Misurare la performance del portafoglio

[ad_1]

Molti investitori basano erroneamente il successo dei loro portafogli esclusivamente sui rendimenti. Pochi investitori considerano i rischi connessi alla realizzazione di questi rendimenti. Dagli anni ’60, gli investitori hanno saputo utilizzare la variabilità dei rendimenti per quantificare e misurare il rischio, ma in realtà non esiste un unico standard di misurazione che consideri sia il rischio che il rendimento. Oggi, ci sono tre serie di strumenti di misurazione delle prestazioni per aiutare nella valutazione del portafoglio.

Questo TrenoSharp e Rapporto Jensen Combina le prestazioni di rischio e rendimento in un unico valore, ma ogni valore è leggermente diverso. Qual’è il migliore? Forse, una combinazione di questi tre.

Misura Treynor

Jack L. Treynor è stato il primo a fornire agli investitori misure complete della performance del portafoglio, compreso il rischio. L’obiettivo di Treynor è trovare una misura della performance che si applichi a tutti gli investitori, indipendentemente dalla loro propensione al rischio personale. Treynor ritiene che il rischio abbia in realtà due componenti: il rischio causato dalle fluttuazioni del mercato. mercato azionario E i rischi derivanti dalle fluttuazioni personali Titoli.

Presentato Treynor Linea del mercato dei titoli, che definisce la relazione tra rendimenti del portafoglio e rendimenti di mercato, dove la pendenza della retta misura la volatilità relativa tra il portafoglio e il mercato (come Beta). Il coefficiente beta è una misura della volatilità del portafoglio azionario sul mercato stesso. Maggiore è la pendenza della linea, migliore è il rapporto rischio-beneficio.

La misura di Treynor, nota anche come ricompensa-Volatilità, definito come:













Misura Treynor

=



fosforo

resistenza



resistenza

F

resistenza


Secondo














In cui si:














fosforo

resistenza

=

Ritorno di portafoglio














resistenza

F

resistenza

=

Tasso senza rischi














Secondo

=

Beta





begin{allineato} &text{Misura Treynor} = frac{PR-RFR}{beta} &textbf{dove:} &PR=text{ritorno portafoglio} &RFR=text{ Tasso privo di rischio} &beta=text{beta} end{allineato}


Misura Treynor=SecondofosfororesistenzaresistenzaFresistenzaIn cui si:fosfororesistenza=Ritorno di portafoglioresistenzaFresistenza=Tasso senza rischiSecondo=Beta

Identificazione molecolare Premio per il rischio, Il denominatore corrisponde al rischio di portafoglio. Il valore risultante rappresenta il rendimento per unità di rischio del portafoglio.

Per illustrare, supponiamo che il tasso di rendimento annuo a 10 anni sia Standard e poveri 500 (portafoglio di mercato) è del 10% e il tasso di rendimento medio annuo è Buoni del tesoro (Un buon agente Tasso senza rischi) è del 5%.Quindi, supponiamo che la valutazione sia tre differenti Gestore del portfolio I risultati per 10 anni sono i seguenti:

manager Tasso di rendimento medio annuo Beta
Allenatore A 10% 0,90
Manager B 14% 1.03
Manager C 15% 1.20

Il valore di Treynor per ciascuno è il seguente:

calcolare Valore di Treynor
T (mercato) (0,10-0,05)/1 0.05
T (Dirigente A) (0,10-0,05)/0,90 0,056
T (allenatore B) (0.14-0.05)/1.03 0,087
T (Dirigente C) (0,15-0,05)/1,20 0,083

Maggiore è la misura di Treynor, migliore è il portafoglio. Se il gestore di portafoglio (o portafoglio) viene valutato solo in base alla performance, il Gestore C sembra aver ottenuto i risultati migliori. Tuttavia, se si considera il rischio che ogni gestore si assume per ottenere i propri rendimenti, il gestore B ha mostrato risultati migliori. In questo caso, tutti e tre i gestori hanno ottenuto risultati migliori rispetto al mercato complessivo.

Perché questa misura usa solo Rischio sistemico, Si presuppone che gli investitori dispongano già di un portafoglio di investimenti completamente diversificato, pertanto, Rischio non sistematico (Noto anche come rischio diversificato) non viene considerato. Pertanto, questa misura della performance è più adatta per gli investitori che detengono un portafoglio di investimenti diversificato.

Come misurare la performance del tuo portafoglio

Rapporto di nitidezza

L’indice di Sharpe è quasi lo stesso della metrica Treynor, con la differenza che la metrica di rischio è la deviazione standard del portafoglio, anziché considerare solo il rischio sistemico espresso in beta. Ideato da Bill Sharp, Questa misura presta molta attenzione al suo Capital Asset Pricing Model (CAPM) ed espandere l’uso del rischio totale per combinare il portafoglio con Linea del mercato dei capitali.

L’indice di Sharpe è definito come:













Rapporto di nitidezza

=



fosforo

resistenza



resistenza

F

resistenza



secondo

D















In cui si:














fosforo

resistenza

=

Ritorno di portafoglio














resistenza

F

resistenza

=

Tasso senza rischi














secondo

D

=

Deviazione standard





begin{Align} &text{Sharp Ratio} = frac{PR-RFR}{SD} &textbf{dove:} &PR=text{Ritorno portafoglio} &RFR=text{ rischio -tariffa gratuita} &SD=text{deviazione standard} end{allineato}


Rapporto di nitidezza=secondoDfosfororesistenzaresistenzaFresistenzaIn cui si:fosfororesistenza=Ritorno di portafoglioresistenzaFresistenza=Tasso senza rischisecondoD=Deviazione standard

Usa l’esempio di Treynor sopra e supponi Indice Standard & Poor’s 500 Con una deviazione standard del 18% su un periodo di 10 anni, possiamo determinare l’indice di Sharpe dei seguenti gestori di portafoglio:

manager Profitto annuale Deviazione standard di portafoglio
Direttore X 14% 0.11
Manager Sì 17% 0.20
Manager Z 19% 0.27
S (mercato) (0.10-0.05)/0.18 0.278
S (allenatore X) (0,14-0,05)/0,11 0.818
S (allenatore Y) (0.17-0.05)/0.20 0,600
S (allenatore Z) (0,19-0,05)/0,27 0,519

Allo stesso modo, abbiamo scoperto che il portafoglio migliore non è necessariamente il portafoglio con il rendimento più elevato.Al contrario, un portafoglio superiore ha superiori Rendimento corretto per il rischio O, in questo caso, un fondo guidato dal gestore X.

A differenza della metrica di Treynor, l’indice di Sharpe valuta i gestori di portafoglio in base ai seguenti due aspetti tasso di risposta E diversificazione (considera il rischio totale del portafoglio misurato dalla deviazione standard del denominatore).Pertanto, il rapporto di Sharpe è più adatto per Diversificazione Portafoglio di investimento, perché considera più accuratamente il rischio del portafoglio di investimento.

Misurazione Jensen

Simile alle metriche sulle prestazioni discusse in precedenza, le metriche Jensen vengono calcolate utilizzando CAPM.Prende il nome dal suo creatore Michael C. Jensen, la metrica Jensen calcola il rendimento in eccesso generato da un portafoglio profitti attesiQuesto tipo di misura di ritorno è anche chiamata α.

Il coefficiente di Jensen misura quanto del rendimento del portafoglio è attribuibile alla capacità del gestore di fornire rendimenti superiori alla media, rettificato per Rischio di mercatoMaggiore è il rapporto, migliore è il rendimento corretto per il rischio. I portafogli con rendimenti in eccesso sempre positivi hanno un alfa positivo e i portafogli con rendimenti in eccesso sempre negativi hanno un alfa negativo.

La formula è così suddivisa:













L’Alpha di Jenson

=

fosforo

resistenza



C

Una specie di

fosforo

metro














In cui si:














fosforo

resistenza

=

Ritorno di portafoglio














C

Una specie di

fosforo

metro

=

Tasso senza rischi

+

Secondo

(

Tasso di rendimento privo di rischio di mercato

)





begin{allineato} &text{alpha di Jenson} = PR-CAPM &textbf{dove:} &PR=text{rendimento del portafoglio} &CAPM=text{tasso privo di rischio} + beta (text{Rendimento del tasso di rendimento privo di rischio di mercato}) end{allineato}


L’Alpha di Jenson=fosfororesistenzaCUna specie difosforometroIn cui si:fosfororesistenza=Ritorno di portafoglioCUna specie difosforometro=Tasso senza rischi+Secondo(Tasso di rendimento privo di rischio di mercato)

Se assumiamo che il tasso di interesse privo di rischio sia del 5% e il tasso di rendimento di mercato sia del 10%, qual è l’alfa dei seguenti fondi?

manager Tasso di rendimento medio annuo Beta
Manager D 11% 0,90
Manager E 15% 1.10
Allenatore F 15% 1.20

Calcoliamo il rendimento atteso del portafoglio:

Pronto Soccorso (D) 0,05 + 0,90 (0,10-0,05) 0,0950 o rendimento del 9,5%
Pronto Soccorso (E) 0,05 + 1,10 (0,10-0,05) 0,1050 o 10,5% di rendimento
Pronto Soccorso (maschio) 0,05 + 1,20 (0,10-0,05) 0,1100 o 11% di rendimento

Calcoliamo l’alfa del portafoglio sottraendo il rendimento atteso del portafoglio dal portafoglio Ritorno effettivo:

Alfa D 11% – 9,5% 1,5%
Alfa E 15% – 10,5% 4,5%
Alfa F 15%-11% 4,0%

Quale manager fa meglio? Il manager E fa il lavoro migliore, perché sebbene il tasso di rendimento annuale del manager F sia lo stesso, ci si aspetta che il manager E prodotto Rendimenti inferiori, perché il beta del portafoglio è significativamente inferiore al beta del portafoglio F.

Il tasso di rendimento e il rischio di un titolo (o portafoglio) varieranno di volta in volta. La metrica Jensen richiede un tasso di rendimento privo di rischio diverso per ogni intervallo di tempo.Per utilizzare l’intervallo annuale per valutare le prestazioni di un gestore di fondi su un periodo di cinque anni, è necessario anche controllare il rendimento annuo del fondo meno Ritorno senza rischi E correlalo con il tasso di rendimento annuo del portafoglio di mercato meno lo stesso tasso di interesse privo di rischio.

Al contrario, i rapporti Treynor e Sharpe controllano Periodo totale Considera tutte le variabili nella formula (portafoglio, mercato e senza rischi risk risorse). Tuttavia, analogamente alla metrica di Treynor, l’alfa di Jensen calcola il premio di rischio in termini di beta (rischio sistematico, non disperdibile), quindi si presume che il portafoglio di investimento sia completamente diversificato.Pertanto, questo rapporto è più adatto per investimenti, come ad esempio Fondo comune.

Linea di fondo

Gli indicatori di performance del portafoglio sono un fattore chiave nel processo decisionale di investimento. Questi strumenti forniscono agli investitori le informazioni necessarie per valutare l’efficacia del loro investimento di capitale (o possibile investimento). Ricorda, i rendimenti del portafoglio sono solo una parte della storia.Senza valutare i rendimenti aggiustati per il rischio, gli investitori non saranno in grado di vedere il complessivo Investire Immagine, questo può inavvertitamente portare a un processo decisionale confuso.

Investopedia richiede agli autori di utilizzare risorse importanti per supportare il proprio lavoro. Questi includono white paper, dati governativi, rapporti originali e interviste con esperti del settore. Se del caso, faremo riferimento anche a ricerche originali di altri noti editori. Puoi saperne di più sugli standard che seguiamo nella produzione di contenuti accurati ed equi sul nostro sito web.
Modifica criterio.

  1. William F. Sharp. “Rapporto di nitidezza.” Visitato il 22 luglio 2021.

  2. Premio Nobel. “William F. Sharp.” Visitato il 22 luglio 2021.

  3. Michael C. Johnson. “L’andamento dei fondi comuni dal 1945 al 1964,” pagina 1 del PDF. Consultato il 22 luglio 2021.

Conto di confronto

X

Le citazioni che compaiono in questa tabella provengono da partnership dalle quali Investopedia è remunerata. Questa compensazione può influire su come e dove appare l’elenco. Investopedia non include tutte le quotazioni disponibili sul mercato.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *