Nuovi disordini in Irlanda del Nord mentre i leader del DUP affrontano la resistenza

[ad_1]

Giovedì, i leader del più grande partito politico dell’Irlanda del Nord hanno incontrato una ribellione dopo aver raggiunto un accordo per evitare il crollo del governo della regione.

Il leader del Partito dell’Unità Democratica, Edwin Poots, ha nominato Paul Givan nuovo primo ministro dell’Irlanda del Nord, ignorando l’opposizione dei politici del DUP alla mossa perché hanno dato al nazionalista Sinn Féin ) Fare concessioni per mantenere l’integrità del potere- governo condiviso.

La resistenza a Poots è l’ultimo segnale di agitazione in Irlanda del Nord, aggravata dai termini dell’accordo Brexit tra Regno Unito e Unione Europea.

Il consigliere anziano del DUP Sammy Wilson ha criticato la nomina di Shay da parte di Putz e si è rifiutato di escludere un voto di sfiducia nella sua leadership.

I funzionari del DUP si sono poi riuniti per considerare la posizione di Poots. “I numeri sono peggiori che contro Arlene [Foster]”, ha detto una persona che ha familiarità con la situazione, riferendosi al predecessore di Putz che è stato licenziato ad aprile dopo aver perso il sostegno dei politici del DUP.

Dopo che il partito e lo Sinn Fein hanno lavorato duramente per evitare il crollo del governo dell’Irlanda del Nord, sono scoppiate rivolte.

Il nuovo primo ministro Paul Given ha tenuto un discorso di ringraziamento ©Brian Lawless/PA

Lo Sinn Fein ha affermato che solo se Stormont passerà rapidamente la legislazione per migliorare lo status della lingua irlandese, rimarrà nel governo con ripartizione del potere.

Il DUP ha rifiutato, ma quando il governo britannico ha detto che avrebbe approvato la legislazione a Westminster, lo stallo è stato superato mercoledì notte.

Ciò ha spianato la strada a Putz per nominare Shay come successore di Foster come primo ministro dell’Irlanda del Nord. Lo Sinn Fein ha nominato ancora una volta Michel O’Neill vice primo ministro.

Ma Wilson ha affermato che nel voto di giovedì, i membri del DUP e i membri del partito a Stormont “molto, molto chiaramente” hanno dichiarato di essersi opposti alla nomina immediata di Givan da parte di Poots.

Parlando di Putz, Wilson ha aggiunto: “Se qualcuno mette da parte le opinioni forti dei vari dipartimenti del partito e va avanti, è difficile avere fiducia in qualcuno”.

“Assicuro che la maggior parte dei sindacalisti… sarà scioccata dal potere del parlamento… sarà messo da parte per promuovere gli interessi di nicchia dello Sinn Fein”.

Poots ha dichiarato di aver proposto Givan senza “prerequisiti sinceri”, con l’obiettivo di rendere l’Irlanda del Nord “un posto migliore per tutti”.

La leader dello Sinn Fein Mary Lou McDonald ha dichiarato mercoledì di aver chiesto a Westminster di intervenire perché era “molto chiaro” che il DUP non avrebbe dato priorità alla legislazione sulla lingua irlandese.

“In pratica li abbiamo aggirati e abbiamo rotto quello che pensavo fosse un serio punto morto”, ha aggiunto.

Poots è stata leader del DUP per meno di tre settimane e, dopo che la Brexit ha svolto un ruolo importante nella sua rimozione del leader e del primo ministro del DUP, è succeduta a Foster.

Deirdre Heenan, professore di politica sociale all’Ulster University, ha dichiarato che “è difficile esagerare la politica strategica e il fallimento strategico del colpo di stato di Putz”.

“Quel DUP [members at Stormont] Il voto dei parlamentari contro la nomina del primo ministro riflette la rabbia e la confusione all’interno del partito”, ha aggiunto.

Connor Murphy, Mary Lou McDonald e Michelle O'Neal dello Sinn Fein alla conferenza stampa di Stormont

Da sinistra: Connor Murphy, Mary Lou McDonald e Michelle O’Neal dello Sinn Fein alla conferenza stampa di Stormont © David Young/PA

Il leader della coalizione Naomi Long ha accolto con favore le nomine di Shay e O’Neill, ma ha affermato che gli eventi delle ultime settimane sono state “esperienze non stimolanti”. “Dobbiamo liberarci di questo ciclo drammatico tossico”, ha aggiunto.

Anche i governi britannico e irlandese hanno accolto con favore le nomine, che hanno impedito all’Irlanda del Nord di mettersi nei guai quando è entrata nella spesso controversa stagione delle marce protestanti estive.

Il ministro britannico dell’Irlanda del Nord Brandon Lewis ha descritto l’accordo come “un’importante pietra miliare”. .. Per garantire la futura stabilità dell’Irlanda del Nord”.

“La stabilità dell’amministrazione e la piena operatività di tutte le istituzioni dell’Accordo del Venerdì Santo sono essenziali per la pace e il progresso”, ha affermato su Twitter Micheál Martin, leader taoista dell’Irlanda.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *