Nonostante nessuna vaccinazione, gli ospedali del Gloucestershire stanno ancora rispondendo all’ondata di Covid

[ad_1]

Quando il dottor David Windsor, un consulente di terapia intensiva nel Gloucestershire, ha detto a una paziente di 40 anni di Covid-19 che aveva bisogno di indossare un ventilatore per aiutarla a respirare, la sua risposta è stata triste: “Mi ha chiesto se potevo vaccinarmi. dovuto dirle ‘troppo tardi’”, ha ricordato.

Sebbene il successo del vaccino abbia notevolmente ridotto il numero di pazienti che necessitano di ricovero ospedaliero, c’è ancora resistenza e spesso presenta favole dolorose retrospettive.

â <"Siamo molto abituati a prenderci cura delle persone e a rispettare le loro convinzioni sulla salute, ma vediamo che i giovani stanno seriamente male [or] Morte dovuta a malattie possibilmente prevenibili", ha aggiunto Windsor. "È davvero difficile per noi. "

Nel complesso, tuttavia, l’esperienza della recente ondata di casi del Gloucestershire Hospital NHS Foundation Trust Fund sembra dimostrare che il calcolo del governo è corretto, che può revocare la maggior parte delle restanti restrizioni al coronavirus il 19 luglio senza che metterà a dura prova il NHS per sull’orlo del collasso.

Venerdì il fondo fiduciario ha curato un totale di 22 pazienti Covid, di cui 3 ricoverati in terapia intensiva. Tuttavia, sebbene il personale abbia preparato ulteriori letti di terapia intensiva nel fine settimana come misura preventiva, non era ancora necessario.

Il direttore medico della fiducia, il professor Mark Pitroni, ha dichiarato: “Per lo stesso livello di trasmissione comunitaria che vediamo in inverno, i nostri ricoveri ospedalieri sono inferiori al 10%”.

Professor Mark Pietroni, Direttore medico, NHS Foundation Trust, Gloucestershire Hospital © Gareth Iwan Jones/FT

Questi numeri raccontano la storia del potere trasformativo del jab. L’attuale tasso di vaccinazione nel Gloucestershire è di 3,8 per 100.000 persone vaccinate; per coloro che non sono stati vaccinati, il numero è di 94,8. Nessuna delle persone doppiamente accoltellate è finita nel reparto di terapia intensiva.

A livello nazionale, il numero di pazienti Covid ricoverati venerdì è leggermente aumentato, ma è ancora al di sotto dell’ultima ondata di picchi registrata due giorni fa. Il numero di ammissioni annunciato venerdì è stato di 728, in calo rispetto ai 783 di una settimana fa.

Il grafico mostra che il numero di ricoveri ospedalieri Covid e il numero di pazienti in Inghilterra sta rallentando nelle ultime settimane e ci sono segnali che i numeri potrebbero ora essere in calo

Nel reparto respiratorio della Royal Infirmary of Gloucestershire, la consulente Dr. Rachel Kaminsky e la suora del reparto Sophie Evans erano nelle trincee del coronavirus e hanno sperimentato in prima persona i benefici del jab. Solo due pazienti Covid, sulla sessantina e in cattive condizioni di salute prima della malattia, sono stati completamente vaccinati. Kaminsky ha sottolineato che le prospettive della coppia sono state cambiate attraverso l’immunizzazione. “Nella prima ondata [they] Moriranno sicuramente”, ha detto. In effetti, hanno solo bisogno di “un po’ di ossigeno” e di un trattamento con steroidi.

Evans ha aggiunto che i pazienti vengono dimessi più velocemente, il che dimostra quanto lei e i suoi colleghi abbiano imparato su come trattare al meglio questa malattia durante i difficili 16 mesi. Ha suggerito che un’eredità sarà un trattamento più efficace dei futuri pazienti respiratori nel dipartimento.

Ha aggiunto: “Con il progredire della pandemia, siamo effettivamente diventati più abili nel sistema respiratorio generale e nel trattamento del Covid”.

Le competenze migliorate potrebbero non essere l’unica eredità duratura del più lungo tempo di test negli ospedali. Pietroni ha spiegato che il fondo fiduciario ha trasferito 130 persone con diagnosi di Covid in “reparti virtuali”: muniti di ossimetri, contattano quotidianamente i propri medici di base per monitorare i livelli di ossigeno a casa e assicurarsi che la riabilitazione proceda normalmente.

Il successo di questa forma di assistenza sanitaria rende ora possibile diventare una caratteristica permanente, il che significa che le persone con condizioni come la BPCO (malattia respiratoria cronica) potrebbero evitare il ricovero in ospedale in futuro.

Sophie Evans, sorella nel reparto respiratorio © Gareth Iwan Jones/FT

Anche se il SSN si sta ancora occupando di pazienti Covid, sta cercando di eliminare un ampio arretrato di altre cure che è stato ritardato durante la pandemia e la sua capacità è limitata a causa della rigorosa separazione delle aree di trattamento Covid e non Covid.

Pietroni e i suoi colleghi hanno trovato una soluzione. “Siamo una fiducia a due posti. Abbiamo un ospedale a Cheltenham e un ospedale a Gloucester. Una delle cose che abbiamo imparato dalla prima ondata è che abbiamo fatto relativamente poche operazioni di cancro. Speriamo che il secondo round sia andato meglio, quindi abbiamo deciso di portare tutti i pazienti Covid all’ospedale di Gloucester per cercare di mantenere il sito di Cheltenham libero dal Covid”, ha affermato.

Secondo un indicatore progettato per garantire che qualsiasi sospetto malato di cancro non aspetti più di due settimane per vedere un consulente, il fondo fiduciario ha ora “alcune delle migliori prestazioni del paese”. “Come ovunque, abbiamo sicuramente un arretrato di operazioni non di emergenza. Ma anche quelle sono relativamente brevi. Quindi, ad esempio, il nostro tempo di attesa di 52 settimane è il secondo migliore nel sud-ovest”, ha aggiunto.

I dati ufficiali dell’Inghilterra pubblicati venerdì hanno mostrato che nella settimana terminata il 24 luglio, il numero di persone risultate positive al coronavirus ha continuato ad aumentare, evidenziando “possibili segni di un possibile rallentamento del tasso di aumento”. Nel complesso, il National Bureau of Statistics stima che circa una persona su sei soffre di questa malattia.

Il grafico mostra che il numero di ricoveri ha monitorato i casi una settimana fa, il che significa che il numero di ricoveri dovrebbe appiattirsi e iniziare a diminuire nei prossimi giorni

Sebbene ci sia stato almeno un titolo di giornale incoraggiante questa settimana che suggeriva che la crisi è finita dopo che il tasso di infezione è diminuito per diversi giorni, i leader del NHS sono ancora molto cauti.

Saffron Cordery, vice amministratore delegato di NHS Providers, che rappresenta ospedali, salute mentale, ambulanze e servizi comunitari, ha avvertito che sebbene “ci siano segni che il recente aumento dei casi possa iniziare a perdere slancio”, la pressione sugli ospedali non è scomparso.

Affrontare l’arretrato delle cure, i livelli record di domanda di cure di emergenza e urgenti e i continui ricoveri ospedalieri per Covid-19 significano che “la pressione complessiva in prima linea del SSN è grave come lo era al suo peggio a gennaio, ” ha avvertito.

Nel reparto respiratorio di Gloucester, Kaminsky ha suggerito che la società deve imparare a convivere con il Covid-19. Tuttavia, rispetto all’ondata dello scorso inverno, “quando il numero è aumentato di 10, 15, 20 ogni giorno, siamo passati da due pazienti sottoposti a ventilazione non invasiva a 45 in due settimane… Questo è molto diverso”, ammette. .

Petroni ha accettato di dichiarare che la pandemia è ormai “troppo presto”. “[W]Potrebbero passare una o due settimane prima del picco (di ospedalizzazione)”, ha avvertito. Ma ha aggiunto: “Penso che sia ingiusto dire che ci stiamo avvicinando alla fine. “

Il personale senior si precipitò al fronte, la gerarchia tradizionale fu lasciata indietro

Il direttore medico, il professor Mark Pitroni, ha affermato che presso il Gloucestershire Hospital NHS Foundation Trust Fund, il personale ha lavorato insieme per affrontare l’epidemia, abbandonando la tradizionale gerarchia medica.

Ad esempio, i chirurghi ortopedici lavorano a turni nell’unità di terapia intensiva come assistenti medici (HCA) per aiutare i pazienti “inclini”. “Hanno parlato in modo molto toccante del lavoro che hanno svolto e del loro lavoro come HCA, o addirittura di diventare di nuovo una domestica, o di ciò che chiamiamo F1, lavorando sotto la guida di medici in formazione nel reparto… inserire non sono stati per anni L’intubazione (un tubo usato per somministrare farmaci) è stata fatta, perché di solito hanno la loro prole per farlo”, ha detto.

Tutti «ammettono che questa è una crisi nazionale, è davvero un momento decisivo della nostra carriera».

Lungi dal ricevere lamentele sulla necessità di lavorare in modo diverso “L’unica email che ho ricevuto era da [colleagues] Say’sto seduto sulle mie mani e non facendo niente. Trovami qualcosa da fare, come posso aiutarti? ‘”, Ha aggiunto.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *