Paesi in cui Bitcoin è legale e illegale

[ad_1]

Valuta digitale peer-to-peer Bitcoin Ha debuttato nel 2009 e ha aperto una nuova era CriptovalutaSebbene le autorità fiscali, le forze dell’ordine e i regolatori di tutto il mondo stiano ancora discutendo delle migliori pratiche, una domanda correlata è se Bitcoin è legale o illegale? La risposta dipende dalla posizione e dall’attività dell’utente.

Bitcoin non è emesso, riconosciuto o regolamentato da nessuna istituzione Banca centraleInvece, vengono creati attraverso un processo generato dal computer chiamato estrazioneOltre ad essere una criptovaluta che non ha nulla a che fare con nessun governo, Bitcoin è anche un sistema di pagamento peer-to-peer perché non esiste in forma fisica.Pertanto, fornisce un modo conveniente per condurre transazioni transfrontaliere senza tasso di cambio costo. Consente inoltre agli utenti di rimanere anonimi.

I consumatori hanno una maggiore capacità di utilizzare direttamente Bitcoin per acquistare beni e servizi presso i rivenditori online, prelevare contanti dai bancomat Bitcoin e utilizzare Bitcoin in alcuni negozi fisici. La valuta viene scambiata su borse e società e aziende legate alla valuta virtuale ICO (ICO) ha attirato l’interesse dell’intero settore degli investimenti. Sebbene a prima vista Bitcoin sembri essere un sistema di valuta virtuale completo, non esiste ancora una legge internazionale unificata per regolamentare Bitcoin.

Punti chiave

  • Bitcoin è una criptovaluta che non è regolamentata da una banca centrale e non viene stampata, ma viene generata dai computer tramite il mining.
  • Sebbene sia utilizzato per acquistare beni e servizi, non esiste ancora una legge internazionale uniforme per regolamentare Bitcoin.
  • Bitcoin è consentito in molti paesi importanti e sviluppati, come Stati Uniti, Canada e Regno Unito
  • Tuttavia, altri paesi, tra cui Cina e Russia, si oppongono a qualsiasi uso di Bitcoin.

Paesi che dicono “sì” a Bitcoin

Bitcoin può essere utilizzato in modo anonimo per le transazioni tra qualsiasi titolare di conto in qualsiasi parte del mondo e in qualsiasi momento, il che lo rende attraente per criminali e organizzazioni terroristiche. Possono utilizzare Bitcoin per acquistare e vendere beni illegali come droghe o armi. Tuttavia, questa tendenza è cambiata di recente, poiché i criminali stanno alla larga da Bitcoin per paura di essere rintracciati.

La maggior parte dei paesi non ha chiaramente determinato la legittimità di Bitcoin, ma ha adottato un atteggiamento attendista. Alcuni paesi accettano indirettamente l’uso legale di Bitcoin attraverso lo sviluppo di una certa supervisione normativa.Tuttavia, a partire da giugno 2021, El Salvador è l’unico corso legale.

stati Uniti

Gli Stati Uniti hanno adottato una posizione generalmente positiva su Bitcoin, sebbene alcune agenzie governative stiano lavorando per prevenire o ridurre l’uso di Bitcoin per transazioni illegali. Aziende famose come Dish Network (DISH), Microsoft, Subway e Overstock (OSTK) accolgono con favore i pagamenti Bitcoin. La valuta digitale è entrata anche negli Stati Uniti. Derivati Mercato-aumentare la sua legittimità.

Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti Rete per l’applicazione della criminalità finanziaria (FinCEN) pubblica linee guida su Bitcoin dal 2013. Il Ministero delle Finanze ha definito Bitcoin come un’attività di servizi monetari (MSB) piuttosto che come valuta.Questo lo mette dentro Legge sul segreto bancario, che richiede agli exchange e ai processori di pagamento di rispettare determinati doveri, come la segnalazione, la registrazione e la tenuta dei registri.

Inoltre, Bitcoin è classificato come proprietà dal governo degli Stati Uniti a fini fiscali. Agenzia delle Entrate (Agenzia delle Entrate).

Canada

Come il suo vicino meridionale, gli Stati Uniti, il Canada mantiene nel complesso una posizione favorevole ai Bitcoin, garantendo allo stesso tempo che le criptovalute non vengano utilizzate per il riciclaggio di denaro. Bitcoin è considerato una merce dalla Canada Revenue Agency (CRA).

Ciò significa che le transazioni Bitcoin sono considerate permuta Transazione, si considera il reddito generato Reddito operativoLa tassazione dipende anche dal fatto che l’individuo abbia un’attività commerciale o si preoccupi solo degli investimenti.

Il Canada tratta gli scambi di Bitcoin come un’attività di servizi monetari.Questo li mette in Antiriciclaggio (AML) Legge. Gli scambi di bitcoin devono registrarsi presso il Canadian Financial Transaction and Reporting Analysis Center (FINTRAC), segnalare eventuali transazioni sospette, conformarsi ai programmi di conformità e persino conservare determinati registri. Inoltre, alcune importanti banche canadesi hanno vietato l’uso delle proprie carte di credito o di debito per le transazioni bitcoin.

Australia

Simile al Canada, l’Australia crede che Bitcoin non sia né una valuta né una valuta straniera e l’Australian Taxation Office (ATO) lo ha stabilito come una risorsa Imposta sulle plusvalenze scopo.

Unione europea

Il 22 ottobre 2015, la Corte di giustizia europea (ECJ) ha stabilito che l’acquisto e la vendita di valuta digitale è considerato come fornitura di servizi ed è esentato I.V.A. (Imposta sul valore aggiunto) Totale Unione europea (UE) Stati membri. Inoltre, alcuni paesi dell’UE hanno anche formulato le proprie posizioni Bitcoin.

In Finlandia, la Commissione centrale per la tassazione (CBT) ha concesso a Bitcoin l’esenzione IVA classificandolo come un servizio finanziario. Il bitcoin è considerato una merce in Finlandia, non una valuta.

Anche la finanza del servizio pubblico federale belga esenta Bitcoin dall’IVA. Anche a Cipro, Bitcoin non è controllato o regolamentato.

Questo Autorità di condotta finanziaria Financial (FCA) detiene una posizione di supporto per Bitcoin nel Regno Unito e spera che l’ambiente normativo supporti la valuta digitale.Bitcoin è soggetto a determinate normative fiscali nel Regno Unito

Anche l’Agenzia nazionale delle entrate bulgara (NRA) ha incluso Bitcoin nelle sue leggi fiscali esistenti. La Germania è aperta al Bitcoin: Bitcoin è considerato legale, ma vengono applicate tasse diverse a seconda che le autorità abbiano a che fare con scambi, minatori, aziende o utenti.

salvatore

El Salvador è l’unico paese al mondo che consente Bitcoin come moneta a corso legale. Nel giugno 2021, il Congresso del paese ha approvato la proposta del presidente Nayib Bukele di adottare formalmente Bitcoin come metodo di pagamento.

Paesi che dicono no a Bitcoin

Sebbene Bitcoin sia popolare in molte parti del mondo, alcuni paesi sono cauti a causa della sua volatilità, natura decentralizzata, minaccia percepita all’attuale sistema monetario e connessione con attività illegali come il traffico di droga e il riciclaggio di denaro.Alcuni paesi vietano completamente le valute digitali, mentre altri cercano di tagliare le banche e Sistema finanziario È essenziale per la sua transazione e il suo utilizzo.

Cina

Bitcoin è sostanzialmente vietato in Cina. A tutte le banche e altre istituzioni finanziarie (come i processori di pagamento) è vietato condurre transazioni o transazioni bitcoin. Gli scambi di criptovalute sono vietati. Il governo ha represso i minatori.

Russia

Bitcoin non è regolamentato in Russia, ma è illegale utilizzarlo come pagamento per beni o servizi.alcunialcuni

Vietnam

del Vietnam Governo e suoi Banca nazionale Insisti sul fatto che Bitcoin non è un metodo di pagamento legale, anche se non è regolamentato come investimento.

Bolivia, Colombia ed Ecuador

El Banco Central de Bolivia ha vietato l’uso di Bitcoin e altre criptovalute. La Colombia non consente l’uso o l’investimento di Bitcoin. Bitcoin e altre criptovalute sono state bandite in Ecuador da un voto a maggioranza dell’Assemblea Nazionale.

Linea di fondo

Sebbene Bitcoin abbia più di 10 anni di storia, molti paesi non dispongono ancora di sistemi chiari per limitare, supervisionare o vietare questa criptovaluta. La natura decentralizzata e anonima di Bitcoin pone sfide a molti governi su come consentire l’uso legale prevenendo le transazioni criminali. Molti paesi stanno ancora analizzando i metodi di regolamentazione delle criptovalute. In generale, Bitcoin è ancora in una zona grigia legale nella maggior parte del mondo.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *