L’Iran inizia a produrre uranio arricchito metallico; Reuters esprime delusione con Stati Uniti ed E3

[ad_1]

© Reuters. Foto del file: Il 23 maggio 2021, a Vienna, in Austria, durante la pandemia della malattia da coronavirus (COVID-19), la bandiera iraniana ha sventolato davanti alla sede dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA). REUTERS/Leonhard Foeger/Foto d’archivio

Autori: Francois Murphy, Humeyra Pamuk e Arshad Mohammed

Vienna/Washington (Reuters)-L’Agenzia di vigilanza sull’energia atomica delle Nazioni Unite ha dichiarato martedì che l’Iran ha iniziato a produrre uranio metallico arricchito, una mossa che potrebbe aiutarlo a sviluppare armi nucleari, mentre tre potenze europee hanno espresso minacce per riavviare la questione nucleare iraniana nel 2015 .trattativa. transazione.

I passi dell’Iran sono stati divulgati dall’Agenzia internazionale per l’energia atomica, che ha affermato che mirava a sviluppare combustibile per i reattori di ricerca e ha attirato le critiche degli Stati Uniti, definendola una “sfortunata regressione”.

Funzionari statunitensi ed europei hanno chiarito che la decisione dell’Iran complicherà i negoziati indiretti tra Stati Uniti e Iran volti a riadesione all’accordo abbandonato dall’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump nel 2015 e potrebbe minare i negoziati indiretti tra Stati Uniti e Iran.

L’accordo limita il programma nucleare iraniano e rende più difficile per Teheran sviluppare materiali fissili per armi nucleari in cambio della revoca delle sanzioni economiche. Dopo il ritiro di Trump, l’Iran ha iniziato a violare molte delle sue restrizioni.

Teheran ha prodotto una piccola quantità di uranio non arricchito quest’anno. Ciò viola l’accordo, che vieta qualsiasi lavoro sull’uranio metallico perché può essere utilizzato per realizzare il nucleo di una bomba nucleare.

“Oggi, l’Iran ha informato l’AIEA che l’UO2 (ossido di uranio) arricchito al 20% di U-235 sarà trasportato al laboratorio di ricerca e sviluppo presso l’impianto di produzione di carburante a Isfahan, dove sarà convertito in UF4 (tetrafluoruro di uranio). ), e quindi utilizzato per arricchire l’uranio metallico al 20% di U-235 e quindi usarlo per produrre carburante”, afferma una dichiarazione dell’AIEA.

Un rapporto confidenziale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica visto da Reuters ha affermato che l’agenzia ha confermato che l’Iran ha compiuto il secondo dei quattro passi sopra menzionati e ha chiarito che ha iniziato questo processo.

Gran Bretagna, Francia e Germania hanno dichiarato martedì di aver espresso “seria preoccupazione” per la decisione dell’Iran, che ha violato l’accordo nucleare formalmente noto come Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA).

Hanno detto in una dichiarazione congiunta rilasciata dal Foreign Office britannico: “L’Iran non ha una domanda civile credibile per lo sviluppo e la produzione di uranio metallico. Questo è un passo cruciale nello sviluppo di armi nucleari”.

Hanno detto: “Nonostante i progressi nei sei round di negoziati, l’Iran ha adottato le ultime misure per minacciare il successo dei colloqui di Vienna” e ha esortato l’Iran a tornare ai colloqui iniziati ad aprile e aggiornati al 20 giugno. La data del prossimo round è stata fissata.

Il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price ha affermato che Washington non ha fissato una scadenza per i colloqui, ma ha sottolineato che “nel tempo, i progressi nucleari dell’Iran influenzeranno le nostre opinioni sul ritorno al JCPOA”.

Price ha detto che gli Stati Uniti sono “preoccupati” che l’Iran continui a violare l’accordo, “soprattutto esperimenti che sono preziosi per la ricerca sulle armi nucleari.

“Questa è un’altra sfortunata battuta d’arresto per l’Iran”, ha detto.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidamento a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *