L’ondata di caldo una volta ogni 50 anni ora si verifica ogni dieci anni – UN Climate Report Reuters

[ad_1]

© Reuters. Foto del file: 27 settembre 2020, durante un incendio di vetro a St. Helena, California, USA, una casa è stata completamente inghiottita dalle fiamme. Reuters/Stephen Lam

di Jack Springs

(Reuters)-Il Rapporto sulla scienza del clima delle Nazioni Unite ha affermato lunedì che a causa del riscaldamento globale, le ondate di calore estremo che si verificavano solo una volta ogni 50 anni ora dovrebbero verificarsi una volta ogni dieci anni e che le forti piogge e la siccità sono diventate più frequenti .

Il rapporto https://www.ipcc.ch/report/ar6/wg1 ha rilevato che stiamo già sperimentando questi effetti del cambiamento climatico perché il riscaldamento medio della Terra ha superato 1 grado Celsius. Man mano che la terra si riscalda ulteriormente, le ondate di calore, la siccità e le forti piogge diventeranno solo più frequenti ed estreme.

Questa è la prima volta che il Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC) ha quantificato la possibilità di questi eventi estremi in vari scenari.

Il rapporto ha rilevato che rispetto a 50 anni prima del 1900, quando nel 1900 iniziò a verificarsi un forte riscaldamento causato dall’uomo, la probabilità di un evento di pioggia pesante una volta ogni decennio è aumentata di 1,3 volte e l’umidità è aumentata del 6,7%.

In passato, la siccità che si verifica una volta ogni decennio può verificarsi ogni cinque o sei anni.

Gli scienziati sottolineano che questi effetti del cambiamento climatico sono già apparsi: l’ondata di caldo nel nord-ovest del Pacifico degli Stati Uniti ha causato centinaia di morti a giugno e il Brasile sta attualmente vivendo la sua peggiore siccità in 91 anni https://reut.rs/2X3Jsyh .

“L’ondata di caldo in Canada, l’incendio in California, l’alluvione in Germania, l’alluvione in Cina e la siccità nel Brasile centrale mostrano tutti molto, molto chiaramente che i climi estremi stanno causando perdite molto gravi”, l’autore principale del rapporto Paulo Altasso (Paulo Altaso) Artax) disse. E fisico ambientale e l’Università di San Paolo. (Mappa del riscaldamento globale https://tmsnrt.rs/3wcycMk)

Il futuro sembra più severo e più caldo significa eventi estremi più frequenti.

Rispetto a tutti gli altri eventi estremi, la frequenza delle ondate di calore aumenta di più con il riscaldamento. Per un secolo, si sono verificate due ondate di calore circa ogni sei anni, con temperature in aumento di 1,5 gradi Celsius, e i rapporti suggeriscono che questo livello potrebbe essere superato entro 20 anni.

Se il mondo diventa più caldo di 4 gradi Celsius, come potrebbe accadere in uno scenario ad alte emissioni, queste ondate di calore si verificheranno ogni uno o due anni.

Un’altra autrice del rapporto, Carolina Vera, scienziata del clima fisico presso l’Università di Buenos Aires e il principale istituto di ricerca scientifica (CONICET) in Argentina, ha affermato che la possibilità di più eventi meteorologici estremi contemporaneamente è in aumento.

Ad esempio, è più probabile che si verifichino contemporaneamente calore estremo, siccità e venti forti, condizioni che possono innescare incendi.

L’IPCC ha fiducia moderata o alta che ci saranno più siccità o precipitazioni estreme in molte importanti aree agricole del mondo. Questi includono parti dell’Argentina, del Paraguay, della Bolivia e del Brasile, che sono i principali produttori di soia e altri prodotti globali.

“Naturalmente, incendi, ondate di calore e siccità colpiranno gli esseri umani sotto forma di clima e insicurezza alimentare, insicurezza energetica, qualità dell’acqua e salute. Questo è davvero terribile, soprattutto nelle aree povere”, afferma il climatologo Jose Marengo. Centro di monitoraggio dei disastri del Ministero della scienza brasiliano.

Marengo è il review editor del capitolo sugli impatti umani sul sistema climatico nel rapporto IPCC.

Ad esempio, Friederike Otto, autore dell’IPCC e climatologo presso l’Università di Oxford, ha affermato che le aree già soggette a siccità potrebbero essere soggette a siccità più frequentemente, tra cui il Mediterraneo, l’Australia meridionale e il Nord America occidentale.

Ha detto che l’aumento della frequenza di siccità e forti piogge non si esclude a vicenda e dovrebbe essere nell’Africa meridionale e in altri luoghi.

Gli scienziati hanno affermato che le previsioni di eventi meteorologici estremi nel rapporto rafforzano l’importanza di controllare il cambiamento climatico al livello specificato nell’accordo di Parigi.

“Se ci stabilizziamo a 1,5 gradi, possiamo evitare che peggiorino”, ha detto Otto.

(Questa storia corregge il ruolo di Marengo nel processo IPCC nel paragrafo 15)



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *