Mentre la Cina inasprisce le regole di quotazione all’estero, le azioni Didi scendono del 25%

[ad_1]

Didi è un’app cinese che ha raccolto più di 4 miliardi di dollari nella sua IPO a New York la scorsa settimana.Nel primo giorno di negoziazione dopo che i regolatori cinesi hanno annunciato un’indagine sulla società, martedì il valore di mercato della società si è ridotto di un quarto. Uno.

Poco prima dell’apertura del mercato di New York, il governo cinese ha annunciato che avrebbe inasprito le restrizioni sulle quotazioni all’estero, mettendo in pericolo il redditizio mercato. La pipeline dell’azienda cinese Spero di raccogliere fondi a Wall Street.

Il Consiglio di Stato, la principale agenzia governativa cinese, ha dichiarato in un annuncio intitolato “Combating Illegal Securities Activities” che intraprenderà azioni per rafforzare la protezione dei dati sensibili nelle quotazioni estere e “consolidare le responsabilità in materia di sicurezza delle informazioni delle società quotate all’estero”. “.

“Questa è un’istruzione del più alto livello. Bruce Pang, direttore della ricerca della banca di investimento Huaxing Capital, ha affermato che non solo il modello del mercato cinese, ma anche il suo quadro normativo potrebbe subire enormi cambiamenti.

Pang ha aggiunto che a breve termine, i nuovi regolamenti potrebbero comportare un lungo periodo di attesa per qualsiasi azienda che voglia diventare pubblica all’estero, il che “smorzerà il sentimento degli investitori, deprimerà la valutazione delle IPO statunitensi e renderà più facile raccogliere fondi in New York. più difficile”.

Secondo i dati di Dealogic, 34 società cinesi hanno raccolto la cifra record di 12,4 miliardi di dollari a New York nella prima metà del 2021. I dati mostrano anche che le banche d’investimento di Wall Street hanno ricevuto entrate straordinarie di quasi 460 milioni di dollari durante questo periodo.

Didi ha guidato il calo delle azioni cinesi a New York, toccando un minimo di $ 11,58 nei primi scambi e chiudendo a $ 15,53 venerdì. Nel giorno di apertura, il prezzo delle azioni di Didi ha toccato $ 18,01 e poi è sceso.

A causa della festività del 4 luglio, questo periodo è stata la prima opportunità per gli investitori di rispondere domenica all’ordine del CAC (State Internet Information Office) Didi ha rimosso la sua app dal mercato cinese perché violava la relativa raccolta e l’uso di dati personali.

Lunedì, CAC ha anche annunciato un’indagine su un’altra società cinese, Full Truck Alliance, recentemente quotata in borsa negli Stati Uniti, il cui prezzo delle azioni è sceso del 19%. Baidu e JD.com hanno perso entrambi il 3%, mentre le azioni Alibaba sono scese del 2%.

Didi ha affermato: “Lavoreremo duramente per correggere i problemi, migliorare la consapevolezza della prevenzione dei rischi e le capacità tecniche, proteggere la privacy degli utenti e la sicurezza dei dati e continuare a fornire agli utenti servizi sicuri e convenienti”. Il gruppo ha aggiunto che “si prevede che il delisting dell’applicazione possa influire negativamente sulle sue entrate in Cina”.

Una persona vicina a Didi ha affermato che il CAC aveva consigliato alla società di posticipare la sua IPO alcune settimane prima che diventasse pubblica negli Stati Uniti fino a quando non fosse stata rivista la sicurezza dei dati. Didi ha detto lunedì di “non conoscere” la decisione di intervenire del regolatore prima dell’IPO.

Segnalato da Hudson Lockett e Tabby Kinder a Hong Kong e Sun Yu, Christian Shepherd e Yuan Yang a Pechino.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *