Mentre Delta Air Lines cresce, il team australiano per la pandemia supporta il piano di riapertura Reuters

[ad_1]

3/3

© Reuters. Foto del file: il 20 agosto 2021, a Sydney, in Australia, un membro dello staff si trova all’ingresso della clinica COVID-19 per contenere l’epidemia di coronavirus. REUTERS/Loren Elliott

2/3

Sydney (Reuters)-Il consulente per la modellazione epidemiologica del governo australiano ha dichiarato che quando il tasso di vaccinazione del paese raggiunge il 70%-80%, l’Australia può continuare il suo piano di riapertura, anche se alcuni stati hanno lasciato intendere che se Sydney non riesce a controllare il delta nell’epidemia, potrebbe non allentare le restrizioni alle frontiere.

Il Doherty Institute di Melbourne ha affermato che l’attenzione del paese deve spostarsi dall’attuale strategia zero-case alla limitazione del numero di decessi e ricoveri per COVID-19, quando almeno il 70% della popolazione del paese di età superiore ai 16 anni era stata completamente vaccinata. .

“Questo livello di vaccinazione renderà più facile per le persone coesistere con il virus, proprio come facciamo con altri virus come l’influenza”, ha affermato in una dichiarazione lunedì scorso. “Una volta raggiunta la copertura vaccinale del 70%. possibile aprire ogni giorno decine o centinaia di casi in tutto il Paese”.

Attualmente, il 30% della popolazione adulta in Australia è completamente vaccinata, mentre il 53% della popolazione adulta ha almeno una dose.

L’Australia ha annunciato un piano in quattro fasi a luglio https://www.reuters.com/world/asia-pacific/sydney-under-strict-new-lockdown-rules-cases-soar-2021-07-29 indietro Maggiore libertà aumenta con l’aumento dei tassi di vaccinazione.

Ma gli stati del Queensland e dell’Australia occidentale hanno affermato che potrebbero non rispettare l’accordo perché l’accordo è stato stipulato quando il numero di casi a Sydney era molto più basso.

Il primo ministro Scott Morrison ha ammesso che alcuni stati sono preoccupati per l’epidemia di Sydney, ma ha affermato che il blocco “per sempre” farebbe più male che bene al Paese.

“Che siano 30 o 800, la conclusione è la stessa. Questo è ciò che dice il Doherty Institute… possiamo farlo in sicurezza, e abbiamo davvero bisogno di farlo”, ha detto Mo Lisson al Nine News martedì.

Rispetto a molti altri paesi sviluppati, l’Australia è meno colpita dalla pandemia di coronavirus, con circa 44.600 casi e 984 decessi. Tuttavia, nelle settimane di blocco, la terza ondata di infezioni dalla variante Delta ha messo nei guai Sydney e Melbourne, le sue città più grandi, e la capitale Canberra.

Martedì Victoria ha riportato 50 nuove infezioni locali, in calo rispetto alle 71 di un giorno fa. Dei nuovi casi, 39 erano contagiosi nella comunità e alcuni funzionari hanno affermato che devono tornare a un livello vicino allo zero per allentare le restrizioni.

Disclaimer: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidarsi a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *