Mentre la crescita dei casi nel Regno Unito rallenta, si spera in una terza ondata più breve di aumento di Covid

[ad_1]

Il rallentamento della crescita di nuovi casi di Covid-19 nel Regno Unito ha fatto sperare che la terza ondata possa essere più breve e meno profonda di quanto si temeva in precedenza, poiché il vaccino continua a indebolire il potere della variante Delta scoperta per la prima volta in India.

Altre 10.476 persone sono risultate positive al Covid-19 in Inghilterra Venerdì c’è stato un aumento del 29% una settimana fa, con 11 decessi segnalati, in calo rispetto ai 17 di una settimana fa.

Più di quattro quinti degli adulti britannici hanno ora ricevuto la prima dose del vaccino e la promozione è estesa a coloro che dai 18 ai 25 anniA Londra, quattro stadi di calcio, tra cui lo stadio Stamford Bridge del Chelsea Football Club, apriranno questo fine settimana come parte di un’iniziativa di vaccinazione quotidiana per 100.000 persone nella capitale, dove i tassi di vaccinazione sono in ritardo rispetto al resto del paese.

Il numero medio di nuovi casi segnalati giornalmente nel Regno Unito è aumentato da 2.020 il 5 giugno a oltre 8.740 il 18 giugno. Tuttavia, il tasso di aumento è rallentato significativamente negli ultimi giorni.

Il tasso di crescita settimanale dei nuovi casi si è dimezzato dal 67% del 9 giugno al 33% del 18 giugno, indicando che le prime fasi della trasmissione potrebbero aver lasciato il posto a un aumento più stabile.

È troppo presto per dire se il rallentamento economico continuerà, poiché ciò potrebbe essere dovuto almeno in parte alle vacanze scolastiche nella prima settimana di giugno.

Ma i dati mostrano che il programma vaccinale continua a limitare l’impatto della variante Delta. Ad oggi, delle 806 persone ricoverate con questa variante, l’88% non è stato vaccinato o ha ricevuto una sola dose del vaccino. Secondo Public Health England.

Leon Danon, professore di analisi dei dati all’Università di Bristol e membro del British Scientific Pandemic Influenza Modeling Group (SPI-M), si è detto “cautamente ottimista” ma ha sottolineato che vorrebbe vedere un calo del tasso di crescita” dopo ripetute settimane”, per poi trarre una conclusione chiara.

“In alcune aree, il numero di infezioni continua a raddoppiare ogni settimana, il che è preoccupante”, ha detto Danon. “L’incompletezza è sempre stata una caratteristica di questa epidemia e sembra che diventerà anche la terza ondata”.

Secondo i dati ufficiali del governo, il tasso di riproduzione o il valore R è lo stesso della scorsa settimana, tra 1,2 e 1,4, il che significa che si stima che ogni 10 persone infette dal virus infetterà da 12 a 14 persone.

Contemporaneamente, Il tasso di nuove infezioni rallentasSecondo il National Bureau of Statistics Infection Survey, il sondaggio ha stimato il numero totale di casi asintomatici e sintomatici. Nella settimana terminata il 12 giugno, il numero di persone risultate positive è aumentato del 7% a 118.800, rispetto a un aumento del 13% nella settimana precedente.

Professor Tim Spector, epidemiologo, King’s College di Londra Zoe impara Dopo aver monitorato i sintomi di Covid dei partecipanti, ha affermato che la terza ondata assomiglierà a “un’onda molto piccola o una grande increspatura”, aggiungendo che si aspetta che i nuovi casi raggiungano il picco tra circa due settimane.

Spector ha citato i dati del Galles come un “segnale ispiratore” per il resto del Regno Unito. In Galles, la copertura della prima dose di vaccinazione è vicina al 90%, ovvero circa 8 punti percentuali in più rispetto alla media del Regno Unito. Secondo il National Bureau of Statistics del Regno Unito, nella settimana terminata il 12 giugno, il tasso di infezione è sceso a uno su 1.500, il più basso del Regno Unito.

“[With] Questa ondata è limitata a una combinazione di giovani.Quando si incontra questo muro immunitario, nessuno dovrebbe essere infettato presto. Spero sia breve e superficiale. .. È molto meno drammatico dell’inverno o della primavera”, ha detto Spector.

Ha aggiunto che il governo dovrebbe fornire booster di vaccino “il prima possibile” per evitare “una diminuzione dell’immunità” dopo l’estate.

Ma il numero dei ricoveri per Covid-19 continua a salire. Nella settimana terminata il 14 giugno sono stati ricoverati in ospedale 1.373 pazienti, con un aumento del 40% rispetto alla settimana precedente.

Tuttavia, Chris Hopson, CEO di NHS Providers, che rappresenta i leader sanitari, ha affermato che sebbene alcuni ospedali abbiano dovuto “richiamare un po’” nella riabilitazione selettiva, il personale medico credeva di poter “continuare a fare buoni progressi”. Gli arretrati del SSN per l’intera terza ondata.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *