OPEC+ ha raggiunto un accordo per aumentare l’offerta, aumentano i casi di COVID, i prezzi del petrolio scendono del 6% Reutersuter

[ad_1]

© Reuters. Foto del file: 22 novembre 2019, un adesivo sul lato di un serbatoio di stoccaggio nel bacino del Permiano a Menton, contea di Lowen, Texas, USA, dice petrolio greggio. REUTERS/Angus Mordant/File Photo

di Leila Kearney

NEW YORK (Reuters) – Lunedì i prezzi del petrolio sono crollati di oltre 4 dollari al barile, segnando il loro giorno peggiore da marzo, dopo che l’OPEC+ ha accettato di aumentare la produzione, il che ha sollevato preoccupazioni per l’eccesso di offerta dovuto al COVID- in molti paesi. minacciare la domanda.

Per la maggior parte delle ultime due settimane, la sua impennata durata un anno ha rallentato perché la prospettiva di nuove forniture ha minato le ragioni dell’aumento dei prezzi. Con la diffusione della variante Delta del coronavirus, lunedì sono stati liberati i fondi dalle posizioni long.

Alle 11:08 ora della costa orientale (1508 GMT), era sceso di 4,23 dollari USA, o 5,8%, a 69,36 dollari USA al barile. I futures sul petrolio USA sono scesi di 4,56 dollari USA, o del 6,4%, a 67,25 dollari USA al barile.

L’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio e i suoi alleati OPEC+ hanno raggiunto domenica un compromesso per aumentare l’offerta di petrolio da agosto per raffreddare i prezzi del petrolio che questo mese hanno raggiunto il livello più alto in più di due anni.

“Stiamo ancora affrontando gravi deficit in termini di offerta e domanda, ma per il momento l’aumento del petrolio è considerato sufficiente per frenare e soffocare i recenti guadagni”, ha affermato John Kilduff, partner di Again Capital a New York.

Le principali banche credono fermamente che il mercato continuerà a crescere.Goldman Sachs (NYSE:) ha ribadito lunedì che crede che il mercato avrà più spazio per la crescita. Ha affermato che l’accordo OPEC è coerente con la sua visione secondo cui i produttori “dovrebbero sempre concentrarsi sul mantenimento di un mercato spot ristretto, guidando allo stesso tempo i futuri aumenti della capacità produttiva e frenando gli investimenti competitivi”.

Tuttavia, l’accordo OPEC ha rimosso ulteriori restrizioni all’offerta, che sono state la pietra angolare del mercato per un anno. Attualmente l’OPEC+ esclude ogni giorno dal mercato circa 5,8 milioni di barili di greggio, cifra che diminuirà di 2 milioni di barili al giorno entro la fine dell’anno.

L’analista di Julius Baer Carsten Menke ha dichiarato: “La capacità di produzione a lungo termine, gratuita e aggiuntiva dei paesi dell’OPEC+ è la ragione principale per cui riteniamo che i prezzi del petrolio stiano scendendo di nuovo”.

Un popolare scambio di spread nel mercato petrolifero – i primi due contratti future di dicembre, tra dicembre 2021 e dicembre 2022 – è sceso al livello più basso dal 1 giugno. La transazione è dominata dalle prospettive economiche, dalla domanda anticipata, dall’offerta e dalle scorte, e il restringimento dello spread indica che gli operatori si aspettano un aumento dell’offerta entro la fine del 2021.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi dei cambi non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidarsi a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *