L’oro e il rame hanno fortemente promosso l’utile netto di Zijin Mining (601899.CN) (02899.HK) in aumento del 175%, superando lo scorso anno e raggiungendo un livello record

[ad_1]

Condividi questo articolo!

Data: 31 luglio 2021 alle 10:51

Reuters, Pechino, 30 luglio – Spinta dai forti mercati dell’oro e del rame, la principale società mineraria cinese Zijin Mining (601899.CN) (02899.HK) ha aumentato il proprio utile netto di 1,75 volte nella prima metà dell’anno, superando quello di l’anno scorso e stabilendo un nuovo record.

L’annuncio della società alla Borsa di Shanghai ha dichiarato che nella prima metà dell’anno ha colto l’opportunità di un forte rialzo nel mercato dei metalli di base.Il volume e il prezzo dei principali prodotti minerari sono aumentati e i principali indicatori economici sono aumentati con balzi e limiti.

L’utile netto dell’azienda nella prima metà dell’anno è stato di 6,649 miliardi di RMB, un aumento del 174,60% su base annua, superando l’utile netto dell’intero anno del 2020; l’utile operativo è stato di 109,863 miliardi di RMB, anno su anno aumento del 32,14%.

Zijin Mining ha affermato che durante il periodo di riferimento le politiche monetarie dei principali paesi sono rimaste allentate e la volatilità dei prezzi dell’oro è aumentata e si è mantenuta su livelli elevati; allo stesso tempo, la prevenzione e il controllo della nuova epidemia di corona si sono normalizzati, sovrapposto al concetto di decarbonizzazione globale e il rame necessario per la trasformazione dell’energia pulita Quando la domanda di risorse metalliche aumenta ulteriormente, i prezzi del rame raggiungono il loro picco decennale.

Nella prima metà dell’anno, Zijin Mining ha prodotto 150 tonnellate di oro, in calo del 7,58% su base annua; ha prodotto 555.872 tonnellate di rame, in crescita del 6,52% su base annua.

In termini di grandi progetti, la prima fase del progetto della miniera di rame Kamoa-Kakula del Congo (RDC) con una capacità di lavorazione annuale di 3,8 milioni di tonnellate di minerale ha lanciato ufficialmente la produzione di concentrati di rame nel maggio di quest’anno. rame quest’anno 8-95.000 tonnellate.

Il progetto di estrazione e arricchimento della fascia mineraria superiore della miniera di rame-oro di Peggy in Serbia è entrato nella fase di produzione di prova nel giugno 2021. Il progetto prevede la lavorazione di 3,3 milioni di tonnellate di minerale all’anno e prevede di completare tutti i lavori nella fase di produzione di prova e presentarlo al Ministero delle Miniere entro settembre di quest’anno.

La miniera di rame di Qilong in Tibet dovrebbe essere completata e messa in funzione alla fine del 2021. La prima fase del progetto estrarrà 150.000 tonnellate di minerale e produrrà circa 160.000 tonnellate di rame all’anno.Diventerà una delle più grandi miniere di rame in Cina.

La società ha affermato che il successivo completamento e messa in servizio dei progetti chiave sopra menzionati avrà un impatto significativo sull’aumento della produzione di rame minerale e migliorerà significativamente la redditività dell’azienda.

Per quanto riguarda le miniere d’oro, nell’aprile di quest’anno, la Joint Venture (BNL) di Pogla e il governo della PNG hanno firmato un accordo quadro vincolante sui futuri diritti di proprietà e gestione della miniera d’oro di Pogla, che dovrebbe riprendere le operazioni quest’anno. Al momento, le parti BNL e PNG stanno attivamente portando avanti i progressi delle trattative per firmare i vari accordi definitivi il prima possibile e in quel momento verrà avviata la piena ripresa della produzione presso la miniera d’oro di Pogla.

Zijin Mining Group Co., Ltd. è una società cinese impegnata principalmente nell’esplorazione, estrazione mineraria, fusione e vendita di oro e altri minerali metallici. Venerdì le azioni A hanno quasi chiuso invariate, le azioni H hanno chiuso in rialzo dell’1,1%, le azioni A e H sono aumentate rispettivamente del 10% e del 25,5% durante l’anno.

leggi di più

Condividi questo articolo!

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *