palla, o dribblare, o semplicemente tirare. ha sempre tre opzioni.” Federer ha sottolineato che i grandi calciatori e tennisti affrontano il problema della scelta: se puoi fare qualcosa, cosa dovresti fare in un dato momento? Messi finalmente ha preso la decisione.

Ha proiettato la sua personalità solo all’interno del Barcellona. Compagni di squadra, allenatori e presidenti di club hanno tutti paura di lui. Negli ultimi 15 anni, Barcellona ha perseguito la “Strategia Messi” per realizzare le sue aspirazioni. È stato fatto quando voleva che la costosa Svezia firmasse Ibrahimovic come sostituto. Gli oscuri Tata Martino e Tito Villanova sono stati scelti per allenare il Barcellona, ​​soprattutto perché piacciono a Messi.

L’altro lato del potere è che Messi si sente personalmente responsabile della prestazione del Barcellona. Quique Setién (Quique Setién), che per breve tempo è stato l’allenatore della squadra di Barcellona, ​​gli ha diagnosticato un’ansia permanente nel profondo del suo cuore a causa della pressione della vittoria. Negli anni Messi ce l’ha fatta: ha aiutato il suo brillante Barcellona a vincere quattro Champions League.

Nel frattempo, palme, muri bianchi e buganvillee proteggono la sua famiglia nel loro complesso a Castelldefels.Lui può Manda i suoi figli alla scuola britannica localeE goditi un pasto in famiglia a un tavolo appartato nel ristorante Castelldefels. La gente della città lo lasciò solo. Una volta ha detto che crescere suo figlio si sentiva “distrutto” di notte e andava a letto presto. È introverso e ha una piccola cerchia di amici. Non interessato a dare una mano, mantenne l’accento di Rosario e non imparò mai il catalano.

La sua esperienza del mondo esterno è principalmente un folto gruppo di persone che lo filmano con i loro telefoni cellulari. Ha imparato a ignorarlo. Nella sua famiglia, il suo ruolo è quello di giocare a calcio, e suo padre e agente credeva di essere un uomo d’affari che si occupava delle finanze.

Fino a quando il giudice non lo condanna, il figlio potrebbe non sapere che sta evadendo le tasse Jorge nel 2016Potrebbe anche non rendersi conto che le continue richieste di aumenti di suo padre stanno prosciugando il Barcellona. Dal 2017 a giugno di quest’anno, il club ha pagato a Messi un totale di 555 milioni di euro — Tanto quanto l’intera squadra di vertice. Il suo stipendio, La disastrosa politica di trasferimento del Barcellona La pandemia ha lasciato il club indebitato per 1,2 miliardi di euro e la squadra è vecchia e mediocre.

Dopo la vittoria per 8-2 del Bayern Monaco in Champions League lo scorso agosto, Messi ha deciso di andarsene. Ma quando l’ha detto a sua moglie e suo figlio, hanno pianto. “Questo è un dramma”, ha ammesso. I ragazzi non vogliono fare nuove amicizie in una nuova scuola all’estero. Il Barcellona gli ha impedito di partire in quel momento e le reazioni della famiglia lo hanno incoraggiato a rimanere quest’estate. Ha anche accettato di dimezzare il suo stipendio fino a quando il Barcellona non lo ha espulso.

Il Paris Saint-Germain dovrebbe essere per lui: compagni migliori, uno spogliatoio principalmente in America Latina e la possibilità di vincere il trofeo di cui questo concorrente ha bisogno.

Messi ha contribuito alla scomparsa del Barcellona. Ma indubbiamente ha dato più contributi alla felicità globale. Ogni settimana, il suo genio accessibile ispira persone in tutto il mondo.

L’autore è editorialista del “Financial Times” britannico e autore del nuovo libro “Barça: The Inside Story of the World’s Greatest Football Club”

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *