Qual è la differenza tra il rapporto di Sharpe e il rapporto di Treynor?

[ad_1]

Questo Rapporto di nitidezza con Trenoby Sono due rapporti utilizzati per misurare il tasso di rendimento aggiustato per il rischio. Entrambi prendono il nome dai loro creatori, vale a dire il premio Nobel William Sharp e l’economista americano Jack Treno. Sebbene possano aiutare gli investitori a comprendere gli investimenti e i rischi, forniscono metodi diversi per valutare le prestazioni degli investimenti. Il rapporto di Sharpe aiuta gli investitori a comprendere il ritorno sull’investimento rispetto al loro rischio, mentre il rapporto di Treynor esplora i rendimenti in eccesso generati da ciascuna unità di rischio nel portafoglio.

Questo breve articolo esplora come funziona ogni rapporto e come differiscono.

Come funziona il rapporto di Sharpe

Lo Sharpe Ratio è stato sviluppato per la prima volta nel 1966 e rivisto nel 1994 per rivelare la performance delle attività rispetto agli investimenti privi di rischio. Il benchmark comune utilizzato per indicare un investimento privo di rischio sono i buoni del Tesoro o le obbligazioni statunitensi, in particolare i buoni del Tesoro a 90 giorni.L’indice di Sharpe calcola il rendimento dell’investimento atteso o effettivo di un portafoglio (o anche di un singolo investimento azionario), sottrae il rendimento dell’investimento privo di rischio e quindi divide quel numero per Deviazione standard Per portafogli di investimento. In generale, maggiore è il valore dell’indice di Sharpe, più attraente è il rendimento corretto per il rischio.













SR

=



(


r

X





resistenza

F


)



secondo

D















dov’è:




















r

X


=








Ritorno previsto o effettivo sull’investimento














Investimento


















resistenza

F


=

Rendimento dell’investimento senza rischi














secondo

D

=

Deviazione standard


r

X





begin{allineato} &textnormal {SR} = frac {(r_{x}-R _{F})}{SD} &textbf{dove:} &begin{allineato} r_{ x} = &text{ritorno previsto o effettivo sull’investimento} &text{investimento} end{allineato} &R_{F} = text{ritorno sull’investimento privo di rischio} &SD = text {} deviazione standard di r_{x} end{allineato}


SR=secondoD(rXresistenzaF)dov’è:rX= Ritorno previsto o effettivo sull’investimento InvestimentoresistenzaF=Rendimento dell’investimento senza rischisecondoD=Deviazione standard rX

Finché i risultati della misurazione sono coerenti, il tasso di rendimento atteso o effettivo può essere misurato con qualsiasi frequenza. Una volta che il tasso di rendimento atteso o effettivo viene sottratto dal rendimento dell’investimento privo di rischio, può essere diviso per la deviazione standard. Maggiore è la deviazione, migliore è il rendimento.

Lo scopo principale dell’indice di Sharpe è determinare se stai ottenendo un rendimento significativamente più elevato dal tuo investimento rispetto all’investimento in strumenti privi di rischio, in cambio dell’accettazione dei rischi aggiuntivi inerenti all’investimento in azioni.

Come funziona il rapporto di Treynor

Più o meno contemporaneamente al rapporto di Sharpe, anche il rapporto di Treynor ha cercato di valutare Rendimento corretto per il rischio Portafoglio di investimento, ma misura la performance del portafoglio di investimento secondo diversi benchmark. Il Treynor Ratio non misura solo il rendimento del portafoglio di investimento in base al tasso di rendimento dell’investimento privo di rischio, ma guarda invece a come la performance complessiva del portafoglio di investimento è migliore rispetto al mercato azionario. Lo fa sostituendo beta alla deviazione standard nell’equazione del rapporto di Sharpe, che è definita come il tasso di rendimento dovuto alla performance complessiva del mercato.

Ad esempio, se l’inventario standard Indice di mercato Mostra un tasso di rendimento del 10%: questo costituisce una beta. Secondo il rapporto Treynor, il portafoglio che ha mostrato un rendimento del 13% è attribuibile solo al 3% in più che ha generato, che ha superato la performance complessiva del mercato. Puoi pensare al rapporto di Treynor come a un indicatore che determina se il tuo portafoglio è significativamente migliore del rendimento medio sul mercato.

Limiti di ogni rapporto

Ciascuno di questi rapporti presenta alcuni svantaggi. Laddove l’indice di Sharpe fallisce è che è esacerbato da investimenti che non hanno rendimenti normalmente distribuiti, come gli hedge fund. Molti di loro utilizzano strategie e opzioni di trading dinamiche che possono distorcere i loro rendimenti.

Il principale svantaggio del rapporto Treynor è che guarda indietro e si basa sull’uso di benchmark specifici per misurare il beta. Tuttavia, la performance della maggior parte degli investimenti nel futuro non è necessariamente la stessa del passato.

Linea di fondo

La differenza tra questi due indicatori è che il rapporto di Treynor utilizza il beta o il rischio di mercato per misurare la volatilità, invece di utilizzare il rischio totale (deviazione standard) come il rapporto di Sharpe.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *