Poiché l’impatto di COVID-19 persiste, il rimbalzo economico del secondo trimestre del Giappone potrebbe essere debole: sondaggio Reuters

[ad_1]

2/2

© Reuters. Il 18 maggio 2020, dopo l’epidemia di coronavirus (COVID-19), i pedoni che indossavano maschere protettive hanno attraversato la finestra di un grande magazzino a Tokyo, in Giappone. REUTERS/Kim Kyung-Hoon

2/2

di Leika Kihara

Tokyo (Reuters)-Un sondaggio Reuters mostra che l’economia giapponese potrebbe riprendersi leggermente nel secondo trimestre dal forte calo all’inizio dell’anno, poiché le forti esportazioni e le spese in conto capitale hanno in parte attenuato l’impatto della pandemia di coronavirus sui consumi .

Ma gli analisti prevedono che con l’espansione delle misure di contenimento di emergenza e l’aumento dei tassi di infezione che mettono sotto pressione la spesa delle famiglie, la terza economia mondiale sarà in ritardo rispetto ad altri paesi sviluppati che sono emersi dalla recessione.

“La forte contrazione nel primo trimestre non riprenderà molto. I dati mostreranno che l’economia continua a ristagnare”, ha affermato Yoshiki Shinke, capo economista del First Life Research Institute.

“La situazione da luglio a settembre non migliorerà molto, perché l’espansione delle restrizioni COVID-19 e l’aumento dei contagi danneggeranno i consumi estivi”.

Secondo gli analisti intervistati da Reuters, i dati preliminari sul prodotto interno lordo (PIL) mostreranno che l’economia è cresciuta dello 0,7% da aprile a giugno a un tasso annuo dopo un calo del 3,9% nel primo trimestre. L’indagine mostra che su base trimestrale il PIL potrebbe crescere dello 0,2%.

Il sondaggio mostra che, poiché i produttori aumentano la spesa per compensare i ritardi negli investimenti causati dalla pandemia lo scorso anno, si prevede che le spese in conto capitale aumenteranno dell’1,7%.

Il sondaggio ha mostrato che a causa della crisi sanitaria che continua a ridurre la spesa per i servizi, i consumi sono diminuiti dello 0,1%, ma il calo è stato inferiore a quello dell’1,5% nel trimestre precedente.

L’indagine mostra che, sebbene le esportazioni siano ancora forti, la domanda esterna potrebbe ridurre il tasso di crescita dello 0,1% poiché la crescita delle importazioni supera le spedizioni all’estero.

Il governo rilascerà i dati sul PIL alle 8:50 del 16 agosto (2350 GMT, 15 agosto).

L’indagine mostra che un altro dato dovrebbe mostrare che l’inflazione all’ingrosso a luglio raggiungerà il 5,0% su base annua, indicando che l’aumento dei costi delle materie prime sta colpendo i margini di profitto aziendali.

I dati scadranno alle 8:50 del 12 agosto (2350 GMT, 11 agosto).

La contrazione economica del Giappone nel primo trimestre ha segnato il primo calo in tre trimestri, poiché le attività per contenere la pandemia hanno colpito i consumi.

Sebbene la forte domanda globale abbia guidato le esportazioni e le spese in conto capitale, la carenza globale di chip ha interrotto la produzione di automobili e gettato un’ombra sulle prospettive dei produttori giapponesi.

“La crescita delle esportazioni e della produzione sembra rallentare”, ha affermato Mari Iwashita, capo economista di mercato presso Daiwa Securities.

“Se la carenza di chip dura più a lungo del previsto, potrebbero esserci delle fluttuazioni nella produzione di fabbrica in Giappone”.

Disclaimer: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidamento a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *