Perché Tesla (TSLA) trarrà vantaggio dall’ordine esecutivo dei veicoli elettrici?

[ad_1]

La scorsa settimana, il presidente Joe Biden ha firmato un ordine esecutivo che ha portato l’industria dei veicoli elettrici (EV) in una fase di rapido sviluppo. L’ordine fissa l’obiettivo per i veicoli elettrici, le celle a combustibile a idrogeno e i veicoli ibridi plug-in di rappresentare il 50% delle vendite negli Stati Uniti entro il 2030.

Per raggiungere questo numero, il governo sta utilizzando una combinazione di iniziative politiche e finanziamenti. Prevede di aumentare gli standard di efficienza del carburante dei modelli 2026 prodotti dalle principali aziende automobilistiche statunitensi e ha stanziato $ 7,5 miliardi in stazioni di ricarica per veicoli elettrici nel disegno di legge sulle infrastrutture da $ 1 trilione attualmente approvato dalla Camera dei Rappresentanti.

Punti chiave

  • Il presidente Biden ha firmato un ordine esecutivo che fissava l’obiettivo per i veicoli elettrici di rappresentare il 50% delle vendite negli Stati Uniti entro il 2030.
  • Sebbene la società non abbia partecipato alla firma dell’ordine, Tesla potrebbe diventare il suo più grande beneficiario.
  • La consapevolezza del marchio, la tecnologia delle batterie, la rete di ricarica e l’aumento degli impianti di produzione di Tesla l’hanno resa leader tra i produttori di auto elettriche che beneficiano degli ordini.
  • Tuttavia, gli investitori potrebbero voler seguire da vicino i progressi della società perché ha una storia di scadenze mancate.

Il 50% dei dati di vendita sono obiettivi “volontari” negoziati con le tre principali case automobilistiche, Ford Motor Company.F), General Motors Corporation (Motori generali) e Stellatis NV (STLA). Quando ha annunciato l’ordine, il presidente Biden ha dichiarato: “Loro (VE) sono la visione del futuro che sta iniziando a realizzarsi ora e il futuro dell’industria dei veicoli elettrici ora”.

Azienda Tesla (Tesla) È la società di veicoli elettrici più venduta negli Stati Uniti, ma ovviamente assente da questo contratto. Ma potrebbe essere il più grande beneficiario dell’ordine.

Perché Tesla trarrà vantaggio dall’ordine esecutivo

Sebbene i profitti e le consegne riportati siano molto più alti di Tesla, le case automobilistiche tradizionali sono gravate da una pipeline di veicoli a benzina. L’aumento degli standard di efficienza del carburante dei veicoli da 43,3 miglia per gallone per i modelli 2020 a 52 miglia per gallone per i modelli 2026 aumenterà i costi di produzione di tali veicoli e li renderà più costosi per i consumatori. Le auto elettriche costano in media 19.000 dollari in più rispetto alle auto a benzina e diventeranno un’alternativa interessante per i consumatori.

Tesla ha il riconoscimento del marchio più forte tra tutti i produttori di auto elettriche e ha una posizione dominante in questo tipo di mercato automobilistico negli Stati Uniti. La società con sede a Palo Alto, in California, possiede il 74% quota di mercato Per tutti i veicoli elettrici venduti nei tre anni prima del 2020, le sue auto Model 3 e Model Y sono attualmente i modelli più venduti nel mercato statunitense. La società ha raggiunto questa impresa anche dopo che i crediti d’imposta federali disponibili per i proprietari di auto Tesla sono scaduti nel luglio 2018.

Sebbene il costo totale dei veicoli elettrici sia ancora molto più alto di quello dei veicoli a benzina, Tesla fa affidamento sulla scala e sulla nuova chimica delle batterie per colmare questo divario. Prevede di iniziare la produzione della Model Y nel suo stabilimento di Austin, in Texas, entro la fine di quest’anno.

Per superare i colli di bottiglia della catena di approvvigionamento, l’azienda sta sviluppando batterie personalizzate per i suoi veicoli. Il CEO di Tesla, Elon Musk, ha affermato che la batteria entrerà a far parte di una nuova architettura di “pacco batteria strutturato” che aiuterà Tesla a produrre un’auto del valore di $ 25.000 nei prossimi tre anni. Il suo stabilimento di produzione di batterie in Nevada dovrebbe anche migliorare ulteriormente le economie di scala dell’azienda.Ha anche una libreria di brevetti relativa alle funzioni disponibili dei veicoli elettrici, con le ultime statistiche di 580 articoli, che dovrebbero aiutare a mantenere la sua posizione di leader davanti ai concorrenti.

Uno dei motivi delle basse vendite di veicoli elettrici negli Stati Uniti è la mancanza di infrastrutture di ricarica sulle strade. Si dice che i proprietari di veicoli elettrici soffrano di “ansia da autonomia” quando guidano veicoli elettrici, temendo che i loro veicoli possano rimanere senza energia durante il viaggio. L’aumento del numero di stazioni di ricarica per veicoli elettrici nel Paese compenserà questa ansia. Tesla ha già la più grande rete di ricarica per veicoli elettrici del paese, che è interoperabile con altre reti.

Attenzione: colpi in avanti

Ma per gli investitori di Tesla, aspettare prima di aprire quella bottiglia di spumante potrebbe essere un’idea.

Dato il potere che hanno nel mercato automobilistico, le case automobilistiche tradizionali possono ancora ritardare o addirittura interrompere lo sviluppo futuro. Le tre case automobilistiche che hanno partecipato alla firma dell’ordine di Biden la scorsa settimana hanno sottolineato l’importanza delle politiche per la realizzazione del futuro. Hanno affermato che l’obiettivo volontario delle vendite di veicoli elettrici “può essere raggiunto solo con l’implementazione tempestiva dell’intera serie di politiche di elettrificazione promesse dall’attuale governo”. Questa affermazione può essere interpretata come un riferimento indiretto all’elemento mancante nella sequenza della scorsa settimana.

Ad esempio, l’ordinanza non menziona i crediti d’imposta per l’acquisto di veicoli elettrici. La linea di credito va da US $ 3.500 a US $ 7.500, che può promuovere le vendite di veicoli elettrici riducendo il costo complessivo delle vendite per i consumatori. Il Senato sta attualmente discutendo la legislazione sui crediti d’imposta sui veicoli elettrici.

Negli ultimi anni è raddoppiato anche il campo di concorrenza per i veicoli elettrici. Partecipanti maturi e start-up sono entrati nel settore. Alcuni, come il gigante automobilistico tedesco Volkswagen (Volkswagen), dovrebbe diventare il più grande produttore di veicoli elettrici già il prossimo anno.

Tesla dovrà rafforzare le sue capacità di gioco e produzione per competere con queste aziende. La sua storia ampia e ben documentata di scadenze e impegni mancati non aiuta. Gli investitori dell’azienda erano molto consapevoli della storia di Musk di esagerare le prospettive future dell’azienda, e poi si sono tirati indietro.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *