Nonostante i cori di “diffamazione” di Pechino, la NATO rafforzerà le informazioni del G7 sulla Cina Reuters

[ad_1]

4/4

© Reuters. Il primo ministro belga Alexander De Crowe accoglie con favore l’arrivo del presidente degli Stati Uniti Joe Biden prima del vertice della NATO il 13 giugno 2021 all’aeroporto militare di Bruxelles a Myersbrook, in Belgio. Didier Lebrun/Piscina via REUTERS

2/4

Autori: Robin Emmott, Steve Holland e Sabine Siebold

BRUXELLES (Reuters)-I leader della NATO dovrebbero definire la Cina un rischio per la sicurezza per un’alleanza occidentale durante un incontro lunedì, il giorno dopo la dichiarazione del G7 sulle questioni dei diritti umani in Cina e Taiwan. Pechino ha affermato che la dichiarazione è diffamatoria Ha guadagnato la sua reputazione .

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha descritto il primo vertice a cui ha partecipato il presidente degli Stati Uniti Joe Biden come un “momento critico”.

I membri mirano a dimostrare che questa alleanza di difesa di sette anni è ancora il supporto fondamentale degli sforzi degli Stati Uniti per mantenere la pace e la democrazia nel mondo, compreso il confronto con la Cina e la sua rapida ascesa militare.

Quando è arrivato a Bruxelles per il vertice di un giorno, Stoltenberg ha detto: “Sappiamo che la Cina non è d’accordo con i nostri valori… Dobbiamo rispondere insieme come un’alleanza”.

“La Cina si sta avvicinando sempre di più a noi. Li vediamo nel cyberspazio, vediamo la Cina in Africa, ma vediamo anche la Cina investire pesantemente nelle nostre infrastrutture critiche”, ha detto, riferendosi a porti e reti di telecomunicazioni.

I diplomatici hanno affermato che il comunicato finale del vertice della NATO non chiamerà la Cina un avversario – Stoltenberg ha affermato che la Cina non è un nemico – ma mostrerà preoccupazione, definendola una sfida “sistemica” alla sicurezza atlantica perché ha partecipato alle esercitazioni militari con la Russia, lanciate attacchi informatici e ha stabilito rapidamente la sua marina.

I paesi del G7 che si sono incontrati nel Regno Unito questo fine settimana hanno accusato la Cina di diritti umani nello Xinjiang, hanno invitato Hong Kong a mantenere un alto grado di autonomia e hanno chiesto un’indagine approfondita sull’origine del coronavirus cinese.

L’ambasciata cinese a Londra ha dichiarato di essere fermamente contraria alla menzione di Xinjiang, Hong Kong e Taiwan, affermando di aver distorto i fatti ed esposto “le intenzioni sinistre di alcuni paesi come gli Stati Uniti”.

“La reputazione della Cina non deve essere calunniata”, ha detto lunedì l’ambasciata.

Anche la Russia è nel radar della NATO

Il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca Jack Sullivan ha dichiarato domenica che i leader del Gruppo dei Sette paesi si sono uniti sulla necessità di “contrastare e competere” con la Cina su varie sfide che vanno dalla difesa della democrazia alla tecnologia.

“La Cina apparirà nel comunicato (NATO) in un modo più forte di quanto non sia mai stato prima”, ha detto Sullivan ai giornalisti sull’Air Force One di Biden, dal vertice del G7 britannico alla capitale belga.

Da quando la Russia ha annesso la Crimea nel 2014, la NATO ha modernizzato le sue difese, ma solo di recente ha iniziato a prendere più seriamente qualsiasi potenziale minaccia proveniente dalle ambizioni della Cina.

Dagli investimenti della Cina nei porti europei, ai piani per stabilire basi militari in Africa, alle esercitazioni militari congiunte con la Russia nel Mar Baltico, la NATO ora concorda sul fatto che l’ascesa di Pechino merita una risposta forte.

Allo stesso tempo, i diplomatici hanno affermato che prima che Biden e il presidente russo Putin si incontrassero a Ginevra martedì, saranno discussi gli sforzi della Russia per dividere l’Occidente.

“Il rapporto tra NATO e Russia è al punto più basso, il punto più basso dalla fine della Guerra Fredda”, ha detto Stoltenberg a Times Radio domenica.

“Abbiamo visto la volontà di usare il potere militare contro i paesi vicini; Ucraina, Georgia. Ma abbiamo anche visto attacchi informatici. Abbiamo visto tentativi di interferire nei nostri processi politici e democratici, minare la fiducia nelle nostre istituzioni e dividere i nostri sforzi, “Dice. .

Gli inviati speciali hanno affermato che alla luce di queste minacce, i leader sperano di ascoltare il rinnovato impegno di Biden nei confronti degli Stati Uniti per sostenere la difesa collettiva della NATO dopo le osservazioni conflittuali fatte dal suo predecessore Donald Trump agli alleati al vertice dal 2017 al 2019.

“Crediamo che la NATO sia essenziale per la nostra capacità di mantenere la sicurezza americana, e spero che sappiano che la NATO è un obbligo sacro”, ha detto Biden alla fine del G7 di domenica prima di volare a Bruxelles.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *