L’UE mira ai piani del Regno Unito per riscrivere la legge sui dati

[ad_1]

Aggiornamento sulla protezione dei dati

Bruxelles ha avvertito che rescinderà il suo accordo di condivisione dei dati con il Regno Unito se scoprirà che Londra sta cercando di riscrivere la sua legge su Internet che rappresenta una minaccia per la privacy dei cittadini dell’UE.

Giovedì, il governo britannico ha annunciato proposte per riformare la sua futura legge sui dati, inclusa la rimozione dei pop-up dei cookie che informano gli utenti di Internet che vengono monitorati online.

Ha inoltre affermato che prevede di stipulare accordi di condivisione dei dati con una serie di paesi non UE, tra cui Stati Uniti e Australia, attenuando le norme che si applicano all’uso dei dati personali da parte delle piccole imprese e degli enti di beneficenza nel Regno Unito.

In un’intervista rilasciata giovedì al Daily Telegraph, il ministro della Cultura britannico Oliver Dowden ha definito le notifiche dei cookie “insensate” e ha affermato che qualsiasi contenuto che non rappresenti un “alto rischio” per la privacy sarà interessato dall’abolizione.

In risposta, il portavoce dell’UE ha dichiarato che Bruxelles sta seguendo la decisione del Regno Unito “molto da vicino”, aggiungendo che “in [a] Se una “giustificata emergenza” minaccia i suoi cittadini, revocherà “immediatamente” gli accordi di condivisione dei dati con il Regno Unito.

Questo perché il Regno Unito spera di formulare il proprio percorso normativo su Internet dopo aver lasciato l’Unione europea. Sta inoltre approvando una nuova legge fondamentale sulla sicurezza online.

Tuttavia, gli esperti avvertono che il Regno Unito può danneggiare imprese e cittadini quando si discosta dagli standard di protezione dei dati richiesti dall’Unione europea in cambio del libero flusso di dati tra le due regioni.

Adam Ross, partner per la protezione dei dati presso lo studio legale Mishcon de Reya, ha dichiarato: “L’annuncio di oggi porta il Regno Unito in conflitto con l’Unione europea, ma ha anche un conflitto più ampio con le organizzazioni della società civile e potrebbero verificarsi gravi cause legali sui dati nazionali nel futuro.”

Alcune persone credono anche che l’annuncio del governo sulle finestre pop-up dei cookie nasconda cambiamenti più sostanziali che potrebbero entrare in conflitto con il Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) dell’UE.

Lilian Edwards, professore di diritto alla Newcastle University ed esperta di diritto su Internet, ha affermato che l’attacco di Dawden alle notifiche dei cookie è stato “un po’ come una cortina fumogena” e ha mascherato il più ampio indebolimento delle buone pratiche di protezione dei dati.

“Tale supporto per la Brexit potrebbe essere quasi nulla, perché qualsiasi azienda che ha contratti con l’Unione Europea e molti altri paesi deve rispettare gli standard GDPR in qualsiasi circostanza, mette solo a repentaglio il nostro fragile e critico accordo di adeguatezza”, ha aggiunto.

Il ministero del digitale, della cultura, dei media e dello sport ha anche annunciato giovedì che il commissario per la privacy della Nuova Zelanda John Edwards succederà a Elizabeth Denham come capo dell’ufficio del commissario per le informazioni. Ha aggiunto che il ruolo può essere ampliato “per incoraggiare l’uso responsabile dei dati per raggiungere obiettivi economici e sociali”.

Edwards è responsabile della supervisione dell’accordo di condivisione dei dati tra la Nuova Zelanda e l’Unione europea ed è molto esplicito nelle critiche alle grandi aziende tecnologiche come Facebook, dopo un attacco mortale a una moschea.

Il commissario uscente Denham ha dichiarato che Edwards porterà “ampiezza straordinaria, leadership internazionale e credibilità” al lavoro, ma ha avvertito che qualsiasi riforma deve garantire che “le persone continuino a credere che i loro dati saranno Il Regno Unito è usato in modo equo e trasparente qui e quando condivisione. All’estero”.

Ha aggiunto: “Qualsiasi cambiamento attuato dal Parlamento ricadrà sul mio successore, che svolgerà un ruolo senza precedenti o sarà più rilevante per la vita delle persone”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *