Maersk ha compiuto il suo più grande passo fino ad oggi nella decarbonizzazione del trasporto di container

[ad_1]

Aggiornamento spedizione container

Maersk sta compiendo il passo più grande fino ad oggi per decarbonizzare l’industria navale: ha ordinato otto nuove navi in ​​grado di trasportare 16.000 container, ognuna delle quali può utilizzare carburante marino tradizionale o metanolo “verde”.

Questo è il primo ordine di nave del Danish Shipping Group, il più grande transatlantico di container al mondo in sei anni, ma Maersk ha affermato che con l’aumento dei noli, nuove navi sostituiranno le vecchie navi invece di aggiungere nuova capacità.

Maersk prevede di ricevere 8 navi da Hyundai Heavy Industries all’inizio del 2024, con l’opzione di aggiungerne altre 4 l’anno successivo, diventando così la prima compagnia di spedizioni di container ad ordinare grandi navi a emissioni zero dalla Cina all’Europa e ad altri paesi. L’oceano Pacifico.Ha ordinato un piccolo Nave feeder a emissioni zero A febbraio.

Il costo di ogni nave è di circa 175 milioni di dollari, ovvero circa il 10-15% in più rispetto alle navi tradizionali, perché potrà utilizzare sia carburante per uso marittimo che metanolo a emissioni zero.

Il costo del metanolo a emissioni zero riguarda il carburante a doppio serbatoio, ma i dirigenti di Maersk hanno affermato di ritenere che clienti come Amazon e H&M siano disposti a pagare per il trasporto ecologico.

“Abbiamo messo i soldi sulle nostre labbra. Henriette Hallberg Thygesen, capo della flotta e del marchio strategico, ha detto al Financial Times che ci sentiamo abbastanza al sicuro da ordinare questa serie di navi.

Maersk Disse Nel 2018, dato che il ciclo di vita di una nave è di 20-25 anni, deve essere una nave a emissioni zero entro il 2030 per raggiungere l’obiettivo di zero emissioni nette per il 2050.

Ma negli ultimi anni il progresso tecnologico del cantiere è aumentato, quindi il gruppo danese ora spera solo di ordinare nuove navi con tecnologia dual-fuel o single green fuel, inclusa la nave più grande che può trasportare più di 20.000 container.

Thygesen ha affermato che la sfida più grande è garantire una quantità sufficiente di metanolo verde per le navi.

“Dobbiamo aumentare significativamente la produzione. Riteniamo che ci siano molti polli e uova. Pertanto, abbiamo scoperto che emettendo questo annuncio, possiamo interrompere questo ciclo”, ha aggiunto.

Da quando Maersk è uscita dalla crisi finanziaria costruendo alcune delle più grandi navi della storia nel 2015, non ha effettuato nuovi ordini per navi di grandi dimensioni, anche se ha esercitato l’opzione di altre due navi nel 2017.

Altre compagnie di spedizioni di container si sono affrettate a piazzare nuovi ordini perché le tariffe di trasporto sono aumentate vertiginosamente dopo il blocco di Covid-19 dello scorso anno, quando c’era una carenza di navi per far fronte alla grande domanda, anche se ci sarebbero voluti anni per costruirle.

“Speriamo tutti di avere più capacità oggi in modo da poter alleviare parte del dolore per i nostri clienti. Ma questo non può essere risolto ordinando navi a breve termine”, ha affermato Tiegson.

Ha aggiunto che è “obiettivo chiaro” di Maersk che le nuove navi funzionino interamente a metanolo verde. In questo caso, emetteranno più di 1 milione di tonnellate di anidride carbonica ogni anno, ma come “attenuazione del rischio”, ogni nave sarà dotato di tecnologia dual fuel.

“Queste navi saranno utilizzate per 20-25 anni. Non sappiamo ancora quale sia la tecnologia vincente”, ha affermato.

Alcuni critici credono che il metanolo verde renda Banale Perché la CO2 viene prima assorbita durante la produzione e poi emessa di nuovo quando viene bruciata, invece di isolare i gas serra.

Maersk ha dichiarato la scorsa settimana che il metanolo verde per le sue navi di alimentazione proverrà da anidride carbonica “biologica”, il che significa che proviene da risorse naturali ed energia rinnovabile.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *