Opinione: Economisti: i prezzi diminuiranno in questo periodo l’anno prossimo

[ad_1]

La trama è comprensibile. Il tasso di inflazione, che misura la velocità con cui i prezzi dei beni e dei servizi che acquistiamo, ha iniziato a salire.Ampiamente preoccupato Indice dei prezzi al consumo, Misura Prezzo pagato Nell’ultimo anno fino a giugno, il reddito del consumatore tipico è aumentato del 5,3%. Si tratta del tasso di inflazione più alto dall’estate del 2008.A quel tempo, l’impennata dei prezzi del petrolio era il problema a causa del costo della normale benzina senza piombo benzina Salendo a più di $ 4 al gallone, un record. Cordiali saluti: i prezzi della benzina oggi sono poco più di $ 3 al gallone. Prima del 2008, la gente doveva tornare all’amministrazione di George HW Bush circa 30 anni fa per scoprire che oggi l’inflazione è così alta.

Tuttavia, è sbagliato essere entusiasti dell’elevata inflazione di oggi. Svanirà presto. Le aziende che sono state colpite direttamente dalla pandemia (come compagnie aeree, hotel, negozi di abbigliamento e ristoranti) hanno solo ripristinato i prezzi che avevano ridotto in precedenza per sopravvivere alla pandemia. Questa è una regolazione una tantum. Per comprendere l’impatto di ciò, si consideri l’inflazione dei prezzi al consumo degli ultimi due anni (estratta dalle drammatiche fluttuazioni dei prezzi causate dalla pandemia) che è aumentata del 3% all’anno. Sempre sul lato alto, ma molto meno.

È anche tipico che l’inflazione abbia uno shock temporaneo nel processo di eliminazione della recessione. La domanda è rimbalzata subito dopo la recessione economica, ma l’offerta ha tardato a recuperare ei prezzi sono aumentati. Questo è successo dopo la crisi finanziaria di dieci anni fa. Le aziende non sono sicure se il miglioramento della domanda avrà un potere duraturo e sono caute nell’aumentare la produzione. Sono necessari alcuni passaggi per ripristinare fabbriche chiuse, miniere, hotel e catene di approvvigionamento globali. L’ultima cosa che non vogliono uscire da una recessione economica è l’insostenibilità della domanda.

Se la storia è la nostra guida, i prezzi più alti convinceranno presto i consumatori ad acquistare cose meno costose. Inoltre, considerando quanti soldi si possono guadagnare a questi prezzi più alti, le aziende troveranno il modo per risolvere i loro problemi di catena di approvvigionamento e aumentare la produzione. L’attrito che rende difficile per l’offerta stare al passo con la domanda è risolto ei prezzi sono moderati.

Questo Di legno L’industria è un tipico rappresentante di questa dinamica. I prezzi sono parabolici perché le segherie non possono tenere il passo con l’aumento della domanda per tutte le nuove case e le riparazioni fai-da-te, mentre si riparano sul posto. Ma i prezzi del legname sono diminuiti nelle ultime settimane poiché i costruttori di case hanno esitato a prezzi più alti e hanno ritardato la costruzione fino a quando il legname non è diventato più economico.Inoltre, investi in nuove Produzione di segheria Raccogliere. I prezzi del legname sono ancora più alti rispetto a prima della pandemia, ma non sarà così un anno dopo.
Certo, dopo la pandemia, la disconnessione tra domanda e offerta potrebbe essere più permanente. Catena di fornitura globale Global Gravemente perturbata, l’epidemia sta ancora imperversando in molte parti del mondo, specialmente nelle economie emergenti dove sono iniziate molte catene di approvvigionamento. Ci vorranno diversi mesi per risolvere questo problema. Ma la cernita è già iniziata.
stabile Aspettative di inflazione Ciò che investitori, aziende, consumatori ed economisti pensano dell’inflazione in futuro è anche motivo di ottimismo. Quando è opinione diffusa che l’inflazione rimarrà alta ei lavoratori chiedono aumenti salariali per compensare, l’inflazione diventa un problema dannoso. Quindi, le aziende trasferiscono costi del lavoro più elevati a prezzi più elevati. Una terribile spirale dei prezzi salariali. Questo circolo vizioso è la ragione dell’elevata inflazione che abbiamo sofferto più di 30 anni fa.
Le aspettative di inflazione di oggi sono più alte rispetto a prima della pandemia, ma questa è una funzione, non un errore. Il Federal Reserve Board è preoccupato per le aspettative di inflazione e la bassa inflazione; entrambi sono al di sotto dell’obiettivo di inflazione del 2% della Fed. Non più.Secondo le ultime Indagine della Federal Reserve Bank di Filadelfia Tra gli economisti professionisti, il tasso di inflazione nei prossimi 10 anni dovrebbe essere leggermente superiore al 2%, esattamente La Fed vuole.
È anche preoccupante che il numero record posti vacanti La pressione dei datori di lavoro per fornire bonus alla firma e salari più alti per aiutare a riempire i posti vacanti costringerà le aziende ad aumentare i prezzi. Ma la grave carenza di manodopera non durerà a lungo. I lavoratori che sono permanentemente disoccupati durante la pandemia possono essere perché i loro datori di lavoro hanno fallito.Hanno bisogno di tempo per trovare nuovi datori di lavoro e trovare nuove modalità di lavoro. Una volta che i bambini inizieranno di nuovo l’apprendimento faccia a faccia, i genitori rimarranno a casa con i bambini quando la scuola sarà online e torneranno a lavorare nel nuovo anno scolastico. Chi si è preso cura dei genitori anziani o dei familiari o amici malati non ha più bisogno di farlo, tornerà a lavorare perché i casi di Covid sono in aumento, ma molto al di sotto del periodo di picco. Pandemia.
Da quando è scoppiata la pandemia, le aziende hanno anche escogitato modi per aumentare significativamente significantly Produttività dei lavoratori, Ridurre i costi e alleviare la pressione degli aumenti di prezzo. Di solito sono necessarie grandi modifiche all’organizzazione e al funzionamento delle aziende per sfruttare appieno la tecnologia e gli investimenti che hanno fatto. Quando le cose vanno bene, raramente lo fanno e spesso applicano l’idea di “se non è rotto, non aggiustarlo”. La pandemia ha lasciato molte aziende senza altra scelta che risolvere il problema. Hanno fatto grandi cambiamenti, che si riflettono in una maggiore produttività.

Se tutto andrà secondo il copione, a quest’ora l’anno prossimo il tasso di inflazione rallenterà tra il 2% e il 3%. Non troppo caldo. Non troppo freddo. Giusto.

leggi di più

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *