Più di 400.000 persone sono morte a causa del coronavirus in India; gli sforzi di vaccinazione hanno bloccato Reuters

[ad_1]

© Reuters. Foto del file: il 16 gennaio 2021, in un centro medico a Mumbai, in India, durante una campagna di vaccinazione contro la malattia da coronavirus (COVID-19), un operatore sanitario in possesso di una rosa è stato vaccinato con il vaccino COVISHIELD di AstraZeneca. REUTERS/Francis Mascarenhas/File Photo

Autori: Shilpa Jamkhandikar e Sumit Khanna

Mumbai/Ahmedabad (Reuters)-Il bilancio ufficiale delle vittime del coronavirus in India ha raggiunto venerdì 400.000, ma gli esperti affermano che il bilancio delle vittime effettivo potrebbe raggiungere 1 milione o più e la terza ondata di epidemie potrebbe essere imminente.

Secondo una statistica Reuters, l’India è aumentata di 100.000 morti in 39 giorni mentre una brutale seconda ondata di infezioni ha spazzato la città e in vaste aree rurali, dove milioni di persone non erano ancora vaccinate.

I dati del Ministero della Salute mostrano che durante la notte, il Paese ha registrato 853 morti, portando il bilancio delle vittime a oltre 400.000.

Il bilancio delle vittime in India è il terzo più alto al mondo.

“La sottovalutazione delle morti si è verificata in ogni stato, principalmente perché il sistema è in ritardo, quindi questo significa che non capiremo mai davvero quante persone abbiamo perso nella seconda ondata”, ha affermato il professore della New York University Rijo M John. Rajagiri College of Social Sciences nella città meridionale di Kochi.

Sebbene sia ancora in aumento, il numero di nuove infezioni è sceso al minimo di due mesi da quando ha raggiunto un picco di 400.000 al giorno a maggio.

Gli esperti della malattia hanno avvertito che con la lenta riapertura del paese e una nuova variante chiamata localmente Delta Plus, che sta per verificarsi una terza ondata di epidemie, il governo ha spostato l’attenzione sull’immunizzazione di massa.

Il governo del primo ministro Narendra Modi la scorsa settimana ha avviato una campagna nazionale per vaccinare gratuitamente tutti gli adulti nel Paese, con l’obiettivo di raggiungere 950 milioni di persone entro la fine dell’anno.

Tuttavia, i dati ufficiali mostrano che il ritmo della vaccinazione è rimasto stagnante.

L’India ha iniettato una media di 3,5 milioni di dosi al giorno questa settimana, rispetto ai 6,6 milioni di dosi della scorsa settimana.

Gli esperti attribuiscono il picco di 9 milioni di dosi del 21 giugno agli Stati che stanno accumulando grandi quantità di vaccino per avviare la campagna di Modi.

I dati ufficiali del portale Co-Win del governo mostrano che solo il 6% di tutti gli adulti idonei nel paese è stato vaccinato con due dosi obbligatorie.

Calpestare

Nei due più grandi stati del paese sotto il controllo del Bharatiya Janata Party sotto la guida di Modi, alla polizia è stato ordinato di controllare un gran numero di persone al di fuori di alcuni centri di vaccinazione perché la carenza di vaccini ha causato il panico.

Nella città natale di Modi, il Gujarat, diversi centri di vaccinazione ad Ahmedabad, una delle principali città industriali, sono chiusi.

In Madhya Pradesh, guidato dal Bharatiya Janata Party di Modi, i tassi di vaccinazione sono diminuiti di oltre il 40%. Secondo il canale di notizie NDTV, in un’area è scoppiata una fuga precipitosa dopo che una folla ha sfondato il cancello chiuso di un campo di vaccinazione locale.La polizia ha dovuto controllare la fuga precipitosa.

I gruppi di cittadini della città hanno affermato che a Mumbai, la capitale finanziaria dell’India, venerdì il centro di vaccinazione è stato aperto solo per tre ore e il numero di vaccini disponibili è limitato.

Dallo scoppio della pandemia lo scorso anno, l’India ha registrato 30,45 milioni di casi di COVID-19, diventando così il secondo Paese più colpito dopo gli Stati Uniti, che hanno 33 milioni di casi.

Più di 604.000 persone sono morte negli Stati Uniti, mentre circa 518.000 persone sono morte in Brasile.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *