Poiché il ritardo nella fine del blocco in Inghilterra è imminente, le aziende cercano maggiore sostegno more

[ad_1]

Mentre i ministri si preparano a posticipare la riapertura economica, i leader aziendali hanno invitato il governo britannico a sostenere ulteriormente l’azienda.

Boris Johnson dirà lunedì che la maggior parte delle misure per allentare ulteriormente le restrizioni del blocco in Inghilterra non saranno attuate il 21 giugno come previsto e saranno ritardate fino a quattro settimane per consentire la riapertura di locali notturni e altre imprese.

Il primo ministro britannico annuncerà il rinvio in una conferenza stampa a Downing Street, dove dirà al Paese che prima che le restrizioni finali vengano allentate, più persone devono essere “di nuovo” vaccinate. Si prevede che verrà posticipato al 19 luglio e, se i dati si riveleranno molto migliori del previsto, potrebbe riposare tra due settimane.

I gruppi alberghieri hanno avvertito che il continuo distanziamento sociale nei bar e nei ristoranti ridurrà gravemente il picco di reddito e gli occupanti degli uffici dovranno riconsiderare il loro ritorno al piano dell’ufficio, poiché dovrebbero istruire i dipendenti a lavorare da casa, se possibile.

L’Associazione dei direttori della più antica organizzazione dei datori di lavoro del Regno Unito ha dichiarato che le restrizioni imposte dal rinvio fino a dopo il 21 giugno supererebbero le misure di soccorso del governo per aiutare le aziende a sopravvivere alla pandemia.

Roger Barker, direttore delle politiche di IoD, ha dichiarato che il ritardo è stato “un duro colpo per molte aziende, in particolare quelle nei settori della vendita al dettaglio e dell’ospitalità”. Ha avvertito che il Regno Unito è “vicino all’orlo del precipizio” e ha affermato che “l’introduzione di ulteriore sostegno in risposta all’estensione del periodo di blocco” è fondamentale.

Alla fine di giugno, le aziende dovranno affrontare una serie di nuovi costi importanti: gli affitti trimestrali scadranno la prossima settimana, ma il divieto di sfratto degli affitti commerciali scadrà questo mese. Gli inquilini che sono stati chiusi durante la pandemia devono ai loro proprietari fino a 6 miliardi di sterline di affitto, ma porre fine agli sgravi per i fallimenti forzati dal coronavirus potrebbe mettere migliaia di aziende a rischio di fallimento.

Dal 1° luglio anche i datori di lavoro devono iniziare a pagare il 10% delle spese per le ferie e le esenzioni tariffarie per le imprese saranno ridotte a circa due terzi. La società ha iniziato a rimborsare gli interessi del governo sul prestito Covid-19.

La Federazione delle piccole imprese chiede ai ministri di posticipare la graduale riduzione dei piani di ferie, estendere di sei mesi il periodo di sospensione degli affitti, annullare i prestiti di recupero alle aziende ancora chiuse e fornire riduzioni globali dei tassi di interesse aziendali per le aziende del commercio al dettaglio, alberghiero e industrie della ristorazione. tempo libero.

Claire Walker, co-direttore esecutivo della British Chamber of Commerce, ha affermato che “la cosa più importante che il governo può portare alle aziende è determinare la via da seguire e garantire che vengano ampliati importanti programmi di supporto”.

I leader aziendali temono anche che se i lavoratori rimangono a casa più a lungo e il distanziamento sociale continua a limitare il commercio, ciò avrà un impatto sul centro della città.

John Dickie, capo di London First, ha affermato che le aziende londinesi hanno sempre voluto “restituire alcuni lavoratori a lavorare su larga scala almeno per una parte del tempo”. Ha aggiunto: “Questo è molto deludente. Se vogliono posticipare, la chiave è fornire aiuto alle imprese nelle aree attualmente limitate dalle regole”.

Jace Tyrrell, CEO della New West End Company, che rappresenta 600 aziende nel centro di Londra, ha affermato che “un mese di ritardo e una settimana di preavviso aggiungeranno costi aggiuntivi alle aziende che sono già vulnerabili”.

Ha aggiunto che il flusso di passeggeri nell’intero distretto occidentale è circa la metà del livello pre-pandemia. “Se le aziende vogliono sopravvivere al recente colpo, il governo deve impegnarsi ad estendere la riduzione del tasso di interesse aziendale almeno a ottobre e deve considerare di allentare la legge sul commercio domenicale”, ha affermato Tyrrell. “Una volta che gli acquirenti sono tornati in strada, dobbiamo fornire all’azienda la migliore opportunità di sopravvivere e prosperare, il che è della massima importanza”.

Se la diffusione della variante delta del coronavirus non verrà fermata, il governo non escluderà ulteriori ritardi. Il ministro della Salute Edward Argar ha dichiarato alla BBC che “probabilmente” sono necessarie ulteriori restrizioni. Ha aggiunto che l’obiettivo principale è garantire che qualsiasi politica allentata sia irreversibile.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *