Quali principi finanziari aiutano un’azienda a scegliere la propria struttura del capitale?

[ad_1]

Man mano che l’azienda cresce e continua a operare, devono decidere come finanziare vari progetti e operazioni, come pagare i propri dipendenti e mantenere le normali operazioni. Sebbene i ricavi delle vendite siano la principale fonte di reddito, la maggior parte delle aziende cerca anche finanziamenti da investitori o finanziatori. Ma qual è la corretta combinazione di azioni vendute agli investitori e obbligazioni vendute ai creditori? La teoria della struttura del capitale è un’analisi di questo importante problema aziendale.

Il metodo del reddito netto, la teoria del trade-off statico e la teoria dell’ordine gerarchico sono i tre principi finanziari che aiutano le aziende a scegliere il proprio. Struttura del capitaleOgnuno ha un ruolo da svolgere nel processo decisionale, a seconda del tipo di struttura del capitale che l’azienda spera di raggiungere. Tuttavia, sulla base di osservazioni empiriche, la teoria dell’ordine gerarchico è più comunemente utilizzata per determinare la struttura del capitale di un’azienda.

Punti chiave

  • La struttura del capitale si riferisce alla combinazione di reddito, capitale proprio e debito che un’azienda utilizza per finanziare la sua crescita e le sue operazioni.
  • Diversi economisti hanno escogitato metodi per determinare e ottimizzare la struttura del capitale ideale dell’azienda.
  • Qui, esaminiamo tre metodi popolari: metodo del reddito netto, teoria del trade-off statico e teoria dell’ordine gerarchico.

Metodo del reddito netto

L’economista David Durand ha proposto per la prima volta questo metodo nel 1952 ed è un sostenitore della leva finanziaria.Presuppone che i cambiamenti nella leva finanziaria porteranno a Costo del capitale. In altre parole, se il rapporto debito/PIL aumenta, la struttura del capitale aumenterà. Costo medio ponderato del capitale (WACC), che porta a un aumento del valore aziendale.

In assenza di imposte, Durand ha proposto anche il metodo del reddito operativo netto, che è l’opposto del metodo del reddito netto. In questo metodo, WACC rimane invariato.Presuppone che il mercato analizzi l’intera azienda e che gli eventuali sconti siano Rapporto debito/patrimonio netto. Se vengono fornite informazioni fiscali, significa che il WACC diminuirà all’aumentare del finanziamento del debito e il valore dell’azienda aumenterà.

In questo metodo di teoria della struttura del capitale, il costo del capitale è una funzione della struttura del capitale.Tuttavia, è importante ricordare che questo metodo presuppone Struttura ottimale del capitale. La struttura del capitale ottimale significa che sotto un certo rapporto debito/capitale proprio, il costo del capitale è il più piccolo e il valore dell’impresa è il più grande.

Teoria del trade-off statico

La teoria del trade-off statico è una teoria finanziaria basata sul lavoro degli economisti Modigliani e Miller negli anni 50. I due professori hanno studiato la teoria della struttura del capitale e hanno sviluppato congiuntamente una proposizione che non ha nulla a che fare con la struttura del capitale. Questa proposta sottolinea che in un mercato perfetto, la struttura del capitale utilizzata da un’azienda non è importante, perché il valore di mercato dell’azienda dipende dalla sua redditività e dai rischi delle attività correlate.

Secondo Modigliani e Miller, il valore non ha nulla a che fare con il metodo di finanziamento utilizzato e l’investimento dell’azienda.Questo Teorema di M&MM Dai due suggerimenti:

  • Proposta uno: Questa proposta dice che la struttura del capitale non ha nulla a che fare con il valore dell’azienda. Il valore di due società identiche rimarrà invariato e il valore non sarà influenzato dalle opzioni di finanziamento utilizzate per finanziare il bene. Il valore della società dipende dagli utili futuri attesi. Questo è quando non ci sono tasse.
  • Proposta Due: Questa proposta afferma che la leva finanziaria aumenta il valore dell’azienda e riduce il WACC. Questo è quando le informazioni fiscali sono disponibili.

Secondo la teoria del trade-off statico, poiché i pagamenti del debito della società sono esentasse e il rischio di sostituire il capitale con il debito è relativamente piccolo, Finanziamento del debito Inizialmente più economico del finanziamento azionario. Ciò significa che le aziende possono ridurre il costo medio ponderato del capitale attraverso una struttura del capitale in cui il debito è superiore al capitale.

Tuttavia, l’aumento dell’ammontare del debito aumenterà anche il rischio dell’azienda, compensando in una certa misura il calo del WACC. Pertanto, la teoria del trade-off statico determina la combinazione di debito e capitale, in cui il calo del WACC compensa l’aumento del rischio finanziario dell’azienda.

Teoria dell’ordine gerarchico

La teoria dell’ordine gerarchico afferma che le aziende dovrebbero essere più disposte a finanziarsi prima tramite finanziamenti interni. utili trattenutiSe questa fonte di finanziamento non è disponibile, l’azienda dovrebbe finanziarsi attraverso il debito. Infine, come ultima risorsa, la società dovrebbe autofinanziarsi emettendo nuove azioni.

Questo ordine di priorità è importante perché dimostra al pubblico le prestazioni dell’azienda. Se un’azienda si finanzia internamente, significa che è forte. Se un’azienda si finanzia attraverso il debito, dimostra che la direzione è sicura che l’azienda possa far fronte ai propri obblighi mensili.Se una società raccoglie fondi per se stessa emettendo nuove azioni, questo di solito è un segno negativo perché la società crede alle sue azioni Sopravvalutato Cerca di fare soldi prima di farlo Prezzo delle azioni scendere.

Linea di fondo

Le aziende possono determinare la struttura del capitale ideale in vari modi tra contanti dalle vendite, azioni vendute agli investitori e debito venduto agli obbligazionisti. Un’analisi accurata della struttura del capitale può aiutare le aziende a ottimizzare il costo del capitale, migliorando così la redditività.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *